POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

lunedì, febbraio 8

Non è carnevale tutto l'anno!

Questo genere di diploma avrebbe potuto essere spedito come un file allegato, via email, senza far spendere un solo euro all'autore

Ho partecipato al Premio Leandro Polverini, con una silloge poetica dal titolo CANTO A DUE VOCI, scritta insieme al poeta Tommaso Mondelli.
Si è piazzata al secondo posto nella sezione Poesia Espressionista, e per questo motivo mi hanno “premiata” con un diploma stampato su carta extra-strong, e in una forma tanto minimalista, da non desiderare neppure di metterlo in cornice.
Per poter ricevere questo pezzo di carta, ho dovuto sborsare 25,00 euro, una cifra che non richiedono neppure altre organizzazioni di concorsi letterari, nel caso dovessero spedire una targa o una coppa. Il versamento, con bonifico bancario l’ho eseguito il 27 novembre dello scorso anno. Qualche giorno fa ho ricevuto una telefonata dalla segretaria del Premio Polverini, che sollecitava il versamento, dicendo che non era ancora pervenuto al signor Cotronei, organizzatore del concorso. Ho dovuto perder tempo, per rispedire la ricevuta che attestava l’avvenuto bonifico.
Mi è stato inoltre proposto un articolo riguardante Canto a due voci, sulla loro rivista Silloge: Importo richiesto per una sola copia stampata in formato A4: 20 euro. Articolo che non sarebbe stato redatto da loro (un minimo di fatica neanche a parlarne) ma per il quale avrei dovuto spedire la presentazione dello stesso, scritta dall'Editore della silloge,  e altro materiale. Nessun impegno da parte loro se non la pubblicazione. Cos’è? D’oro? Hanno poi aggiungo che avrei potuto farne delle fotocopie. Ma scherziamo? Abbiamo ottenuto una recensione sulla Rivista Talento, di Lorenzo Editore di Torino, come iniziativa editoriale e non mi è stato chiesto un solo euro. Ovvio che poi ho acquistato la rivista, che è un vero e proprio libro, stampato su carta patinata, e illustrato a colori. E il costo della rivista Talento è molto inferiore a quello richiesto per la Silloge della Editotem.
Però, la cosa che più mi ha divertita - perché qui c’è proprio da ridere - è che i concorrenti al premio erano 114. Tutti premiati, suddividendo in varie sezioni (non precisate nel bando di concorso) i nominativi dei “vincitori”. Ovvero, non c’è stata meritocrazia. Il fine è chiaro: premiando tutti, con quel pezzo di carta, hanno incassato 25 euro a testa, per la spedizione della stessa. Mica male come affare, vero? Un rapido conto e, se tutti hanno aderito, ingenui come lo sono stata io, l’incasso lordo ammonterebbe a 2.850 euro. Tolte le poche spese di spedizione, e la stampa su carta semplice, resta un bel guadagno netto!
Considerato che, per partecipare ai loro concorsi, viene richiesta la spedizione di 2 copie del libro con cui si concorre, a fondo perduto, anche quelle hanno un loro costo che è a carico del concorrente. In breve: in che consiste il premio? In una solenne presa per le callipigia (concedetemi almeno di avere delle belle natiche!).
Sono senz'altro da preferire quei concorsi che richiedono una quota di partecipazione -  non esosa – per le spese di segreteria e per l’acquisto delle targhe, coppe e quant’altro utile alla premiazione, ivi compresi eventuali premi in denaro, che non un modo di procedere che sembra gratuito, ma che alla fine diventa oneroso.
Secondo voi, vi pare un buon affare, partecipare a questo concorso Polverini?
Personalmente non mi sento neppure gratificata, per essere giunta seconda nella sezione Poesia espressionista. Seconda su sei autori, tutti premiati, poiché, ripeto, tutti i partecipanti al Premio Polverini, hanno ottenuto un diploma. Se almeno ci fosse stata una targa o la pubblicazione gratuita su un’antologia, o su questa benedetta Rivista Silloge, beh, allora lo avrei considerato un vero premio. Ho partecipato a numerosi concorsi indetti da diverse organizzazioni, ho ottenuto pergamene fatte con un certo stile, e la pubblicazione su antologie che, certo, ho acquistato, ma ad un costo davvero contenuto. Mi diverte collezionare antologie che contengono mie opere, ma sono veri e propri libri di un certo spessore artistico.
Se a voi pare serio questo modo di procedere, non aggiungo altro. Se sbaglio mi corrigerete, disse Karol Wojtila il 16 ottobre 1978, e lo dico anch'io, ma continua a sembrarmi una buffonata! E poiché siamo a Carnevale, divertiamoci pure! Del resto Arlecchino, ridendo e scherzando, diceva la verità!

Danila Oppio

Nessun commento:

Posta un commento