POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

mercoledì, gennaio 27

Recensione Canto a due voci di Tommaso Mondelli e Danila Oppio su Notizie in un Click

Top of Form

Danila Oppio e Tommaso Mondelli – Canto a due voci – Salerno, Argolibro,2015 . 140 p. (77) Dopo la pubblicazione di altri libri di poesie, oggi Tommaso Mondelli ritorna con un saggio poetico ancora diverso, Canto a due voci, scritto insieme a Danila Oppio, anche autrice di romanzi di squisito talento e sensibilità umana e sociale.

Un canto a “due voci” e “quattro mani” che declama il mondo esaltandolo nelle sue componenti principali, l’amore per la vita e la natura, ed anche in quelle secondarie: “Sommellier astemio”, “L’ombrello rosso” , “Il caffè”, “La gavetta”,… nelle parti e sotto gli aspetti che possono anche essere un “mondo malato” o le acque torbide di “Nel mare “, ma che ha – “…nonostante l’impotenza e l’impossibilità a migliorare situazioni contingenti e permanenti…” – l’incondizionato amore  appoggio e gradimento di Danila e Tommaso. Positività ed ottimismo per la vita ed il futuro confermate nei Versi Burleschi finali, otto poesiole frizzanti di gasate bollicine che fanno prudere il naso. Verseggiando e poetando si toccano anche i grandi temi sociali: “Il coso”, piccola  disamina sull’euro, e i comportamenti umani: “Aretè”, con leggerezza, sensibilità e qualche volta anche umorismo. Ci piace ancora farvi sentire “il profumo” di ciò che vi consigliamo di leggere, riportando qui alcuni versi, con la certezza che sarete, poi, più sereni e, forse, un po’ più saggi. “…dovremmo pur darci una mano…/se in coro leviamo una voce/se ai sordi facciamo sentire/ per il mondo la svolta veloce/chè il futuro non deve morire.” (Tommaso Mondelli). “…E’ la virtù, che conduce l’uomo/alla creazione di una società civile/di cui il singolo la compone/con ogni pur piccolo mattone”.   (Danila Oppio). “…desiderio d’aria diversa/dall’odierno respiro…/profumo…/di pulite lenzuola/al sole estivo asciugate…/. (Mariella Oppio, sorella di Danila, “ospitata” nel libro con tre sue poesie).
La poesia ha, tra l’altro, la capacità di immaginare grandi spazi, grandi idee, grandi cose e una grande umanità. Sa inoltre trasportarci in un mondo fantastico di elevata taratura, ricco di colori e di vitalità dove respirare – pur nell’angustia degli spazi vissuti nel reale – con la forza e la vastità della sua insita potenza, quei valori eterni che sono un tutt’uno con l’essere umano ed il suo quotidiano. Danila e Tommaso in questa loro raccolta hanno saputo cogliere ed infondere parte di quell’afflato, con modestia, semplicità e profonde riflessioni gustosamente miscelate in un insieme armonico ed unico – pur nella varietà e diversità, sia nel metodo sia nello spirito, dei loro stili, ed oltre i rispettivi, molto diversi curricula vitae – con un “prettamente femminile” ed un “fortemente maschile” molto comunicativi verso qualsiasi orecchio, testa o cuore.
Franco Cortese  Notizie in un click



Nessun commento:

Posta un commento