POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

lunedì, maggio 4

Ma perché?


Abbiamo appena pianto
Tra del Nepal le macerie
Di un forte terremoto
E delle guerre le barbarie

Tutto concorre a calpestare
Questo nostro Pianeta
E che mai potremmo fare
Se non restar desolati a guardare?

Ma come non bastasse
La nostra Milano da bere
Il Primo di maggio distrusse
Impensabile potesse accadere

Ora non regna che confusione
E l’analfabetismo funzionale
Da cui non sono esclusi i politici
Fa a pezzi la Costituzione

Stiamo scendendo una china
Che conduce a un baratro profondo
La fine culturale è vicina
A macchia d’olio si diffonde nel mondo

Non resta che comporre una rima
Per gridare sempre a gran voce
L’Italia che Mazzini auspicava
Non è ormai più quella di prima

Perché si vuol tutto distruggere
Come se nulla avesse valore
E lasciare sul suolo lacrime
Di sangue e di grande dolore?

Perché non la pace cercare
E la Storia del passato studiare
Così da non scivolare in basso
Per colpa di un falso passo?

Siamo ancor in tempo a cambiare
Una storia che Storia non è
A rialzarci e ricominciare
A ricostruire quel che non c’è.

E’ necessario sentir battere il cuore
Per chi soffre nella disperazione
Capire che è soltanto l’Amore

A donar forza e illuminazione

Danila Oppio
Inedita

4 commenti:

  1. Eh, l'Amore, è la forza della base che non parla politichese e tantomeno danarolese.
    Proprio lesa nel denaro, è la base e allora ricorre all'Amore perchè non costa nulla.
    Ma anche se non ha un cartellino col prezzo attaccato, l'Amore non va sbandierato.
    nfatti l'Amore è così povero, ma così povero, che lui stesso ha bisogno di essere amato.
    Angela Fabbri

    RispondiElimina
  2. Vero Angie! Bisogna amare l'Amore, e allora quando il pargolo è ben curato,anche la vita prende gusto! grazie per il commento!
    Dani

    RispondiElimina
  3. Perché? Condivisibile senz'altro il tuo sentire Danila. Perché la gente non capisce che viviamo tutti su una fragile crosticina che al primo tossire della terra può portare distruzione e dolore? Perché usare di proposito la violenza contro cose e persone?
    Penso sia perché non si ricorre alla ragione, ma si seguono gli istinti peggiori...
    Brava, bella poesia e...la leggesse qualche black bloc!
    Gio

    RispondiElimina
  4. Bellissima poesia, con chiusa... stupenda!
    Bravissima!

    Graziella

    RispondiElimina