POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

lunedì, gennaio 9

In ricordo di CLAUDIO GORLIER di Danila Oppio


E' scomparso Claudio Gorlier, il 4 gennaio del corrente anno, professore di Letteratura dei Paesi di lingua inglese, all'Università di Torino. E' deceduto  nella sua casa torinese per le complicanze di una caduta. Aveva 90 anni, è stato anche giornalista e traduttore, uno dei primi docenti in Italia di Letteratura Americana.

Dopo le docenze all'università Ca' Foscari di Venezia e alla Bocconi di Milano, era approdato sotto la Mole come uno dei primi docenti in Italia di letteratura americana, inaugurando poi gli studi sulle letterature post-coloniali.
Nato a Perosa Argentina nel 1926, Gorlier fu anche giornalista e traduttore: caposervizio all'Unità, collaboratore per la Gazzetta del Popolo, La Stampa, il Corriere della Sera e Panorama.
Sarà cremato lunedì 9 gennaio al Cimitero Monumentale di Torino. Ovvero oggi.

Riporto un articolo di Ida Bozzi, per il Corriere. It.
Si è spento uno degli studiosi italiani più brillanti di letterature inglese, irlandese e americana, Claudio Gorlier. Nato nel 1926 a Perosa Argentina (in provincia di Torino), Gorlier è stato scrittore, giornalista per diverse testate (aveva iniziato a «L’Unità»), critico letterario e docente di Letterature dei Paesi di lingua inglese all’Università del capoluogo piemontese. Era stato tra l’altro il primo a vincere una cattedra di letteratura americana nel nostro Paese.
Amico e sodale di Primo Levi, Beppe Fenoglio, Cesare Pavese, Italo Calvino e soprattutto di Carlo Fruttero, lo studioso era stato anche collaboratore del «Corriere della Sera» per un decennio, dal 1967 al 1977.
Proprio Gorlier aveva ispirato a Fruttero e a Lucentini un personaggio nel romanzo La donna della domenica, quello dell’americanista Bonetto. Aveva curato le Opere di Herman Melville per i Meridiani Mondadori, tra le sue opere, ricordiamo L’ universo domestico. studi sulla cultura e la società della Nuova Inghilterra nel secolo XIX (Jaca Book, 1962) e Letteratura del Rinascimento americano (Jaca Book, 1993).

Il nome dell’emerito professore l’ho appreso tempo fa da Roberto Vittorio Di Pietro,è stato  lui stesso a darmi  notizia della scomparsa dell’esimio professore. 
Come condivisione al dolore  del  poeta e critico letterario, desidero pubblicare un ricordo di Gorlier. 
Proprio in questi giorni, stavo rileggendo alcune sillogi poetiche di Di Pietro, e sono incappata nella pagina “Di lui si è scritto”, inserita in calce alla silloge poetica “IL VERO, IL BELLO…L’ANELLO CHE NON TIENE”.
Claudio Gorlier scrisse la postfazione di “In soliloquio dialogando”, che con grande emozione riporto qui sotto:




Danila Oppio


Effettivamente si è trattato di un giorno per me particolarmente triste. In compagnia di alcuni amici,  sono riuscito ad andare al tempio crematorio del cimitero monumentale, che, rispetto a casa mia, si trova all'estremo opposto della città. Come può immaginare, c'era una folla sterminata di docenti, ex alunni, giornalisti...praticamente tutta l'élite intellettuale torinese, e non solo.

Ho appena guardato, con commozione,  il pezzo che ha voluto dedicare alla memoria del professore, e ai suoi fin troppo benevoli elogi nei miei confronti. Grazie, cara Danila, per questo suo pensiero davvero delicato. D'altra parte è verissimo che il buon Claudio nutriva profonda ed autentica stima verso di me: un sentimento che in ogni senso ricambiavo con la massima sincerità. Non mi sarà facile dimenticarlo.
Roberto Vittorio Di Pietro.

L'amica poetessa e scrittrice Laura Vargiu, che nel 2013 ottenne il Primo Premio al Concorso La Mole di Torino, con la lirica I cieli di Gerusalemme, e il cui organizzatore era l'Editore dott. Lorenzo Masetta, dopo aver letto questo articolo, mi ha scritto:


"Nooooo.... presiedeva la giuria del Premio La Mole quando, nel 2013, fummo premiate... mi ricordo ancora la sua stretta di mano e le belle parole che mi disse..."


Ed io, a malincuore, rimpiango di non averlo potuto incontrare in quell'occasione. Mi ero qualificata al secondo posto ex-aequo, e quel giorno attesi per oltre due ore il treno che mi avrebbe condotto a Torino, per la premiazione, ma qualcuno ebbe l'infelice idea di buttarsi sotto quella vettura, così che tutti i treni per Torino vennero soppressi. Mi recai poi dal dott. Masetta due settimane più tardi, per ritirare la mia targa, presso la Cappella dei Mercanti, dove mi aveva dato appuntamento. Per un caso del destino,  non ho potuto conoscere il Prof. Gorlier.

Nessun commento:

Posta un commento