POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

venerdì, luglio 22

La roba di Alessia D'Errigo




La roba! La roba! 
Come se fosse una mala omissione dei peccati
s'è appiccicata dietro le natiche della misura.
Ha oltrepassato le porte
la roba
i nasi
la roba
le proprietà
mie e tue
nostre e vostre
s'è sempre detta bona
o bella (la roba)
la signora Riccarella se l'è messa intro 'e cosc!
L' arrotino canta il suo lavorotrovato
accanto alla porta della vecchiarella
che ha preso la pillola della mattina alle 5. Puntuale.
La bionda con la messa in piegashatush
si gira l'anello sacro intorno al dito
le gambe intrecciate come una mozzarella di bufala delle più lattiginose.
Quanta roba straborda
perfino l'odore di amido delle lenzuola
bianche, appese di domenicamessa:
Santissima roba tra le vie!
Pulita fuori e sporca dentro (la roba)
arringata dalla bocca del parroco
per la stessa vecchietta. Quella delle 5.
E buonanotte ai sognatori
che tutto hanno, che tutto l'anno
tutt'hanno meno che la roba.


Alessia D’Errigo

Nessun commento:

Posta un commento