POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione. Recensioni stilate da me e da altri autori. Editoriali vari. Pubblico poesie, racconti e dialoghi di vari autori.Vi si possono trovare gallerie d'arte, fotografie, e quant'altro l'estro del momento mi suggerisce di pubblicare. Sulla banda destra della home page, appaiono i miei e-book poetici ed altre sillogi di alcuni autori. Così come le riviste online de L'Approdo e de La Barba di Diogene, tutto si può sfogliare, è sufficiente cliccare sulla copertina. Aggiungo che , sempre nella barra a destra della home page ci sono mie video poesie, con sottofondo musicale. E' sufficiente cliccare sull'immagine per ascoltare testo e musica, direttamente da YouTube. Tutte realizzate dalla eclettica Anna Montella., Ci sono poi i miei libri scritti nel corso di circa 10 anni. Buona lettura e buon ascolto!

martedì, febbraio 25

JOYCE CARROL OATES - qualcosa di lei . editoriali


Joyce Carol Oates (Lockport, 16 giugno 1938) è una scrittrice statunitense. Frequentatrice di molti generi (romanzi, storie, sceneggiature, poesia e saggistica), è conosciuta per essere una delle figure tra le più prolifiche fra gli scrittori americani. È  autrice di circa cento libri: oltre quaranta romanzi (undici dei quali pubblicati sotto pseudonimi), ventotto raccolte di racconti, una decina di opere teatrali, sedici volumi di saggi, dieci raccolte di poesie, nonché libri per bambini e alcune raccolte di articoli apparsi su quotidiani e riviste nel corso degli anni. Ha contribuito alla compilazione di lemmi del Futuro dizionario d'America (The Future Dictionary of America, McSweeney's 2005). È anche membro del consiglio di amministrazione della John Simon Guggenheim Memorial Foundation. (Wikipedia)


Joyce Carol Oates and her husband, Raymond Smith, in their Riverside Drive East home in Windsor, Ontario, 1970. (Articolo ripreso da:

In February 11, 2008, a 77-year-old gentleman named Raymond Smith became ill suddenly, so his wife, Joyce Smith, took him to the hospital. Over the next several days, Mrs. Smith raced back and forth between home and hospital as his condition vacillated: Mr. Smith had heart palpitations and a brief period of being "mildly delusional;" Mrs. Smith collapsed to the floor in a dead faint during one phone call from the hospital, and spent most of one night vacuuming, and polishing furniture with lemon oil.
By February 17, Mr. Smith was recovering from an E-coli infection and pneumonia. They spent a companionable Sunday in his hospital room until Mrs. Smith went home for much needed sleep. At 12:38 the next morning she was awakened by a phone call: Your husband is still alive. But by the time she arrived at the hospital, 20 minutes later, he was not; overcome by a mysterious secondary staph infection, Mr. Smith was dead.
An ordinary Mrs. Smith would most likely be rendered catatonic by such events, or at least speechless. She'd not have the faintest idea what to do with a husband who was now a body. There's a suggestion that the hospital staff were anxious to get his things out of the room to ready it for someone else, as in hotels.
Over the next several months, an ordinary bereaved woman, happy wife of 47 years, would suffer from insomnia and weight loss, would do stupid things like leaving her doors unlocked and banging her head every time she got out of the car. She'd do irrational things, like throwing away half of her own clothes the day after her husband's death but hoarding his beautifully laundered shirts. She'd talk to herself, scream to herself. Be gripped by inchoate rage towards doctors and hospitals, made to feel guilty because she didn't realize that an autopsy was a good idea. She would leave her husband's recorded message on the phone for months, and call home from her cell phone, just to hear the sound of his voice.
But this Mrs. Smith is also Joyce Carol Oates, American writer, whose published works, in all genres (novels, nonfiction, poetry, drama, books for young adults and children), under her own name and two pseudonyms, number almost 150; whose personal journal, by her own reckoning, by 2008 was more than 4,000 single-spaced typewritten pages. Thus Joyce Carol Oates, in heart-stopping detail, takes the experience of sudden widowhood and writes a memoir about her sweet, beloved husband, Raymond Smith. who is suddenly, inexplicably, gone.
Oates's carnivorous prose style is well-suited to grief; her long sentences, slashed with em-dashes and bolted with exclamation points, her heavy sprinkling of italics, which sit on almost every page like tearstains - A widow must smile…Widowhood is the punishment for having been a wife…Oh honey! How on earth did this happen! - make the experience of reading this book an immersion into the aimless days and interminable nights of unexpected widowhood so immediate and overwhelming that the reader, too, is left breathless, claustrophic. Here for example, from the Sympathy Gift Basket chapter:
"As in a silent film accelerated for crudely comic purposes there appear in the courtyard of our house in the days following Ray's death a disorganized army of delivery men bearing floral displays, crates of fruit, hefty "sympathy gift baskets: stuffed to bursting with gourmet foods - chocolate-covered truffles, Brazil nuts, honey-roasted cashews… [15 more items, including "drunken" goat cheese]…and pâtés of the most lurid kinds. "Mrs. Smith? Sign here, please…."
Oates is great on the absurdities - the "quaintly titled" living will, suddenly becoming an "executrix" (with its S/M whiff), a death certificate that smells of cat pee, the etiquette for answering condolence notes (she fails utterly). She is frank about the dangers to health, including blurred vision, weight loss (just 103 lbs at one point), shingles and drugs - Lorazepan, Ambien, Lunesta, Cymbalta, offered without question, taken with trepidation and confusion, and finally discarded when addiction seems unavoidable.
The reader welcomes the more reflective moments in the book, when Oates threads together the story of her life with Raymond Smith. There are no letters to treasure, not one, because they were never apart for more than one or two nights, in 47 years. They only called each other "Honey," never "Ray" and "Joyce;" they were a household of two quietly companionable adults (and two cats), who made the conscious choice not to tell each other anything "upsetting, depressing, demoralizing…" unless absolutely necessary. They shared the enterprise of the Ontario Review, a small literary magazine and press begun during the decade they lived and worked in Windsor, Ont., but this was mostly Ray's life.
Curiously, and we're told this no more than eight pages into the book, Raymond Smith, by all accounts a superb editor, never read most of the fiction written by Joyce Carol Oates; she deliberately "walled off" everything to do with her life as a writer from him, except the finances.
Being "JCO" is both a blessing after his death - she relies on her commitments as a teacher/speaker/reviewer to maintain a semblance of normality - but also a sore point; she's horrified at the suggestion that of course she'll be writing about all this and just carrying on with novels. The irony is that she does: Since Ray's death in 2008, there have been at least seven new Oates titles, including this memoir (some would have been in the works long before). "So long as, with reasonable success, I can impersonate 'Joyce Carol Oates,' it is not the case that I am dead and done for - yet." But the nightmare of being "JCO" is that hundreds of manuscripts, unrelentingly, are sent to her requesting blurbs: "If the name "Joyce Carol Oates" affixed to her own books can't sell these books, how can the name "Joyce Carol Oates" affixed to another's book help to sell that book?"
There is also consolation in being "JCO," whose friends include Philip Roth, John Updike, Richard Ford, Edmund White, Gloria Vanderbilt, Gail Godwin and Elaine Showalter, and whose resources for dealing with grief include deep knowledge of the poems of Emily Dickinson. And there is the curious coincidence between her predilection in fiction for closure at all cost (what a NYT reviewer of her 2007 book, A Gravekeeper's Daughter, called "swings between grotesque sadness and sunny self-reinvention") and her own narrative, hinted at in the final pages of this book.
In August, 2008, Oates was introduced to Charles Gross, a Princeton neuroscientist whom she married in March, 2009. "Of the widow's countless death-duties there is really just one that matters: on the first anniversary of of her husband's death the widow should think I kept myself alive."


Charles Gross and Joyce Carol Oates attend "The Stanford Prison Experiment" premiere in New York on July 15, 2015.
Andy Kropa/Invision/AP

Published 1:30 PM EDT Apr 15, 2019
NEW YORK (AP) — Charles Gross, a longtime Princeton professor of neuroscience and husband to author Joyce Carol Oates, has died. He was 83.
Oates said in an email Gross died from cancer Saturday in Oakland, California.
She shared an image of him hiking in a lush green forest on Twitter and remembered him as her "brilliant, beautiful, beloved husband."
Gross spent 43 years on the faculty of Princeton's psychology department where the university credited him with revolutionizing understanding of sensory processing and pattern recognition. Princeton called his work "foundational to the field of cognitive neuroscience" when he retired in 2013.
Oates, who chronicled her grief over her first husband's death in 2011's "A Widow's Story," wed Gross in 2009. Oates taught creative writing at Princeton until 2014.
Gross was famed for his backyard pig roasts and canoe trips.
He is survived by Oates, his daughters Melanie Hagen and Rowena Gross, and grandsons Noah and Sam Hagen.
Joyce Carrol Oates è cresciuta nella fattoria dei suoi genitori in una zona rurale dello stato di New York, a pochi chilometri dal lago Ontario. La famiglia le ha impartito un'educazione cattolica, voluta soprattutto dalla madre Carolina, di origini ungheresi. Quando la Oates era ancora una bambina, viveva con loro la nonna materna Blanche Woodside, che fu per anni quasi una seconda madre per lei. Solo molto tempo dopo la morte della nonna, la futura scrittrice scoprì che il padre di Blanche si era suicidato sparandosi un colpo di fucile in bocca e apprese che questo suicidio aveva a che fare con il background ebraico dell'uomo. Questa scoperta è stata rielaborata molti anni dopo con grande efficacia artistica in La figlia dello straniero (The Gravedigger's Daughter, 2007).
Ha frequentato la Syracuse University, dove si è laureata nel 1960, e la University of Wisconsin, dove ha conosciuto Raymond Smith, che poi ha sposato. Si è poi trasferita a Detroit (1962-1968) e quindi in OntarioCanada. Nel 1978 si è stabilita a Princeton, New Jersey, dove tuttora risiede. Nel febbraio del 2008 è deceduto il marito, al rapporto con il quale ha dedicato A Widow's Story: A Memoir (2011).
Autrice prolifica quanto altri mai, la Oates ha esplorato i diversi sentieri della prosa moderna alternando capolavori in fiction come BlondePer cosa ho vissuto o L'età di mezzo, a racconti brevi, saggi sulla boxe, scritti per l'infanzia.
Dal 1978 insegna stabilmente all'Università di Princeton e dal 1995 vi tiene seminari di Scrittura Creativa con il titolo di Roger S. Berlind Professor in the Humanities. Era previsto per l'autunno del 2014 il suo ritiro e infatti da qualche anno, se così si può dire, è in pensione. Ma scrive sempre e tiene conferenze. il seminario dovrebbe essere affidato a Jeffrey Eugenides. Nel 2015 su Twitter suggerisce un paragone tra Charlie Hebdo e il Mein Kampf di Hitler in quanto portatori di un messaggio razzista.
Quel che so è che ama i gatti, ne possiede due.
La Oates ha anche scritto diversi libri, per la maggior parte romanzi del mistero, sotto lo pseudonimo di Rosamond Smith (otto volumi) e Lauren Kelly (tre volumi.)
Joyce Carol Oates è un'autrice da brivido perché capace di raccontare l'orrore quotidiano e la violenza più spaventosa, quella che si racchiude tra le mura domestiche.  É anche una delle autrici americane più prolifiche: in poco più di cinquant’anni ha scritto oltre cento opere tra romanzi, saggi, libri per bambini, raccolte di racconti e testi teatrali. Per essere precisi una quarantina di romanzi, di cui undici pubblicati con uno pseudonimo, ventotto raccolte di racconti, una decina di opere per il teatro e altrettante raccolte di poesie, oltre ad alcuni libri per bambini e sedici saggi sui temi più diversi. L’autrice, nata nello stato di New York nel 1938, è da anni residente a Princeton, presso la cui università ha insegnato dal 1977 al 2014. Joyce Carol Oates è una scrittrice che si potrebbe definire “gotica contemporanea”: nei suoi romanzi racconta l’ipocrisia e la violenza della vita borghese, l’oppressione tra le mura domestiche. Tuttavia non tralascia gli eventi biografici: La figlia dello straniero, suo romanzo del 2007, prende spunto dalle vicende del nonno, mentre dopo la morte del marito ha scritto il memoir Storia di una vedova.| 12.11.2
Un altro tema caro all’autrice è quello dell’oppressione delle donne e il racconto Dove Stai Andando, dove Sei Stato?, da cui è stato tratto il film Smooth Talk con Laura Dern, ne è un esempio: si tratta, infatti, della storia di una giovane donna che, a causa del suo desiderio di crescere, cade nelle mani di un uomo animato da cattive intenzioni. Così come il più recente Scomparsa, la vicenda di Cressida Mayfield che scompare nella notte con il fidanzato della sorella.
In Figli randagi, invece, il nucleo della storia si nasconde nei segreti di una famiglia e nei rapporti tra i suoi membri. Le facciate che si sgretolano svelando segreti inconfessabili è alla base anche del recente Jack deve morire.
Anche il problema della mercificazione delle donne in una società guidata dal potere e dal denaro sta a cuore all’autrice, così come il raccontare l’epoca della guerra fredda e l’avvento del nucleare in America.
In Italia le opere di Joyce Carol Oates sono quasi tutte pubblicate da Mondadori e da Il Saggiatore. Quest’ultimo editore, in particolare, dal 18 maggio pubblica per la prima volta in Italia la quadrilogia Epopea americana, composta da Il giardino delle delizie, I ricchi, Loro e Il paese delle meraviglie. Quattro romanzi in cui l’autrice ripercorre la storia recente degli Usa.
|
Per Mondadori invece sta per arrivare in libreria Momenti di un tempo perduto, romanzo di formazione e allo stesso tempo biografia in cui Joyce Carol Oates ripercorre la sua infanzia trascorsa in campagna, senza tralasciare aneddoti divertenti e ricordi toccanti come la perdita di alcuni cari.

ORIGO di Coucou, Sèlavy!


ORIGO
Quando il mondo non canta più e ti vesti da necromante
Quando il passato ti ingaggia per scovare la crepa
Queste infiltrazioni impari a credere tuo regno

Questa musica tua creazione
Quando ti affacci, la mano pendula, al formicolio di uno schermo
E da molti ombelichi parla il megafono fra le costole
Servo senza brame, abitacolo
Piatto offerto in pasto a un ospite che non verrà
Quando un vigneto di tasti sbiaditi pigi
Impronte su cui ognuno zompettò
Per meglio ingannare il fiuto dei posteri
Nemici alle spalle
E arte di arrangiarsi
Quando la notte risale la china della pupilla
Il sonno disturba il sonno
Il giorno disturba il giorno
Allora
La petulanza dell’ultimo pidocchio
Rarefatta si tacque
Di candido stupore tingendo
Campo di battaglia e credo
Mentre, soffocando le risa, pontificavi già:
“Mai pelle fu sotto queste bende, amico mio
Che più non ci si adoperi a leggere i geroglifici del globo
Che almeno il seme sia sottratto al cerchio della maledizione
Scemata:
Restituito alla vanità”

Coucou, Sèlavy!

lunedì, febbraio 24

SIMONETTA VESPUCCI - la Musa di Botticelli di Danila Oppio

Ringrazio Carmine Mondelli di avermi dato lo spunto, attraverso un suo splendido disegno, di accennare alla bellissima Simonetta Vespucci, ritratta da Sandro Botticelli in molti suoi quadri, soprattutto ne La Primavera e nella Nascita di Venere oltre che in altri quadri di genere religioso, dove la nobildonna viene ritratta nelle vesti della Madonna. 
Partiamo quindi dal disegno di Carmine.


che con tratti leggeri e precisi ha riprodotto Simonetta riprendendo il suo volto da questo ritratto botticelliano


Si nota chiaramente che donna ritratta è giovanissima poco più di un'adolescente. Dolce e assorta, un volto che ben si presta a rappresentare la Vergine Maria che, come lei, si è sposata intorno ai 15 - 15 anni.


Questo invece è un mio disegno liberamente ispirato alla Primavera del Botticelli, e che ho utilizzato per la copertina del quaderno di poesie realizzato da Vitale Edizioni di Sanremo.


Ma la conosciamo la vera storia della musa ispiratrice del grande pittore fiorentino?
Avevo una vaga conoscenza della modella tanto ritratta dal pittore, ma per non scrivere inesattezze, mi sono documentata e riporto qui un po' della vita di Simonetta Colombo Vespucci, diventata, nel corso dei secoli, un vero mito e da molti definita una delle più belle donne della storia, se non la più bella in assoluto. Certo che morire a soli 23 anni, la bellezza si conserva in eterno!

Simonetta Vespucci, nata Cattaneo (Genova o Porto Venere il 28 gennaio (?) 1453 – Firenze, 26 aprile 1476), fu una nobildonna italiana, tra le più note del Rinascimento.
Venne amata da Giuliano de' Medici, il fratello minore di Lorenzo il Magnifico, e idolatrata da Sandro Botticelli, che ne fece la sua Musa, rendendola eterna nei suoi più famosi dipinti. La troviamo, infatti, nelle vesti della dea Venere nella Nascita di Venere oppure in una delle Tre Grazie (quella al centro) nell’allegoria della Primavera.

Fu musa ispiratrice anche per numerosi altri artisti, tra i quali si distinse Piero di Cosimo, che dipinse il Ritratto di Simonetta Vespucci, nel quale è raffigurata come la regina Cleopatra, con un aspide che le cinge il collo. Bellissima donna anche questa del dipinto che dovrebbe ritrarre
 Simonetta Vespucci come Cleopatra (tempera su tavola di Piero di Cosimo, databile al 1480 circa e conservato nel Museo Condè di Chantilly), nel quale però non trovo alcuna somiglianza con la Simonetta dipinta dal Botticelli.

Nell'aprile del 1469, quando aveva appena sedici anni, andò incontro al giovanissimo sposo Marco Vespucci, un cugino lontano del navigatore Amerigo Vespucci, nella chiesa gentilizia di San Torpete, alla presenza del Doge di Genova e di tutta l'aristocrazia cittadina.
Si ritiene che Simonetta avesse accompagnato da bambina i genitori in esilio nella villa che la famiglia Cattaneo possedeva a Fezzano di Portovenere. La madre aveva sposato in prime nozze Battista Fregoso (1380-1442) da cui aveva avuto una figlia, Battistina, andata sposa a Jacopo III Appianosignore di Piombino. Inoltre, durante il periodo di esilio, i Cattaneo furono ospitati dagli Appiani a Piombino dove Piero Vespucci, padre di Marco, era spesso ospite per ragioni di affari. A Piombino fu combinato il matrimonio tra Simonetta e Marco.
Il giovane sposo era da poco stato inviato dal padre Piero a Genova per studiare i sapienti ordinamenti del Banco di San Giorgio di cui era procuratore appunto Gaspare Cattaneo, che nel 1464 era stato testimonio della dedizione di Genova a Francesco Sforza, duca di Milano. Marco Vespucci, accolto dai Cattaneo, si era innamorato perdutamente della bella Simonetta e il matrimonio era stato una logica conseguenza, visto l'interesse dei Cattaneo a legarsi con una potente famiglia di banchieri fiorentini, intimi dei Medici. La recente caduta di Costantinopoli e la perdita delle colonie orientali aveva infatti particolarmente colpito economicamente e moralmente la famiglia Cattaneo.
L'arrivo a Firenze
Dopo il matrimonio, la coppia si stabilì a Firenze, città dei Vespucci. L'arrivo degli sposi coincise con l'assunzione di Lorenzo il Magnifico a capo della Repubblica. I due fratelli Lorenzo e Giuliano accolsero gli sposi nel palazzo Medici di via Larga e in loro onore organizzarono una sontuosa festa nella villa di Careggi. Si susseguirono brevi anni di feste e ricevimenti in una vita sontuosa di cui la corte medicea era il centro.
L'apice si raggiunse con il "Torneo di Giuliano", un torneo cavalleresco svoltosi in piazza Santa Croce nel 1475. Qui Giuliano de' Medici, secondo quanto immortalato dal poemetto Stanze per la giostra di Giuliano de' Medici di Agnolo Poliziano, vi vinse un ritratto di Simonetta dipinto dal Botticelli, messo in palio. Simonetta fu la trionfatrice e fu proclamata "regina del torneo". La sua grazia aveva ormai conquistato tutti a Firenze, in primis Giuliano; diventato suo amante, si dice che dopo la morte di Simonetta Giuliano non amò più nessun'altra. Il Pulci le dedicò alcuni leziosi sonetti e anche il Magnifico la celebrò nelle sue Selve d'Amore.
Ma sarà la pittura a lasciarci numerose testimonianze di questa fanciulla. Di lei vi è un ritratto del Botticelli alla Galleria Palatina e un altro di Piero di Cosimo al Museo Condè di Chantilly del quale ho accennato poco sopra.  Simonetta fu pure musa ispiratrice nella rappresentazione pittorica a tema trascendentale nelle celebri Madonne.

La morte

L'esistenza di Simonetta, purtroppo, fu una vera e propria fugace meteora, perché solo un anno dopo, il 26 aprile 1476, moriva di tisi (o peste), all'età di soli ventitré anni. Per la sua triste scomparsa Lorenzo il Magnifico scrisse il sonetto che inizia con "O chiara stella che co' raggi tuoi / togli alle vicine stelle il lume / perché splendi assai più del tuo costume?...", dove la immagina salita in cielo ad arricchire il firmamento.
Ma soprattutto parlano di lei i celebri quadri di Sandro Botticelli, i cui volti femminili furono molto spesso ispirati da Simonetta anche dopo la morte: la Nascita di Venere e la Primavera. Alla sua morte egli lasciò scritto di essere sepolto ai suoi piedi; la tomba del pittore, infatti, si trova nella Chiesa di Ognissanti, un patronato della famiglia Vespucci. La tomba di Simonetta, però, non esiste più perché fu portata via da una delle tante piene dell'Arno, che aveva invaso la chiesa.
Nascita di Venere di Botticelli, Galleria degli Uffizi (1482–1485) 
Simonetta in questo quadro presta il suo armonioso viso per quello della dea Venere, nata dalla spuma marina ed adagiata su di una conchiglia. Di Simonetta è dunque solo il viso, poiché nessuna nobildonna poteva mostrarsi nuda come modella per essere rappresentata.
Simonetta Cattaneo Vespucci, la celebre nobildonna del Rinascimento, è ancora ritenuta da molti musa e amante di Sandro Botticelli. Ma fu davvero così?
La “bella Simonetta”, la “sans par”: questi i due soprannomi con cui è passata alla leggenda una delle più celebri nobildonne del Rinascimento fiorentino. Una donna ritenuta di bellezza ineguagliabile, oggetto del desiderio di moltissimi uomini della Firenze della metà del Quattrocento, esponente di una delle famiglie genovesi di più antica nobiltà (i Cattaneo), andata in sposa a soli sedici anni al banchiere Marco Vespucci (parente del più noto Amerigo, il navigatore che ha dato il nome all’America), morta giovanissima (ad appena ventitré anni, probabilmente di peste) e accostata al nome di molti artisti del tempo, per i quali avrebbe posato. Molti hanno voluto riconoscere il suo volto, per esempio, nella Venere o nella personificazione della Primavera di Sandro Botticelli (Firenze, 1445 - 1510), e si è voluto persino attribuire ai due un legame affettivo, anche sulla base di una leggenda (destituita di ogni fondamento) secondo la quale Botticelli avrebbe chiesto di essere sepolto accanto a Simonetta nella chiesa di Ognissanti. I due furono effettivamente sepolti all’interno dell’edificio di culto fiorentino, ma perché le tombe di famiglia di entrambi si trovavano nella stessa chiesa (i Vespucci erano titolari di una cappella, mentre Botticelli fu sepolto nel cimitero di Ognissanti). Cosa c’è dunque di vero in questa storia?
Ci sono sicuramente degli elementi che ci lasciano supporre che Sandro Botticelli e Simonetta Vespucci si conoscessero. Nel 1464 il padre di Sandro, Mariano Filipepi (gioverà ricordare che Sandro Botticelli, in realtà, si chiamava Alessandro Filipepi), aveva acquistato una casa in via Nuova, attigua alle abitazioni della famiglia Vespucci, nel quartiere di Borgo Ognissanti. In questa casa dimorò in seguito anche Sandro, almeno dal 1470 e fino alla fine dei suoi giorni. Che ci fossero tra i Filipepi e i Vespucci dei rapporti di buon vicinato è testimoniato dal fatto che i Vespucci garantirono alcune commissioni al pittore, tra le quali di sicuro il Sant’Agostino nello studio della chiesa di Ognissanti (i Vespucci, oltre a essere titolari di una cappella nella chiesa, ne erano stati anche tra i principali finanziatori). Su Simonetta, invece, ci sono pochissimi documenti. Conosciamo data e probabile luogo di nascita da un documento del catasto fiorentino del 1469 (anno del suo matrimonio), che la indica come nata a Genova.
il fatto che di recente sia stato proposto il borgo di Portovenere come suo luogo di nascita è dovuto al fatto che la famiglia Cattaneo aveva dei possedimenti nella zona del golfo spezzino, e al fatto che il nome di Simonetta non è menzionato nei registri genovesi del tempo, e di sedici anni d’età. All’epoca, quindi, si trovava già a Firenze. Tuttavia, non esistono (o non ci sono arrivati) documenti che possano testimoniare un rapporto tra Sandro e Simonetta. Come sarebbe nato, dunque, il mito di Simonetta Vespucci “musa di Botticelli”?
In seguito alla sua scomparsa avvenuta nel 1476, Simonetta diventò oggetto di un’autentica venerazione da parte dei poeti della Firenze medicea, che in lei vedevano una sorta di personificazione del concetto di bellezza. Lo stesso Lorenzo il Magnifico scrisse, in sua memoria, quattro sonetti, il più famoso dei quali recita: “O chiara stella che co’ raggi tuoi / Togli alle tue vicine stelle il lume, / Perché splendi assai più del tuo costume? / Perché con Febo ancor contender vuoi? / Forse e begli occhi, quali ha tolto a noi / Morte crudel, che omai troppo presume, / Accolti hai in te: adorna del lor nume, / El suo bel carro a Febo chieder puoi. / O questo o nuova stella che tu sia, / Che di splendor novello adorni el cielo, / Chiamata esaudì, nume, e voti nostri: / Leva dello splendor tuo tanto via, / Che agli occhi, c’han d’eterno pianto zelo, / Senz’offension lieta ti mostri”. Nelle chiose ai sonetti, il Magnifico scriveva di aver ricevuto l’ispirazione dopo aver osservato, una notte, una stella luminosissima in cielo: secondo la sua sensibilità poetica, quella non poteva esser altro che l’anima della giovane (e questo particolare ci dà già un’immagine chiara delle proporzioni che il mito di Simonetta aveva già raggiunto). Il poeta Bernardo Pulci, nella sua lirica in terzine di endecasillabi In morte di Simonetta Cattaneo genovese, la descrive come “delizia e zelo” dei regni di Venere, la paragona alla “Laura bella” di Petrarca e alla Beatrice di Dante, e la saluta immaginandola come una “ninfa che in terra un freddo sasso cuore / Benigna stella or su nel ciel gradita”. E come una ninfa l’immaginò anche Angelo Poliziano: la ragazza era infatti protagonista delle Stanze per la giostra del magnifico Giuliano di Pietro de’ Medici, nel quale si favoleggiava di un amore idilliaco (o, per meglio dire, platonico) tra Simonetta e Giuliano de’ Medici, il fratello del Magnifico ucciso nel 1478 nel corso della congiura dei Pazzi. Poliziano descrive l’apparizione della giovane in questi termini: “Candida è ella, e candida la vesta / Ma pur di rose e fior dipinta e d’erba: / Lo inanellato crin dell’aurea testa / Scende in la fronte umilmente superba. / Ridegli attorno tutta la foresta, / E quanto può sue cure disacerba. / Nell’atto regalmente è mansueta; / E pur col ciglio le tempeste acqueta”.
Da queste descrizioni a immaginarla dunque musa di artisti il passo è stato molto breve. Per esempio, il grande Aby Warburg volle trovare nel poemetto di Poliziano la fonte letteraria che avrebbe ispirato Botticelli nella realizzazione dei suoi due grandi capolavori. Si noterà, infatti, come la descrizione della ninfa di Poliziano ben si adatti alla Primavera di Botticelli, e su questa base s’è voluto pensare che i personaggi femminili di molte opere botticelliane potessero essere identificati con la bella genovese. Al fine di corroborare tale ipotesi, si tiravano in ballo alcune righe della Vita di Botticelli di Giorgio Vasari: l’aretino ci informa che nel guardaroba del duca Cosimo I, suo contemporaneo, figuravano due “teste di femmina in profilo”, “una delle quali si dice che fu l’innamorata di Giuliano de’ Medici”. Questa asserzione di Vasari è stata dunque interpretata (forzatamente, si potrebbe dire) per avvalorare l’ipotesi che Botticelli avesse effettivamente realizzato un ritratto di Simonetta Vespucci (benché Vasari non specifichi meglio chi fosse questa “inamorata”), che si è alternamente voluto identificare nel Ritratto di dama dello Städel Museum di Francoforte, in quello della Gemäldegalerie di Berlino o, ancora, nel Ritratto di giovane donna della Galleria Palatina. Tutti questi tre dipinti, in passato, furono ritenuti il ritratto di Simonetta Vespucci: oggi, invece, si tende a escludere ipotesi di questo tipo, e per cercare di trovare un’identità alle tre giovani sono stati proposti molti nomi, senza che ne sia mai stato individuato uno soddisfacente.


Ci sono poi opere di altri artisti delle quali Simonetta sarebbe la protagonista: la più celebre è probabilmente il cosiddetto Ritratto di Simonetta Vespucci come Cleopatra, opera di Piero di Cosimo (Firenze, 1462 - 1522) conservata al Musée Condé di Chantilly in Francia. C’è però da notare che quando la ragazza scomparve, Piero di Cosimo era un adolescente, aveva poco più di tredici anni. Si tratterebbe dunque di un ritratto postumo, che non deve pertanto essere considerato come un dipinto che raffiguri le fattezze esatte della giovane: sarebbe una sorta di omaggio artistico, un ritratto idealizzato che voleva celebrare la donna con l’arte, allo stesso modo in cui i poeti la celebravano con le parole. Se, per esempio, per Poliziano la giovane moglie di Marco Vespucci era una ninfa, per Piero di Cosimo sarebbe potuta essere una Cleopatra: non dimentichiamo inoltre che, per una donna di alto lignaggio come Simonetta, posare nuda per un pittore sarebbe stato considerato estremamente sconveniente (e, oltretutto, posare per un pittore era consuetudine non troppo diffusa nel Quattrocento: lo sarebbe diventata solo a partire dal secolo successivo). Peraltro, le analisi condotte sul dipinto di Piero di Cosimo già nel 1970 dimostrarono come l’iscrizione apposta alla base del dipinto, e in seguito utilizzata per giustificare l’identificazione della donna, risalisse in realtà alla fine del Cinquecento. E sempre decisamente labile (per non dire infondata) sarebbe l’ipotesi che vuole Simonetta come la ninfa che compare completamente nuda nella perduta Educazione di Pan di Luca Signorelli, dipinto del 1490 che è stato letto anche come una celebrazione del polizianesco amore tra Giuliano de’ Medici e Simonetta.
Qual è, dunque, la verità? Ci dispiace davvero essere poco romantici, ma la verità è che non conosciamo alcun dipinto che ci abbia tramandato le reali fattezze di Simonetta Vespucci. Allo stesso modo, non è stato mai trovato alcun documento capace di provare che Simonetta abbia posato per Botticelli, o quanto meno sia mai comparsa in una sua opera. La critica più recente ha ormai smontato queste ipotesi ritenendole riflesso di un vero “culto” per Simonetta Vespucci che si diffuse negli anni Settanta e Ottanta del Quattrocento a Firenze e che, con tutta evidenza, esercitò una notevole influenza anche sulla critica ottocentesca e novecentesca. Questo però non significa che, all’epoca, non fossero esistiti dei ritratti forse anche veramente somiglianti: in una lettera inviata dal suocero di Simonetta, Piero Vespucci, a Lucrezia Tornabuoni, madre di Lorenzo il Magnifico e Giuliano de’ Medici, si fa riferimento a un’immagine di Simonetta che sarebbe stata regalata a Giuliano dopo la scomparsa della ragazza. Il fatto che i ritratti di Berlino e Francoforte (escludiamo la poco avvenente dama della Palatina) abbiano un grado di idealizzazione piuttosto elevato potrebbe far discutere parecchio sull’eventualità di ipotizzare che uno dei due sia quella “immagine” citata da Piero Vespucci. Ma forse, come ha di recente scritto lo storico dell’arte Stefan Weppelmann in una scheda di catalogo sul ritratto di Berlino, “la domanda se i dipinti di Berlino e Francoforte rappresentino davvero Simonetta Vespucci sembra di gran lunga meno rilevante rispetto al loro possibile ruolo di immagini letterarie e, di conseguenza, al loro intento di raffigurare la formulazione umanistica dell’ideale di bellezza”. Perché alla fine, osservando queste opere, non vediamo altro che donne ideali che ci trasmettono il canone di bellezza della Firenze quattrocentesca: e non è di certo poco!

Danila Oppio

domenica, febbraio 23

LE PAROLE CHE NON TI HO MAI DETTO (perché desuete) di DANILA OPPIO


Le parole che non ti ho mai detto...perché dimenticate o mai conosciute, sfuggite dal consueto vocabolario come tante formiche e gettate tra i rifiuti (o quasi). Eppure molte di loro sono ancora belle!
Parto con un breve elenco...ma seguono considerazioni sull'argomento.
Parole desuete (o poco conosciute e utilizzate)
A
Abbacinare – accecare - fig. ingannare
Alea - rischio - caso, sorte
Algido - Freddo, glaciale, gelido.
Alterco - Violento scontro verbale
Ancillare -  che è in relazione al termine ancella, inteso nel senso di serva, domestica (ling.) che è di supporto, propedeutico, serve, aiuta ad es. l’apprendimento di qualcosa
Astrùso - che è difficile a capirsi e complicato
Atavico - Che deriva dai più lontani progenitori: istinti atavici
Auspicare - prender gli auspici, augurare; desiderare vivamente
D
Dicotomia - divisione in due parti
Disamina - Esame attento e preciso
Duttile - Flessuoso, agile, fig. Che si modifica a seconda delle necessità e delle circostanze
E
Eristico contenzioso, polemico, ingannevole.
(deriva
dalla generazione del sofismo, ossia l’”eristica”, l’uso della parola come mero strumento di confutazione indipendente dal valore degli argomenti, dal loro contenuto di verità.)
F
Facondia  - Facilità di parola, scioltezza ed eleganza d’espressione
Favellare - Parlare; raccontare, narrare
G
Genetliaco - compleanno
I
Ignavo - indolente
Imbolsire – da cavallo bolso, in senso figurato, di persona, ingrassare in modo malsano
Inanità - inutilità, vacuità
Invacchire - andare in vacca, cioè a male
dei bachi da seta che si gonfiano e ingialliscono per poi morire
M
Misoneista - di persona assolutamente contraria a ogni innovazione, cambiamento o novità
N
 Nequizia - malvagità, iniquità


O
Opimo - lett. Grasso, pingue – generico. Copioso, abbondante
Orpello - ornamento inutile ed eccessivo - propriamente: similoro, lamine adoperate come ornamento
P
Panzana - Fandonia, frottola, bugia: tutte panzane! dire, raccontare panzane
Pedissequamente: alla lettera, passivamente
Pleonastico - superfluo, ridondante
Pletorico - fig. più numeroso del necessario, eccessivo
Preconizzare - annunciare solennemente– predire, profetizzare
Procrastinare - rimandare a domani, temporeggiare, differire
Probo - onesto
Prodromo - Segno, indizio, circostanza che preannuncia qualcosa, generalmente sfavorevole.
es. i prodromi di una malattia, di una crisi economica
S
Sacripante - uomo grande e grosso - briccone
Sciamannato - sciatto, disordinato
Segaligno - magro e asciutto, e per questo robusto e sano
Solipsista - Chi aderisce alla filosofia del solipsismo e, per estensione, chi dimostra atteggiamenti di egocentrismo e soggettivismo estremi
Stolido - Di chi dimostra scarsa intelligenza o prontezza.
Stoltiloquio - discorso vano, insensato, proprio di uno stolto
Subitaneo - Improvviso, immediato, repentino, inatteso.
T
tignoso [1 med. Che ha la tigna -2 fig. region. Di persona, avaro, spilorcio; pignolo - 3 fig. region. Caparbio, cocciuto
V
Veruno - qualcuno, alcuno
Vetusto 1 Molto antico, e perciò degno di venerazione: edifici v.; memorie v. 2 Riferito a persona, molto vecchio

Alcune tra le voci elencate non paiono desuete. Ad esempio “auspicare”: Politici e rappresentanti di qualsiasi istituzione “auspicano” a ogni inaugurazione, discorso ufficiale, fine/inizio anno, intervista.
Alcuni mi hanno inviato loro pensieri riguardo a quanto sto mettendo insieme.
Finalmente ci si ricorda della nostra “povera lingua” così bistrattata e dimenticata soprattutto da chi ha la pretesa di insegnarci qualcosa e che invece non riesce a utilizzare neanche un congiuntivo al momento giusto.
Molto interessante l’idea di “mettere in mostra” parole desuete sperando che qualcuno se ne riappropri. Attenzione, però, a non confondere termini specialistici (come eristica) con quelli veramente in disuso.
Mi accorgo che gran parte dei termini è nel mio vocabolario, anche se li uso di rado, quindi mi sento un po’ desueta io stessa.
Molti dei termini sopra elencati in ordine alfabetico non mi sembrano desueti. Direi piuttosto che sono poco frequenti, ma non del tutto dimenticati. La desuetudine di una parola, invece, proviene da un duraturo mancato utilizzo, spesso dovuto alla sua sostituzione con termini che appaiono più facili da ricordare. Di seguito annoto alcune parole che reputo davvero desuete, sulle quali attendo eventuale commento.
Abbaccare: Fantasticare/Vagare con la mente = sin.   Almanaccare.
Abburattare: Setacciare la farina per separarla dalla crusca, utilizzando un buratto (setaccio) ma anche esaminare, discutere, malmenare.
Albagìa: pomposa vanità, sin. Alterigia
Bordaglia: Quantità di gente abietta = sin gentaglia
Brolo: Terreno coltivato a verdura o con alberi di frutta
Broscia: Brodaglia
Burbanza: alterigia vanitosa
Buzzurro: Originario delle zone montuose che scende a valle in inverno per vendere castagne, marroni, uomo zotico.
Cachinno: Risata smodata, perlopiù di dileggio
Cica: nulla
Conquidere: Ridurre a mal partito, abbattere, vincere, conquistare il cuore, gli animi.

Enneade: insieme di nove persone o cose
Flagizioso: scellerato, infame, malvagio
Labbreggiare: Proferire parole a fior di labbra, mormorare.
Màcolo: percosso, pieno di lividi, affranto, sfinito.
Pravo: malvagio, perverso
Ruticarsi: muoversi piano e con fatica
Prèdio: podere, proprietà agricola
 Propagginare: Sotterrare i rami delle piante, o i tralci delle viti, senza tagliarli dal tronco, in modo che mettano nuove radici e germoglino/Sotterrare vivo col capo in giù; forma di pena di morte in uso nel medioevo.
Salaccaio: vecchio libraccio
Salapuzio: uomo di piccola statura
Santimònia: Vita e atti di persona devota/Affettazione di santità, ipocrisia.
Zinzinare: Bere a piccoli sorsi, centellinare
Zozza: Miscuglio di superalcolici di infima qualità
La fonte sono i due volumi de “Il Novissimo Melzi”, edito da Vallardi nel 1953. Tomi preziosi che si lasciano leggere come se fossero un romanzo, tanto che qualcuno ha avuto l’impulso di scrivere qualcosa per esercitarsi nella padronanza delle parole dimenticate. Sopra non ho elencato proprio tutti i vocaboli utilizzati nella storiella qui sotto riportata ma possono aiutare a comprenderla meglio. Un linguaggio questa volta davvero obsoleto e difficile da interpretare.
“Amava così tanto abbacare che quella mattina, nella speranza di poterlo fare solitario e in un luogo silenzioso, decise di discendere il borro nonostante sapesse che sarebbe stato costretto a ruticarsi in ragione del terreno sassoso e irto di insidie. Durante il cammino, però, fu colto da un’improvvisa e violenta buriana che lo costrinse a rifugiarsi nel cavedìo di un sacello diroccato dove, scoprì con disappunto, aveva trovato rifugio un’enneade di buzzurri. Questi, mentre zinzinnavano della misera zozza da una ghirba che si scambiavano ridendo, una volta accortisi di lui cominciarono a ciambolare sommessamente tra loro. Infine, emerso da quella bordaglia, un salapuzio flagizioso prese irriverente a celiare con lui e, cerimonioso, gli offrì la broscia alcolica che divideva coi suoi compari, col cavicchio di rifocillarlo. A ciò un immediato cachinno si sollevò da quella prava bruzzaglia, il cui abburattarsi scomposto suscitò in lui una sdegnata burbanza. Tentò allora di replicare salace, ma cica quelli ascoltarono della sua fiera ma troppo composta risposta al dileggio ricevuto. Così egli, màcolo e conquiso di tanta scelleratezza, labbreggiando improperi all’indirizzo dei villani che avrebbe tanto desiderato propagginare, fuggi via attraverso il brolo lì accanto; ma correndo quasi alla cieca sotto la pioggia battente che aveva ripreso a cadere, finì piedi e gambe in un cumulo di maleolente cessino. Il lotume gli intrise i calzoni e colmò le sue scarpe. Quel lordo incidente l’avvilì ancor più, tanto che la vista del suo prèdio fu per lui una vera salvezza, ansioso com’era di mondarsi vesti, corpo e spirito…”
 “I limiti del mio linguaggio sono i limiti del mio mondo”. [Ludwig Wittgenstein]
Una persona misoneista,
però faconda nel favellare panzane,
non preconizza su algidi alterchi
con dicotomia eristica.
Mia sorella Mariella si è divertita così!
L’idea, quella di creare un dizionario di termini desueti, in un mondo linguistico sulla via (in discesa) dell’impoverimento e dell’imbarbarimento è lodevole, anche se degna d’interesse, ahinoi, solo per pochi, credo. “Affettazione” e “Sprezzatura” possono essere considerate parole desuete? A me paiono ancora abbastanza attuali.
Ah, quanta bellezza in queste parole! Peccato davvero che la nostra bistrattata e depauperata lingua abbia raggiunto un simile degrado cognitivo. Oramai nessuno parla un buon italiano. Magari nei circoli dei letterati c’è ancora qualche anima pia che abbia un briciolo di passione artistica (e culturale) tale da consentirle di utilizzare ancora un certo tipo di linguaggio ritenuto desueto tipo.
Ritengo sublime sentir parlare la gente in siffatta maniera. Che dite? Qualcuno cachinnerà divertito!
Mi sono chiesta e me lo domando ancora se anche il vocabolario non abbia il diritto di usare le parole oggi in voga. Tutto cambia e si evolve, anche il linguaggio deve farlo. Vorrei conoscere il parere di qualche membro della Crusca per poterne discutere, anche se so già che la Crusca ha battezzato l’aggettivo “petaloso” coniato da un ragazzino.
Interessante. Ma si dovrebbe anche trattare delle “costruzioni” desuete della lingua italiana, ad esempio:
“Parmi” per mi pare
“Renderassi” per si renderà
“Assaissimo” per moltissimo
“Risponderotti” per ti risponderò
Leggendo Leopardi nel suo Zibaldone, ho trovato ripetuto molte volte l’avverbio massimamente, Oltre a molti altri vocaboli che non si usano più già da un paio di secoli. La lingua si evolve, si vanno creando nel corso del tempo neologismi e si depennano verbi, vocaboli e quant’altro di non gradimento, perché troppo astrusi o ridondanti.
Ma senza perdersi in affannose ricerche, basti dire che egli – ella – esso – essa - essi - sono ormai stati sepolti dopo un lungo funerale. Ora questi pronomi personali sono stati ampiamente sostituiti con i semplici: lei, lui, loro.
Ricordo che a scuola insegnavano gli aggettivi o pronomi dimostrativi: questo, codesto, quello. Codesto è stato pure lui sepolto nella polvere del passato. Codesto è usato oggi soltanto in Toscana o nella lingua burocratica per indicare vicinanza a chi ascolta (o legge).
Ti garba codesto libro? Il sottoscritto chiede a codesta amministrazione la seguente autorizzazione.

E volevo a tal proposito aggiungere codesto avverbio: testé; che serve a delineare una cosa appena detta, avverbio quindi noto come iponimo di: ti è stato appena detto…in riferimento a: testé detto che…Ad esempio:
Come testé detto tali sillogismi posti nella maniera così enigmatica non mi abbacinano più di tanto. Bramo che la mia recensione sia conservata in serbo di ognuno di voi, esimi colleghi di eloqui.
Non mi reputo tal letterata da competere su certe precisazioni, ma leggo e ne faccio tesoro. In trasparenza vorrei poter dire che non è di questi tempi ascoltare per le strade il linguaggio obsoleto, pur se io ne sia orgogliosa ma incartapecorita mi sento.
Non so se esserne lieta o meno, ma a parte i termini più “tecnici”, uso quotidianamente molte di queste parole. Mi è stato detto più volte di “parlare potabile”…
Si potrebbe andare avanti all’infinito. Personalmente amo, almeno nella scrittura poetica, utilizzare ancora certe espressioni considerate desuete. A mio avviso sono un valore aggiunto, esattamente come un ninnolo antico poggiato su un ripiano di casa, offre una nota affatto stonata anche in un ambiente ultra moderno.
In calce, ma solo a titolo esemplificativo, ripreso dalle note su un corso online di lingua inglese, si può apprendere che anche la lingua di Shakespeare, quella parlata e scritta nel ‘600 pur considerata già moderna, ha subito parecchie metamorfosi fino a divenire l’attuale inglese. Non stupiamoci quindi se molti vocaboli della lingua italiana sono finiti nel dimenticatoio! Ogni lingua ha prodotto dei cambiamenti nel corso dei secoli.
Nella pagina dedicata alla Storia della lingua inglese si è avuto modo di illustrare – seppur brevemente . come essa si è originata a partire dalla lingua celtica e da quella germanica degli  anglo-sassoni, e come si è poi modificata e sviluppata attraverso i secoli, soprattutto alla sua fusione con la lingua dei normanni. Quali cambiamenti ha avuto nelle epoche successive e quali grammaticali, morfologici e fonetici hanno permesso di passare dall’“Old English” al “Modern English”. Si conclude che, malgrado piccole differenze, l’inglese moderno può dirsi nato a partire dal “Periodo Tudor” (1500-1600 circa). L’inglese dell’epoca Tudor è quello del drammaturgo William Shakespeare, con il quale sono scritte tutte le sue celebri opere. Oltre che a essere capolavori di letteratura e drammaturgia, le opere del Bardo forniscono un ottimo quadro di quello che era l’inglese dell’epoca: “un primario inglese moderno”. Le opere di Shakespeare possono essere analizzate, oltre che dal punto di vista storico, intellettuale, letterario o stilistico, anche dal lato linguistico, al fine di rilevare non solo le differenze con l’inglese moderno, ma anche come la lingua britannica sia andata modificandosi nel tempo.
Questi appunti su una lingua non nostra, ma che ormai è diffusa in ogni settore lavorativo, utilizzata nel linguaggio dei computer, li ho portati ad esempio di come ogni lingua tenda a evolversi, lasciando indietro espressioni idiomatiche ormai antiquate, e aggiungendone di più moderne. Quel che mi dispiace è che molti nostri vocaboli o verbi siano stati rimpiazzati da parole straniere, soprattutto inglesi, e per tale miscellanea, stiamo perdendo l’uso delle specifiche locuzioni nella nostra lingua.
Danila Oppio