POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione. Recensioni stilate da me e da altri autori. Editoriali vari.
Pubblico poesie, racconti e dialoghi di vari autori.
Vi si possono trovare gallerie d'arte, fotografie, e quant'altro l'estro del momento mi suggerisce di pubblicare.
Sulla banda destra della home page, potete leggere i miei quattro e-book poetici ed altre sillogi di alcuni autori. Così come le riviste online de L'Approdo e de La Barba di Diogene, tutto si può sfogliare, è sufficiente cliccare sulla copertina.
Buona lettura!

sabato, novembre 18

BARBABLU' di Danila Oppio


Barbablù

C’era una volta
Una grande torta
Ed ora non c’è più
Perché se l’è pappata
Il goloso Barbablù

E vero non è
Che mangiava bambini
Gli piaceva invece il té
Con un ricco cabaré
Di cremosi pasticcini.

Fiabe di orchi assassini
che rubavano i bambini
e lupi che sbranano le nonne
e chi le ascoltava
passava la notte insonne.

Eppure c’era del vero
Nel racconto dell’uomo nero
Ancor oggi se ne ha paura
Se lo incontri per via
O altrove, nella sera scura.

Quanto male nel mondo!
Bimbi che muoiono di fame
Perché non hanno pane
E se guardiamo in tondo
C’è sempre chi ne abusa.

Vorrei poter cantare
Una bella filastrocca
Magari un poco sciocca,
che faccia ben pensare
che il mondo può cambiare.

C’era una volta
Una grande torta
Ed ora non c’è più
Perché se l’è pappata
Il goloso Barbablù.


Danila Oppio

Nessun commento:

Posta un commento