POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione. Recensioni stilate da me e da altri autori. Editoriali vari.
Pubblico poesie, racconti e dialoghi di vari autori.
Vi si possono trovare gallerie d'arte, fotografie, e quant'altro l'estro del momento mi suggerisce di pubblicare.
Sulla banda destra della home page, potete leggere i miei quattro e-book poetici ed altre sillogi di alcuni autori. Così come le riviste online de L'Approdo e de La Barba di Diogene, tutto si può sfogliare, è sufficiente cliccare sulla copertina.
Buona lettura!

venerdì, dicembre 15

NON POSSIAMO INCONTRARCI? VI INVITO VIRTUALMENTE A CASA MIA!

Ormai mancano solo 10 giorni al Natale, ed io ho preparato un minuscolo presepe con statuine peruviane, e un alberello altrettanto piccolo, ma molto luminoso, anche se le foto non sono riuscite al meglio.







Ma che Natale è senza un dolce tipico irlandese, che però è diventato tradizione in tutta la Gran Bretagna? 
Avevo acquistato a Londra un Christmas Cake, e ho voluto cercare la ricetta, per realizzarlo nella mia cucina. Ci sono molte versioni, ma io ho usato questa, 
Avrai bisogno di...
  • 600 g uva passa o sultanina
  • 100 g ciliegie candite
  • 250 g frutta essiccata (datteri e fichi) finemente triturata
  • 400 ml brandy (o whisky, sherry, Tia Maria, rum..)
  • 300 g burro, a temperatura ambiente
  • 200 g zucchero di canna meglio il muscovado
  • 1 limone
  • 4 uova, a temperatura ambiente
  • 2 cucchiai melassa (io ho usato lo sciroppo d'acero)
  • 300 g farina
  • ½ cucchiaino di zenzero in polvere
  • 1 cucchiaino cannella in polvere
  • un pizzico noce moscata
  • 150 g mandorle tritate finemente
  • 150 g noci, spezzettate
Come si fa...
Il giorno prima.
  1. Metti la frutta secca con i brandy in un contenitore ermetico. Versa quindi in una ciotola, e lasciala lì ad ammorbidire.
Il giorno seguente.
  1. Riscalda il forno a 150°C e fodera con due strati di carta da forno la base e i bordi di uno stampo rotondo da 23 cm di diametro o quadrato da 20 cm di lato. I lembi della carta dovranno avanzare di circa 8 cm su ogni lato.
  2. Se vuoi la tua torta particolarmente umida, frulla metà della frutta ammollata in un frullatore ed unisci nuovamente al resto della frutta.
  3. In una ciotola grande, monta il burro e lo zucchero finché diventino leggeri e spumosi. Aggiungi la buccia di limone grattata e le uova, una per volta. Unisci anche la melassa. Setaccia la farina e mescolala con le spezie e le mandorle tritate finemente. Unisci al composto di burro e zucchero, alternandolo con la frutta ammollata nel brandy. Alla fine, aggiungi le noci. Versa il composto nello stampo e cuoci in forno per circa 3 ore. Dopo 2 ore e ½ controlla e guarda di nuovo dopo circa 20 minuti, finché uno stuzzicadenti infilato nel centro non esce pulito.
  4. Appena togli la torta dal forno, spennellala con un po' di brandy. Lascia raffreddare nello stampo per circa 5 minuti, poi toglila e mettila su un foglio di carta stagnola grande. Avvolgila due volte per trattenere il calore. Dopo qualche ora, togli la stagnola ed avvolgi di nuovo in due fogli di carta da forno e due fogli di stagnola, facendo in modo che tu abbia accesso alla torta dall'alto. Conserva in un contenitore ermetico per 2 - 12 settimane. Durante questo tempo, puoi nutrire la torta di quando in quando con dell'alcol di tua scelta, versandone un po' dall'alto e poi coprendola di nuovo.
Molto elaborata, vero? Noi italiani siamo abituati a portare in tavola una ciotola di frutta secca, in questo caso, la troviamo tutta dentro questo meraviglioso e gustosissimo dolce, e ne basta una piccola porzione per gustare il sapore del Natale, e per sentirci sazi. Altro che fette di panettone o pandoro!

























Prova assaggio. 

Non è una torta tradizionale italiana e nemmeno rientra nelle nostre ricette natalizie familiari… beh, fino a quest’anno. Perché dal prossimo anno questo diverrà un appuntamento irrinunciabile. E’ una torta ricca, corposa, piena di frutta, in cui tutti gli ingredienti sono bilanciati alla perfezione. Assomiglia lontanamente al nostro panforte, ma è meno dolce: io lo preferisco. L’aroma del brandy unito alla frutta essiccata e alle noci sa di Natale, di Christmas Carol sotto la neve, di carta frusciante e fiocchi di raso… Non vedo l’ora di poter finalmente addentare una fetta spessa di Christmas cake. Fino ad ora ho potuto solo sbocconcellare qualcosa, mentre via via aggiungevo allegramente un po’ di brandy alla creatura!
C'è chi lo riveste di glassa, chi lo decora in mille modi, ma tutto quello zucchero toglie il vero sapore del Christmas Cake. 
Ecco a  voi qualcosa del mio Natale. Quest'anno non ho fatto lavoretti, non ne ho avuto il tempo e neppure la voglia, ma vi suggerisco di farvi un bel giretto al supermercato per rifornivi degli ingredienti necessari, e provate a variare classico dolce natalizio italiano con questo, i vostri ospiti ne saranno stupiti e si leccheranno i baffi...anche quelli che non li hanno. 
BUON NATALE!

Danila 

Nessun commento:

Posta un commento