POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione. Recensioni stilate da me e da altri autori. Editoriali vari.
Pubblico poesie, racconti e dialoghi di vari autori.
Vi si possono trovare gallerie d'arte, fotografie, e quant'altro l'estro del momento mi suggerisce di pubblicare.
Sulla banda destra della home page, potete leggere i miei quattro e-book poetici ed altre sillogi di alcuni autori. Così come le riviste online de L'Approdo e de La Barba di Diogene, tutto si può sfogliare, è sufficiente cliccare sulla copertina.
Buona lettura!

lunedì, ottobre 19

Kjeragbolten Norvegia

Maestose montagne

Sul Lysenfjord si trovano due delle principali attrazioni della regione: il Preikestolen (il Pulpito) e Kjerag. Di Preikenstolen ovvero il pulpito nella roccia, ho già pubblicato un servizio fotografico. Non ho scritto di Kjerag, dove ieri vi è stato mio figlio con degli amici. Il tempo di due ore e mezza, come riporto sotto, non corrisponde a quello reale, che è molto più lungo. Ieri, giornata particolarmente serena, mostrava una temperatura dai 0 ai 5 gradi massimo.
Il Preiskostolen si trova a 600 metri s.l.m. ed è l'attrazione più visitata della contea di Rogaland. La Lonely Planet lo ha definito la piattaforma naturale più spettacolare al mondo grazie alla vista che si gode da esso. Per raggiungerlo si impiegano circa due ore attraverso un meraviglioso sentiero.
Kjerag è un'altra delle attrazioni presenti nella zona. Questa maestosa svetta dall'alto dei suoi 1.110 metri sul Lysefjord. La sua parete nord, a picco sul fiordo, è la più visitata. Qui, a 984 metri d'altezza si trova il noto Kjeragbolten, un grande masso incastrato tra due pareti di roccia. Per raggiungere questa roccia si impiegano circa due ore e mezza, ma la sensazione di trovarsi lassù vale certamente la scalata.




Questa è la pietra incastrata tra le rocce, a strapiombo sul fiordo. Molte persone si azzardano a salirci sopra, ma per quanto sia lì da secoli eterni, pare non sia molto sicura e quindi lo fanno a loro rischio e pericolo.

Nessun commento:

Posta un commento