POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione. Recensioni stilate da me e da altri autori. Editoriali vari. Pubblico poesie, racconti e dialoghi di vari autori.Vi si possono trovare gallerie d'arte, fotografie, e quant'altro l'estro del momento mi suggerisce di pubblicare. Sulla banda destra della home page, appaiono i miei e-book poetici ed altre sillogi di alcuni autori. Così come le riviste online de L'Approdo e de La Barba di Diogene, tutto si può sfogliare, è sufficiente cliccare sulla copertina. Aggiungo che , sempre nella barra a destra della home page ci sono mie video poesie, con sottofondo musicale. E' sufficiente cliccare sull'immagine per ascoltare testo e musica, direttamente da YouTube. Tutte realizzate dalla eclettica Anna Montella., Ci sono poi i miei libri scritti nel corso di circa 10 anni. Buona lettura e buon ascolto!

martedì, ottobre 4

Jerry Hasani - Ricchi No (Official Video)


Nascere disabili fisicamente, ma non intellettualmente, è già un grande vantaggio. Jerry Hasani ha scritto parole e musica per una canzone del genere rapper, supportato amichevolmente dal rapper Ghali.

 Ascoltate le parole della sua canzone, molto triste ma piena di voglia di vivere.

https://youtu.be/osjCYRKxKqY

https://www.youtube.com/watch?v=Hesk-UWPDPc

Danila Oppio

sabato, ottobre 1

LA RIVOLUZIONE AD OTTOBRE di Padre MAURO ARMANINO


La rivoluzione ad ottobre


Appena dopo il decollo si affacciavano, trafelati, i ricordi che confondono passato e futuro nel presente. I volti, i viaggi e gli incontri celebrati nella gioiosa sobrietà di un rito triennale ormai assodato. Tra ritorni e partenze si assapora l’indicibile e precaria frontiera di un viaggiatore imbarcato in qualcosa di più grande di lui. Siamo chiamati missionari. Questa identità non smarrisce, col tempo, il suo fascino esotico seppur, non di rado, è accusata di rivestire gli abiti del neocolonialismo culturale. Scivolano questo e altri ricordi nel lungo viaggio effettuato con la compagnia Ethiopia Air Lines. Sosta di oltre quattro ore all’aeroporto Bole di Addis Abeba con destinazione finale a Niamey, meta del periplo iniziato oltre due mesi or sono. 
Piacenza con prof. Daniele Novara della gestione dei confitti come occasione di crescita, il vescovo e gli ‘amici dei Tuareg’ di Lucca, lettori degli articoli settimanali, Lerici e La Spezia come risposte ad inviti, la presentazione a Padova, Genova e Casarza Ligure del libro-compilazione ‘L’isola delle speranze rubate’, il dibattito sulle politiche migratorie che escludono con la complicità di Duccio Facchini … Incontri e ritrovamenti di persone, paesaggi e storie che rinnovano le fisionomie dei volti. Infine, come non accadeva da oltre dieci anni, la possibilità di votare per il rinnovo del Parlamento, coi primi commenti dei risultati e le numerose incognite ad essi legate. L’atterraggio all’aeroporto Diori Hamani di Niamey è alle 14.10 locali.
Ad aspettare c’è l’occasionale e piacevole confusione tra bagagli e documenti. Seduto in disparte, c’è il ritrovamento del sapore e calore tropicale che mescolano con saggezza il vento, la sabbia e il ricordo dei numerosi morti a causa delle recenti inondazioni nel Paese. Tra di loro, invisibili, passano indenni la dogana quanti hanno fatto naufragio e sono periti nel Mediterraneo. Sono almeno 1.325 dall’inizio dell’anno, secondo SOS Méditerranée che si impegna da tempo per soccorrerli. Raggiungeranno gli altri migranti e rifugiati ancora in attesa di partire. Anche chi scrive è, in realtà, in attesa di partire perché, proprio alla vigilia è stato trovato positivo al test SARS-CoV-2 RNA. Dovrei dunque partire ad ottobre, mese speciale.

Mauro Armanino, Casarza Ligure, 2 ottobre 2022


sabato, settembre 24

Cronache da fine settembre: partire per tornare - di Padre Mauro Armanino



Cronache da fine settembre: partire per tornare

Come ricorda il saggio c’è un tempo per ogni cosa. Un tempo per tornare e un tempo per ripartire. Sarà pur vero che, in fondo, non c’è nulla di nuovo sotto il sole. Si trova forse, tra gli umani, qualcuno che possa dire ecco questa è una novità? C’è invece uno spettro che si aggira per Europa e non è quello preconizzato da Karl Marx e Friedrich Engels nel loro manifesto del 1848. Non è quello del comunismo, semmai quello del ‘già visto’, come l’afferma senza sconti l’ignoto Qoelet nel libro omonimo. Un’aria di solito che spira sui manifesti elettorali e l’interpretazione della politica nazionale e internazionale. Sull’uso e l’abuso dei migranti nel Mediterraneo nel consueto corteo funebre dei naufraghi abbandonati. Nella rassegnazione per la guerra prossima ventura che si avvicina con l’eutanasia dell’Occidente.  Con la programmata liquidazione economica e sociale delle famiglie e delle piccole imprese del continente europeo. 

Continua, con effimera pausa commerciale, l’igienizzazione della società con le sue diuturne paure e menzogne. Le campane elettricamente programmate senza più i campanari che perdevano l’udito col tempo, dopo aver ritmato matrimoni, funerali e feste comandate. Le chiese con le distanze da rispettare e la spruzzata sulle mani prima di comunicare con l’assoluto nel tempo. La sconcertante’ impuntualità’ dei treni di minore importanza con i biglietti più leggeri rispetto a prima. I campionati di calcio e la trasmissione pagante delle partite che accompagnano con metodica strategia ogni giorno della settimana. Si giocava la domenica e i mercoledì per le competizioni internazionali perché gli altri giorni della settimana erano lavorativi. Adesso si finge un’aria di festa che consente di andare allo stadio anche di lunedì notte. Tanto il lavoro si è fatto funzionale all’economia dello spettacolo che le ‘morti bianche assediano nel calendario.

Si soffre, di nascosto e in silenzio, di solitudine. La solitudine ‘del cittadino globale’, come profetizzava il defunto Zygmunt Bauman si coltiva con ostinazione, smantellando legami fisici per privilegiare l’insostenibile ‘leggerezza’ delle distanziazioni sociali e le discriminazioni sanitarie. Aumentano, per converso, in quantità e qualità le cure per gli animali, specie di razza canina. Essi hanno acquistato col tempo privilegi che non pochi cittadini locali o stranieri vorrebbe poter usufruire. Cibo nutriente perché vitaminizzato, psicologi specializzati in caso di depressioni canine, cliniche adatte e, per quelli in preda a malinconie amorose, bed and breakfast in zona panoramiche e arieggiate. Abiti canini confortevoli per tutte le stagioni dell’anno e, dulcis in fundo, cimiteri riservati con tanto di compagnie funebri specializzate. Chi giunge nel Bel Paese da un altrove dove il cibo, la scuola e la salute sono occasionali, non può non provare tristezza.

Partire allora, per chi scrive, dopo due mesi passati in Liguria, è come tornare alla straordinarietà della vita. Tornare dove nulla è scontato o garantito. Dal giorno che nasce alla sera che incombe improvvisa per mancanza di luce, razionata per un guasto alla centrale elettrica. Mangiare, bere, curarsi, provare a mandare i figli a scuola, pregare di trovare un lavoro o di avere un altro figlio e che arrivi puntuale il vento con la sabbia che portano i ricordi di altri tempi. Si torna dove la vita, tuttavia, non è ‘sotto controllo’ di algoritmi che pensano quello che è meglio per gli umani che si sbagliano quando devono votare.

Fortuna volle che, nella città di Chiavari, chiedessi ad alcuni bambini cosa vorrebbero portassi ai bambini che rincontrerò nella comunità che ho lasciato a Niamey, in Niger. Una bimba ha risposto dicendo di portare loro il messaggio che ‘ noi gli vogliamo bene’. Questa frase, assieme a tutti volti amici senza maschere, è tutto ciò che metterò nella valigia.

Mauro Armanino, Casarza Ligure,

 25 settembre, 2022

Aggiungo tre foto della presentazione dell'ultimo libro di Padre Armanino, L'ISOLA DELLE SPERANZE RUBATE-Diario di bordo dal Sahel. L'immagine di apertura l'ho scelta dal Web, mi è sembrata emblematica e molto adatta al testo del padre missionario, che presto tornerà a Niamey.



domenica, settembre 18

POESIA SBAGLIATA di DANILA OPPIO e versione corretta da PADRE NICOLA GALENO OCD

Anni fa, forse era il 2017, scrissi questa poesia. L'altro giorno, per far ridere un poco, l'ho inviata a Padre Nicola Galeno OCD, il quale si è divertito a trasformala in decasillabi. Non curo molto la metrica, e secondo lui non l'avevo rispettata. Quindi qui le due versioni, prima la mia e poi la sua. 





LA GIRANDOLA DELLE PAROLE - LIMBIATE - MB - PREMIAZIONE quarta Edizione Concorso 2022

 Quest'anno non ho potuto partecipare al Concorso organizzato dalla Pro-Loco di Limbiate, ma mi sento molto legata a questa manifestazione. Con molto piacere pubblico alcune foto della cerimonia di premiazione, che ha avuto la presenza del Presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana.








Mi congratulo con gli organizzatori della Pro Loco, in particolare con Rita Iacomino che ne è la presidente esecutiva.

Danila Oppio