POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

lunedì, gennaio 23

VIAGGI - racconti mediterranei - di Laura Vargiu - recensione di Danila Oppio


VIAGGI – Racconti mediterranei

La capacità descrittiva - di Laura Vargiu - dei luoghi e delle situazioni, e  con tale dovizia di particolari, mi ha così coinvolta,  nel racconto “Il bambino di Bosa”, che mi sembrava di affiancare Anna, lungo le vie di quella città. Mi pareva di vederlo da vicino, quel bimbo dal nome angelico di Serafino, che è uscito dalla penna di Laura, come fosse un piccolo fiore tra i dirupi dell’esistenza della protagonista, e l’ha condotta per mano, fino al discernimento di una giusta decisione. Non vado oltre, per non privare della sorpresa i lettori.
E poi, un’altra storia di donne, quella di Chiara e Patrizia: un’amicizia tanto forte, da sconfiggere la noia e la tristezza di una vita vissuta senza entusiasmo, che ha portato alla decisione di affrontare un viaggio, alla ricerca delle proprie radici o, forse meglio ancora, di una nuova e più felice esistenza. Verso dove? Si saprà leggendo il racconto, anche questo, d’indubbia bellezza. Piacevole la lettura de “Il palombaro ciclista”, di “Bugie” e, altrettanto interessante, conoscere le peripezie del personaggio che si è venuto a trovare presso Allenby, il ponte frontaliero tra Giordania e Israele, nel racconto titolato Frontiera. Vi si trovano, nel libro, alcuni altri godibili racconti, riuniti nella recente edizione del libro Viaggi dell’autrice Laura Vargiu, edito da LargoLibro. Ho scelto di soffermarmi solo su alcune storie, quelle che mi hanno colpito in modo particolare, pur avendo apprezzato ogni altro racconto contenuto nel libro.
L’autrice ha dedicato questa sua opera a Tommaso Mondelli, un soldato di ieri, che le narrò una vicenda accaduta a un suo cugino, dalla quale Laura ne trasse il racconto titolato “Il piroscafo”, nonché “La partenza” che ha invece coinvolto personalmente Mondelli e che fa parte del testo di “Settimane bianche e crociere a costo zero”, romanzo autobiografico di Mondelli e curato in tutte le sue parti, compresa la prefazione, da Laura stessa.
Quasi tutti i racconti, radunati in questa edizione, hanno ottenuto riconoscimenti o la pubblicazione in varie antologie.
Mi piace chiudere questa mia breve recensione, con l’ultima frase contenuta nella “Nota dell’autrice”: "Qualsiasi riferimento a fatti e persone è puramente casuale. Tranne ciò che non lo è”.  Mi ha strappato un sorriso, avvertendo traccia di humor inglese!
E’ proprio necessario che aggiunga qualche complimento? O non risulta abbastanza chiaro, il mio apprezzamento sulla proprietà di linguaggio e la penna duttile e sopraffina di Laura, scrittrice e poetessa a tutto tondo? Ma certo, Laura sa di  poter contare sulla mia altissima stima.
Danila Oppio


Nessun commento:

Posta un commento