POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione. Recensioni stilate da me e da altri autori. Editoriali vari.
Pubblico poesie, racconti e dialoghi di vari autori.
Vi si possono trovare gallerie d'arte, fotografie, e quant'altro l'estro del momento mi suggerisce di pubblicare.
Sulla banda destra della home page, potete leggere i miei quattro e-book poetici ed altre sillogi di alcuni autori. Così come le riviste online de L'Approdo e de La Barba di Diogene, tutto si può sfogliare, è sufficiente cliccare sulla copertina.
Buona lettura!

lunedì, gennaio 9

SIGNORE, S'ALLONTANI... di Roberto Vittorio Di Pietro

Da Come conchiglie, Liriche
CAPITOLO III

COME PASSIONI RICONSIDERATE
Il falciatore - Vincent Van Gogh 


La poesia qui riportata, è palesemente ispirata a due distinte considerazioni personali di Pierpaolo  Pasolini:
 1) la convinzione che i cosiddetti contestatori del Sessantotto altro non fossero che borghesucci annoiati, desiderosi di insolite emozioni epidermiche e passeggere, ideologicamente non meno qualunquisti dei loro genitori benestanti; e 
2) il profondo, intimo cruccio di Pasolini nel constatare la pressoché insuperabile sconfitta, propria come di ogni "borghese/intellettuale/comunista" autenticamente impegnato, nel farsi affettivamente accettare come "credibile compagno" da parte di quella stessa classe operaia peraltro visceralmente amata e pubblicamente difesa a spada tratta. 

2 commenti:

  1. Be', il signore che ha scritto quella lirica non l'ha scritta in modo epidermico e tantomeno passeggero.
    Angela Fabbri

    RispondiElimina
  2. Infatti, si tratta di una lirica profondamente amara, ispirata a Pasolini.

    RispondiElimina