POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione. Recensioni stilate da me e da altri autori. Editoriali vari.
Pubblico poesie, racconti e dialoghi di vari autori.
Vi si possono trovare gallerie d'arte, fotografie, e quant'altro l'estro del momento mi suggerisce di pubblicare.
Sulla banda destra della home page, potete leggere i miei quattro e-book poetici ed altre sillogi di alcuni autori. Così come le riviste online de L'Approdo e de La Barba di Diogene, tutto si può sfogliare, è sufficiente cliccare sulla copertina.
Buona lettura!

venerdì, gennaio 27

ATTENTI AL PLAGIO! Di Danila Oppio

Vi racconto un fatto accadutomi una quindicina d’anni fa. Facevo parte della Redazione dell’Insieme, il bollettino parrocchiale, nel quale venivano regolarmente pubblicati i miei articoli, che portavano la mia firma. Un giorno scrissi un testo che riguardava il rapporto tra mamme e figli ma, in accordo con il parroco, invece di firmare col mio nome, adducendo che non era giusto che apparissi ogni volta, mi firmai “Una mamma”. Passò qualche anno. Un giorno una persona mi avvicinò, e mi consegnò un foglio dattiloscritto, chiedendomi se potevo pubblicare il suo contenuto nel giornalino parrocchiale. Gli diedi una scorsa, e compresi che si trattava di quel mio articolo di tempo addietro. Le chiesi da dove l’avesse estrapolato. Mi rispose di averlo scritto lei. La guadai in viso e le dissi: veramente l’ho scritto io, e lo pubblicai con la firma “una mamma” perché non volevo apparire. In ogni caso, l’articolo è già  comparso sull’Insieme, quindi non lo ripubblico, e stracciai quel foglio in faccia a quella infida persona.. Tra tutti i redattori, è venuta a proporre proprio a me questa meschinità, che ero la vera autrice di quell’articolo. Che figura di emme!  Se questo non si chiama plagio, con quale altro nome si potrebbe definire?

Se ci penso, mi viene ancora da ridere, ma occorre stare attenti, perché prendersi carico di un merito che non ci appartiene, è un furto bello e buono.
Danila Oppio

Nessun commento:

Posta un commento