POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione. Recensioni stilate da me e da altri autori. Editoriali vari.
Pubblico poesie, racconti e dialoghi di vari autori.
Vi si possono trovare gallerie d'arte, fotografie, e quant'altro l'estro del momento mi suggerisce di pubblicare.
Sulla banda destra della home page, potete leggere i miei quattro e-book poetici ed altre sillogi di alcuni autori. Così come le riviste online de L'Approdo e de La Barba di Diogene, tutto si può sfogliare, è sufficiente cliccare sulla copertina.
Buona lettura!

giovedì, ottobre 30

Lontani ricordi di un segretario comunale di Tommaso Mondelli



Autore: Tommaso Mondelli
Titolo: Lontani ricordi di un Segretario Comunale
Editore: L’ArgoLibro
Anno di pubblicazione: 2014
Numero pagine: 174
Copertina: cartoncino brossurato
Formato: 14,5x21
Progetto grafico: MITO 
Codice ISBN 978-88-98558-30-8
Prezzo di copertina euro 10,00
Spese di spedizione euro 3,63 (raccomandata postale)
Per info e ordini: 
largolibro@gmail.com 
e.mail autore: 
 mondelli.tommaso@alice.it   

Dopo la poesia di “Un fiore alla finestra”, Tommaso Mondelli torna alla prosa e ci regala una preziosa revisione dell’opera dedicata alla sua attività lavorativa, quella di Segretario Comunale. Attività ricca di fascino, come lui stesso ci dimostra, ci “fa vedere”, attraverso queste pagine e le precedenti.
Lo stesso Tommaso Mondelli precisa che la nuova edizione si è resa necessaria per rimediare a correzioni e sviste, ma anche per integrare il tutto con nuovi, importanti contributi, che meglio definiscono un’attività dalle mille sfumature e sfaccettature.
I vari capitoli, dedicati ai singoli Comuni nei quali chi scrive ha operato, si susseguono gustosi e ricchi di illuminanti aneddoti.
In appendice troviamo, tra l’altro, interessantissimo materiale riguardante l’opera di Luigi Bourlot, veterano dei Segretari Comunali, nonché due testimonianze femminili di chi questo lavoro lo svolge oggi. A dimostrazione, se ce ne fosse bisogno, della necessità di sottolineare sempre il “senso di continuità”.
Per quest’opera l’autore ha scelto, in apertura, una frase di Tolstoi: “Tutti pensano di cambiare l’umanità e nessuno pensa di cambiare se stesso.” Frase che forse andrebbe pubblicizzata perennemente e a caratteri cubitali, inno limpido e cristallino che è invito a guardare oltre gli egoismi. Ebbene, Tommaso Mondelli lo ha fatto (anche nell’attività lavorativa) e continua a farlo, ed è un “oltre” che non può che riempire di gioia e gratitudine chi legge.

E' possibile visitare direttamente la pagina a questo link:
http://largolibro.blogspot.it/2014/10/tommaso-mondelli-lontani-ricordi-di-un.html




Nessun commento:

Posta un commento