POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

martedì, ottobre 14

NUOVE POESIE- Il Tormentone di Tommaso Mondelli

























In anteprima assoluta, presento la nuovissima silloge poetica di Tommaso Mondelli, della quale ho curato la revisione dei testi, studiato la copertina e scritto la presentazione.  L'ho fatto, perché credo nelle capacità artistiche e nella grande cultura umanistica dell'autore. La partecipazione di Anna Montella è stata la ciliegina sulla torta, poiché si è occupata dell'impaginazione, dell'editing e perfezionato la copertina, che ha reso ad alta definizione, per non dire dell'assistenza costante fino alla pubblicazione su Ilmiolibro del Gruppo L'Espresso-Feltrinelli.


Il libro è acquistabile online al link qui sopra riportato, e se desiderate leggere le prime pagine dello stesso, cliccate sul link sottostante.


PRESENTAZIONE di Danila Oppio

L’autore ha ben sottotitolato con Il tormentone questa sua nuova raccolta poetica, la decima, poiché tratta di argomenti spesso incentrati contro il malgoverno. In una delle prime poesie, ha ripreso Tedeschi e Granduca di Giuseppe Giusti. L’ha fatto a ragion veduta, in parte perché Mondelli si rifà allo stile metrico in quartine e in rime alternate usate dal poeta vissuto nella prima metà dell’ottocento, e in parte – e non è un caso – le opere dell’autore sono state comparate anche a quelle di Trilussa. 
Appare chiaro che Mondelli, sorridendo sotto i baffi, si fa beffe del popolo pecorone e dei governanti che tutto fanno, meno che governare. A chi si è ispirato, riprendendo il sonetto di Giusti? Riporto l’ultimo graffiante verso del poeta toscano, con la chiosa di Mondelli,  così che all’indovinello posto dall’autore, si può ben presto dare l’adeguata risposta.
Il Granduca sta su per i Tedeschi,
 E i Tedeschi son qui per il Granduca;
 E noi paghiamo Granduca e Tedeschi"
(Giuseppe Giusti)
Se voi sapete dove e chi è Granduca
che sia oggi un buon italo e toscano
saper che possa esser sol più un Duca
un tanto nemmeno ad essere italiano.
(Tommaso Mondelli)
Ho esordito con questo stralcio di poesia, per lasciare una piccola traccia, l’impronta del pensiero di Mondelli, e quale sia il suo stile poetico. Facile comprendere: ironico, sardonico, divertito…ma pur sempre pacato. In quella quiete di chi sa raccontare una storiella, con un sorriso serafico, usufruendo di una certa “verve” travolgente e, nel contempo, con lingua tagliente mette a nudo le debolezze umane, e senza alcun dubbio, certe verità che aprono gli occhi anche a chi se li benda, per non vedere le nefandezze che ci gravitano attorno.
Tormentone…siamo tormentati da troppi problemi. Lavoro: inesistente per molti giovani. Denaro: che rotola via dalle nostre tasche, per confluire nelle Casse dello Stato. Sempre più tasse e meno reddito. Povera Italia e poveri italiani!
E non basta. L’autore si diletta a decantar personaggi mitologici ma, anche in questo, c’è un sottile riferimento a situazioni attuali. E’ così che allora compone i suoi libelli spostando il pensiero sulla vita, unico incommensurabile dono, sulla giustizia, sulle tasse (gabelle) esose, sugli errori umani, sulle inutili riforme, sui vecchi tabù e via di seguito.
Lascio ai lettori il divertito piacere di leggere queste piacevoli composizioni poetiche. Sarebbe bello impararne a memoria qualcuna, così come successe a me, ai tempi di scuola, studiando la simpatica poesia titolata Sant’Ambrogio, il cui autore, nemmeno a dubitare, era il celebre Giusti.
Vostra Eccellenza, che mi sta in cagnesco
per que' pochi scherzucci di dozzina,
e mi gabella per anti–tedesco
perché metto le birbe alla berlina,
o senta il caso avvenuto di fresco,
a me che, girellando una mattina,
capito in Sant'Ambrogio di Milano,
in quello vecchio, là, fuori di mano.

M'era compagno il figlio giovinetto
d'un di que' capi un po' pericolosi,
di quel tal Sandro, autor d'un romanzetto
ove si tratta di promessi sposi...
Che fa il nesci, Eccellenza? o non l'ha letto?
Ah, intendo: il suo cervel, Dio lo riposi,
in tutt'altre faccende affaccendato,
a questa roba è morto e sotterrato.

Chiedo venia all’autore, per aver riportato queste due strofe del poeta toscano, che credo rivelino, un poco meglio, lo stile di Mondelli il quale, come ci narra la tradizione popolare nella maschera di Arlecchino, ridendo e scherzando, dice la verità. E giù bastonate!
Ridentem dicere verun: quid vetat? (Orazio, “Satire” libro I) Dire la verità ridendo, cosa lo vieta?
Freud asseriva che scherzando si può dire tutto. Sì, perché “la verità non è ciò che si direbbe una buona, gentile e fine fanciulla” (Oscar Wilde). Mentre l’adulazione procura “amici” (evidentemente a tanti piace esser  presi per il lato B!).
Dire pane al pane e vino al vino (espressione con cui si vuole evidenziare il lodevole comportamento di chi sa esprimere con franchezza e senza timori reverenziali verso qualcuno, il proprio parere positivo o negativo) fa spesso passare per insensibili, ma questa è tutta un’altra storia. Volendo, si può anche scegliere di mentire con garbo. Non è il caso di Mondelli, che ama la sincerità e la verità e la usa, anche andando contro l’attuale corrente, che è mistificatoria.
Conosco la stima che l’autore ha nei riguardi di Winston Churchill.
Riporto volentieri un aforisma del grande statista britannico: “A volte l’uomo inciampa nella verità ma, nella maggior parte dei casi, si rialza e continua per la sua strada”. E aggiungo una citazione di Friedrich Nietzsche, che condivido: “Le convinzioni, più che le bugie, sono nemiche pericolose della verità”. Troverete conferma nella poesia Tabutot, presente nella silloge, nel suo contenuto, lo stesso pensiero del filologo e filosofo tedesco.
Le poesie contenute in questa raccolta poetica, non solo mi hanno regalato un sorriso, ma portato a riflettere seriamente su quanto poco sappiamo difendere i nostri diritti, su come spesso ci lasciamo turlupinare da affabulatori che ci intortano con promesse che sanno benissimo di non sapere o poter mantenere. Mi direte: “Ma non possiamo far nulla, per controbattere ed ottenere giustizia, uguaglianza e buone leggi” e avete ragione, però possiamo almeno prenderne atto, e sorridere, come simpaticamente ha saputo fare l’autore, con questa sue piacevoli poesie.
In questi ultimi decenni, etica, morale, rispetto per la vita, il desiderio che ognuno abbia una dignitosa esistenza, sono ormai considerati di poco conto, mentre ipocrisia, indifferenza ed egoismo, per non dire menzogna, si espandono a macchia d’olio. Se non ci fossero scrittori e poeti che, come Mondelli, cantano le lodi ai sani principi morali, ironizzando sui vizi e debolezze umane, si estinguerebbero i Cavalieri che, senz’armi e armature, combattono per la difesa dei diritti civili. E Mondelli Cavaliere è, sia nell’animo e per essere stato insignito dell’onorificenza di Cavaliere, ottenuta dal Presidente della Repubblica Italiana.
Il mio spassionato consiglio è di leggere e gustarne il contenuto, che ci è stato cantato per le rime e in rima, dall’estroso, geniale e produttivo poeta Tommaso Mondelli.
Grazie Tommaso, per il dono della tua saggezza poetata con acuto e sagace intelletto!

Danila Oppio







Nessun commento:

Posta un commento