POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

lunedì, gennaio 11

Gli interruttori della mente


Lo sguardo dei grandi occhi verdi di Julia scorre sulle pietre del marciapiede disposte ad opus incertum mentre il rumore dei tacchi giunge a cadenze regolari ai suoi orecchi sensibili. La giornata è ventosa, una leggera brezza di lago pervade la città spazzando la foschia che ha dominato la notte. Le vette delle montagne circostanti sono bianche di neve, un sole freddo e distante carezza coi suoi raggi l’intera valle, coperta di boschi nella loro variopinta livrea autunnale.
Una folata più intensa di vento le solleva i capelli. Julia sente un brivido percorrerle la schiena, si stringe addosso il cappotto bianco e si calca in testa un piccolo cappuccio. Ha fretta perché è in leggero ritardo per raggiungere l’università dove il professore Wolfgang Reisch di Heidelberg, terrà un seminario sulla fisiologia della mente umana.
Julia è al suo secondo anno del corso di studi di psicologia medica ed è estremamente attratta dalla complessità e dalla bellezza del funzionamento della nostra mente. Di tanto in tanto accelera il passo ed infine giunge al cancello di ingresso della sua facoltà.
L’atrio è affollato da studenti che si dividono frettolosi per diverse direzioni, ognuno preso dai propri impegni e sollecitato dalla preoccupazione di fare tardi. Il professore Reisch segue anche lui questo istradamento e giunge in perfetto orario, da buon tedesco, nell’aula gremita di studenti. Si leva il cappotto color cammello, si sfila i guanti e dalla borsa di pelle nera, estrae un piccolo computer dall’aspetto avveniristico. Lo collega all’impianto video ed audio dell’aula, poi impartisce alcuni colpetti al microfono per saggiarne il funzionamento. Tutto è pronto per la tanto attesa lezione.
Il professore ha una corporatura esile, ma è alto e quando si muove sembra impacciato. Volge un sorriso radioso ai suoi numerosi studenti poi sembra per un momento estraniarsi dall’aula, infine ritorna presente con lo sguardo e pacatamente esordisce: «Il cervello umano è la struttura più complessa dell’intero universo, così come noi oggi lo conosciamo. Esso è formato da cellule denominate neuroni e da altri tipi di cellule e strutture che, ai fini della nostra trattazione odierna, possiamo ignorare completamente. Ogni neurone ha migliaia di connessioni in ingresso ed in uscita e tali connessioni possono essere a loro volta di tipo eccitatorio o di tipo inibitorio. Un neurone è pertanto connesso con moltissimi altri neuroni in uno scambio continuo di interazioni, persino durante il riposo notturno, il cui risultato globale produce la nostra mente. I cervelli più semplici degli animali producono interazioni più semplici con risultati o abilità funzionali più modeste. Le piante, sprovviste di cellule di tipo nervoso, non possono avere una mente.»
Un compagno di corso vedendo che Julia è assorta e sorridente, per richiamarla alla realtà le infligge una gomitata al fianco destro. E Jiulia di rimando gli racconta che in uno sceneggiato degli anni 80 l’assassino aveva compiuto il suo crimine alla presenza di una pianta d’arredamento e che gli investigatori pronunciavano vicino ad essa il nome dei sospettati… perché la pianta era rimasta terrorizzata dall’accaduto ed il nome dell’assassino le avrebbe fatto… tremare le foglie. Entrambi gli studenti ridono di gusto.
Ma la voce del professore li riporta al presente. «La mente nel suo complesso è formata da numerose funzioni elementari da cui dipende il suo portentoso funzionamento globale. Ed è il prodotto, la funzione complessiva delle strutture e degli elementi anatomici che compongono il cervello.»
Reisch cerca col suo sguardo lo sguardo degli studenti, li osserva rapidamente e si rende conto che l’uditorio pende dalle sue labbra.
«Possiamo quindi vedere la mente come un insieme ben definibile di funzioni che sono ognuna il prodotto della modulazione di questi strati o nuclei di neuroni. Una o più funzioni si integrano in funzioni più complesse, più sofisticate, che apparentemente esulano dall’organo sottostante. Una funzione può essere il risultato dell’eccitazione di un determinato settore cerebrale, mentre un’altra può richiedere l’attivazione di un altro circuito e la soppressione del primo… e così via.
Cerchiamo, come esempio, di capire l’avarizia o la prodigalità di una persona. Ma tali considerazioni possono essere tranquillamente estese anche ad altri comportamenti come la creatività e la gregarietà, la moralità e la mancanza di scrupoli, l’altruismo e l’egoismo, l’umiltà e la superbia e così a seguire.
In questa persona la funzione che la spinge a spendere il denaro è inibita mentre in chi spende troppo facilmente è stimolata oltre il necessario… Procedendo in questo modo potremmo analizzare la mente nelle sue componenti funzionali, ma io oggi vi voglio presentare una mia ipotesi sull’esistenza di interruttori biologici che attivano e disattivano la mente, nelle sue componenti o anche nella sua globalità.
La mente viene abolita globalmente se il cervello riceve un insulto patologico che ne impedisce l’attività: ad esempio se aumenta il contenuto acquoso delle cellule cerebrali, condizione nota come edema cerebrale acuto, il cervello non produrrà più potenziali elettrici e l’individuo colpito perderà lo stato di coscienza.
Ma se tale condizione viene prontamente contrastata con farmaci che riportano alla normalità il contenuto acquoso del cervello, la coscienza e con essa la mente riappariranno. La mente, quindi, è il risultato dell’attivazione “calibrata” nel tempo di numerose funzioni. Ogni funzione può essere accesa o spenta da un sistema di regolazione che potrebbe essere costituito anche da una sola proteina.
Ma cosa succede se questa proteina regolatoria non viene prodotta? Semplicemente, la persona affetta da tale caratteristica, non sempre definibile come malattia, non potrà produrre quella funzione. E se viene prodotta in eccesso? In questo caso la funzione viene stimolata oltre il limite normale. E se la proteina va incontro ad una mutazione, cosa potrebbe succedere? Potrebbe succedere che tale proteina stimoli altre funzioni, con un efficienza variabile o che perda completamente la propria funzione.»
Julia si fa coraggio ed alza la mano per porre una domanda: «È corretto pensare che in un avaro tale meccanismo regolatorio sia spento mentre nel prodigo sia acceso oltre misura?»
«Sì, - risponde il professore - i meccanismi di eccitazione e di inibizione regolano quasi tutto il funzionamento cerebrale degli esseri animali, uomo compreso. Ma vi è un meccanismo molto sofisticato che regola il funzionamento globale della mente. Io penso che sia un meccanismo di direzione, di governo superiore, di coordinamento.»
Gli studenti aguzzano gli occhi, le loro orecchie sono avide di messaggi, che puntualmente le raggiungono.
«Pensiamo di far parte del pubblico di un concerto di Capodanno. L’orchestra è formata da valenti filarmonici, ognuno è un grande talento per uno strumento musicale specifico. Ma non vi è il direttore di orchestra! Che succederà? Ogni musicista esegue il brano che vuole, dell’autore che preferisce, con gli accordi più vari e così via. Il risultato non sarà un armonioso concerto di Capodanno, ma una cacofonia che farà allontanare tutto il pubblico presente in sala. Questo perché, nonostante il fatto che ogni musicista sia bravo ed esegua bene la sua musica, in assenza di coordinazione globale, la musica risultante attrae solo… pomodori in faccia!»
«Uscendo dalla metafora – continua sorridente il professore – anche per la mente vi è una condizione simile: tutte le funzioni mentali sono buone se prese singolarmente, ma il loro prodotto globale è un disastro! E qui mi riferisco alla schizofrenia… vi faccio un esempio: nello schizofrenico la percezione delle parole è normale e se dico ad uno di loro che gli è morta la madre, egli capisce, ma attua una risposta emotiva non coordinata, non consona alla situazione, ad esempio egli… ride. Cioè, come nel caso degli orchestrali anche qui ogni funzione esegue il suo pezzo indipendentemente dalle altre o viene invocata una funzione diversa da quella invocata dagli altri esseri umani. E questo perché lo schizofrenico difetta di coordinamento anche se le sue funzioni elementari – in genere – sono corrette!»
Si solleva una voce dal pubblico: «Allora esistono regolazioni, nel senso di attivazioni e repressioni, sia di singole funzioni che di gruppi di funzioni ed anche controlli più globali! Si può, quindi, paragonare la mente ad una cipolla: ogni strato più interno deve funzionare affinché possa funzionare uno strato più esterno e poi tutti insieme devono avere una radice che li alimenta e controlla tutti?»
«Sì, è corretto, ma il cervello è molto più complicato nella sua anatomia e tutte le connessioni dei suoi neuroni probabilmente non saranno mai mappate con esattezza e completezza e gli studi raramente potrebbero essere considerati conclusivi.»
Il professore si schiarisce la voce con un sorso di acqua e procede. «E le alterazioni degli “interruttori” possono riguardare anche la memoria. Pensate alla memoria come ad un insieme di sedi elementari distinte in cui vi è immagazzinato un ricordo. Ebbene, la mente accede al ricordo mediante un indice. Se l’indice specifico di un ricordo si altera, quel ricordo non può essere evocato correttamente. Probabilmente, se l’indice punta ancora da qualche parte, potrebbe restituire un ricordo diverso, altrimenti non restituisce nulla: siamo in presenza di una amnesia.»
«Anche le memorie RAM dei computer funzionano così.» Aggiunge la solita voce. «Però – risponde il professore – la memoria umana è spesso associata anche ad una emozione, ad un pensiero od altro, non è solo un dato di informazione o meglio l’informazione che recupera è più complessa e coinvolge più funzioni. Ritorniamo allo schizofrenico: ha sentito bene la notizia della morte della madre ma ha prodotto una risposta emotiva mal coordinata: ha riso!»
«Quindi possiamo concludere questo nostro primo incontro affermando che se il cervello umano è l’organo più complesso dell’universo allora la mente umana è molte volte più complessa del cervello stesso.
Quando un vocabolario linguistico comprende molti vocaboli, diciamo che è molto ricco ma se pensiamo a quante parole, frasi, racconti o idee diverse si possono esprimere con le parole di quel vocabolario allora diciamo che la produzione “letteraria” è molto più abbondante del vocabolario stesso.
Allo stesso modo, se i neuroni e le loro connessioni, nel cervello umano sono straordinariamente numerosi ancor più grande è l’attività mentale che trae origine e vigore da queste strutture apparentemente semplici.»
Il professore si china sulla cattedra e comincia a spegnere le sue apparecchiature quando i suoi studenti si alzano in piedi e gli tributano un caloroso applauso. Reisch percorre con lo sguardo tutta l’aula, dal suo viso trapela una velata commozione e la sua bocca profferisce un gutturale «Grazie di cuore».
Silvio Coccaro



2 commenti:

  1. Da uditore mi permetto un suggerimento, rivolto sia all’Autore che al Professor Reisch che ne interpreta il pensiero:
    Dormite a lungo, almeno questa notte, così da permettere ai pulitori di lavar via dai neuroni le scorie, che vengono create proprio dall’attività cerebrale.
    Come sapete, durante il sonno, gli spazi fra le cellule neuronali si allargano, permettendo una pulizia accurata.
    Angela Fabbri

    RispondiElimina
  2. Stiamo trattando con un medico, ovvero l'autore stesso, che quindi sa bene che il riposo del sonno, è necessario ad ogni essere vivente.

    RispondiElimina