POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

sabato, marzo 25

EGLI E'. SICCOME IGNOBILE di Danila Oppio


Egli è. Siccome ignobile
Parodia di alcuni versi del 5 maggio
( dedicata a tutte le donne oltraggiate, tradite, ferite)

Ei è. Siccome ignobile
Dato il fetal respiro
Stette la belva immemore
Orba di tanto spiro,

Così, percossa, attonita
La donna al nunzio sta,
muta pensando all’ultima
ora dell’uom fetale;

né sa quando una simile
orma di piè mortale
la sua crudel polvere
a calpestar verrà.

Lui ributtante al solio
Vide il mio genio e tacque:
quando con melliflua voce
cadde, risorse e giacque.

Di mille voci al sonito
Mista la sua non ha:
priva di servo encomio
e di codardo oltraggio,

vien rimosso subito
sparir di tal linguaggio,
scioglie all’urbe un disgusto
che certo non morrà.

Tu, dalle stanche ceneri
spandi ogni ria parola
Il Dio che atterra e suscita
Che affanna e che consola

Sulla deserta coltrice
Il  suo Karma poserà.
Chi ha seminato il mal
A lui certo tornerà.

Danila Oppio



Nessun commento:

Posta un commento