POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

venerdì, novembre 14

Passeggiata mattutina a Kanazawa (Giappone)

Proseguo la mia passeggiata virtuale, guardando con gli occhi di Padre Nicola, quanto incontro lungo il percorso. Gli ho chiesto cosa fossero quegli abitini indossati dagli idoli shintoisti, e mi ha risposto che sono gli abiti della festa! A me sono sembrati dei piccoli babbi natale o dei nanetti da giardino! Ognuno ama ciò che gli è stato insegnato!
Passeggiate anche voi con me!













2 commenti:

  1. Ma perchè tanta meraviglia? e paragonarli, quando va bene, a babbi natale?
    E' così difficile riconoscere manifestazioni religiose di altri popoli?
    Oltretutto, nella chiesa cattolica non c'è forse l'uso di addobbare le statue dei Santi e della Madonna seguendo le ricorrenze liturgiche?
    Angela Fabbri

    RispondiElimina
  2. Angela, mi riferivo alla somiglianza con il nostro Babbo Natale. E per il fatto che quelle statuette sono piccine, mi sono sembrati dei nanetti. Se poi hai visto quel'idolo terribile, che pare uscito da un film di fantascienza, è davvero stupefacente come si possa adorarlo. Certo lo so che anche i cattolici mettono abiti alle statue, e paramenti secondo i vari periodi liturgici, Io rispetto ogni religione, ho solo trovato un'assonanza con le nostre festività natalizie! Resta inteso che a me piace il popolo nipponico. Ordinato, amante della natura, delle arti e soprattutto, dell'educazione civica!!

    RispondiElimina