POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

mercoledì, marzo 25

Torino, 20 agosto 1979 di Angela Fabbri


Vedi se ti ho mai mandato questa poesia. Cercavo una mia ballata e mi è cascata l'attenzione su questa.
Ciao, a domani.
Angie

Torino, 20 agosto 1979

No Non potrei più stare qui.
Come disse qualcuno
E’ il vento che mi porta via
  E non è l’universo che fuma,
  Sono io che brucio
E scorre il vento sulle piante
e corre sulla terra
accende i fuochi quasi spenti
e fa gridar d’invidia
al pellegrino
Mentre gli animali camminano
e solo l’uomo
Morto
si scuote.
E segue.
Come disse qualcuno
L’individuo?
  E’ solo un modo per soffrire
  E per sentir cantar la noia
  Mentre canta il vento
Io sono solo
e non ho
Paura.
Mentre le ali trasvolano nella notte
e i fiumi cadono dall’alto
e l’erba odora d’acqua
e i pesci dormono.
Io che son solo
faccio gridar d’invidia
al pescatore
e agli uomini più soli.
Voi non parlate
Ascoltate le stelle
che sono sempre mute
che sono sempre state
E quando i miei occhi
saranno aperti al cielo
e le formiche verranno a fare pulizia
trascorreranno ancora molte notti
e molte stelle
e molte lune
e molti mondi
e molte molte grandissime cose.

Angela Fabbri
(Torino, 20 agosto 1979, notte precedente a un incidente d’auto da cui sono uscita salva)


Ma non dire più che non sei poeta...ce l'hai nel sangue, la vena poetica ti scorre dentro a fiotti.
Vuoi che la pubblichi sul blog o è privata?
Dani


Ma, non so perché me la sono ritrovata lì, non ricordo nemmeno se è mai stata pubblicata, ad es. sul Calendario
delle edizioni Helicon 2009. Ci guarderò. Ad ogni modo non è mai andata a concorsi e il suo titolo originale è proprio:
                                          Torino, 20 agosto 1979.

Ed è un'altra delle mie sensazioni del futuro, mancata questa volta, ma è stata terribilmente forte. Come hai sentito anche tu.
Ti dirò che ieri notte, quando dopo le 24 mi sono seduta a vedere un po' di TV, mi è tornato in mente il fatto e ho pensato:
" Ma guarda! se in quell'incidente in cui siamo state coinvolte io e mia madre, su un cavalcavia dell'autostrada tra Piacenza e Parma, qualcuno non ci avesse salvato, io non avrei lavorato altri 32 anni e soprattutto non avrei mai pubblicato un libro. Sarei infatti morta poco prima di compiere 28 anni, quando avevo già scritto Aurelio, c'era l'embrione di Sheyra e la prima parte  di Elizabeth, ma non avevo ancora iniziato Giochi tremendi... "

Pubblica, se vuoi. L'averla ritrovata mi ha messo davanti tutta la mia vita (alla grossa, certamente) da allora in qua e mi sono naturalmente domandata se è valsa la pena salvarmi. E cosa accadrà dopo di me quando la morte per me arriverà davvero.
Angie, mistica 

Ha anche un altro titolo che è:
                     TORINO ADDIO.



e difatti il giorno dopo partivo per Ferrara con mia madre e all'inizio di settembre cominciavo a lavorare a Ravenna dove avevo vinto un concorso come analista-programmatore esperto
Torino mi è sempre rimasto nel cuore, lì ho imparato il mestiere di informatico, lì ho lavorato come una disperata piangendo per il mal di gola ma stringendo i denti, lì ho conosciuto un'amica che è ancora un'amica,
lì ho conosciuto anche il mio secondo amore Claudio il giovane.
Lì ho imparato a arrangiarmi da sola, a risolvere i problemi e a crearmene altri per troppa energia e vivacità e lì ho anche smesso di disegnare i miei amati fumetti ma ho sempre continuato a scrivere.

Ricordavo bene. Sul calendario non c'è. E adesso credo di ricordarmi come mai...
Quando alla fine del 2008 si trattò di scegliere le 12 poesie per il calendario, io portai le mie poche cose in ufficio e le sottoposi ai miei colleghi e amici, qualcuna l'ho anche letta a alta voce, le altre lo hanno fatto loro con calma, pregati di dare un voto così da fare la classifica. Uscirono le 12 che poi furono pubblicate.
Quella in oggetto e che io ho sempre adorato, era sì piaciuta, ma non piaceva il titolo che a loro sembrava imitasse '4 marzo 1943' di Dalla. Ho provato, allora, a darle un altro titolo e è uscito "A Voi" che però non mi ha mai convinto.
Adesso ho la risposta: la data di Lucio Dalla è una data di nascita; la mia poteva essere una data di morte.
Ed ecco perché desidero conservare il suo titolo originale.
Angie   


3 commenti:

  1. La poesia la trovo bellissima e dopo aver letto tutta la vostra corrispondenza, direi quasi da brivido.
    Un saluto.

    RispondiElimina
  2. Grazie Pino, per il tuo commento. E' da tanto che non ci sentiamo. Ho pochissimo tempo per visitare altri siti, fatico ad aggiornare i miei! L'ottima scrittrice di prosa Angela Fabbri, che talvolta si diletta poesia anche questa volta ha fatto centro! Cari saluti
    Danila

    RispondiElimina
  3. Dico anch'io: Grazie, Pino, anche se non ho confidenza con te.
    Quella piccola voce dal passato si è riscoperta di suo come spesso fanno le cose che scrivo e dimentico da qualche parte.
    Angela

    RispondiElimina