POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

giovedì, gennaio 23

Dal Libro "Settimane bianche e crociere a costo zero" Tommaso Mondelli

Dal libro “Settimane bianche e crociere a costo zero – Memorie di guerra e prigionia di un ragazzo partito soldato” di Tommaso Mondelli, L’Argolibro Editore 2013:



“Il 10 di giugno fu annunciato alla radio l'inizio della fine: la dichiarazione di guerra alla Francia e all'Inghilterra da parte del governo italiano. Per una ventina di giorni si verificarono scambi di fuoco coi francesi. I nostri spari in partenza erano molto più silenziosi, per il fatto di non sapere verso dove esattamente puntare. Dall'altra parte, un fischio e uno schianto, uno dietro l'altro, uno accanto all'altro a distanza di qualche secondo. Oltralpe erano nervosi e comprensibilmente adirati. Io, dall'alto di una collina, dove avevo un piccolo e personale punto di osservazione, potevo vedere sulla mia sinistra, nel fondovalle, l'opera dei barellieri intenti a scavare le fosse dove sistemavano, trascinandoli per i piedi, i militari uccisi. I morti erano stati raggiunti dai colpi di artiglieria provenienti dalla Francia, ovviamente. […]
La punta d'orgoglio italiano era costituita nella sua difesa estrema dal cosiddetto Forte Chaberton, dalla cui altezza si dominava la zona antistante e su cui erano state poste delle torrette e dei cannoni a lunga gittata. Fu messo fuori uso allo scoccare dei primi minuti. Là i primi morti e tra questi proprio un sergente di mia conoscenza ma di cui non ricordo il nome. Le armi usate non erano che a diversi chilometri di distanza dall'obiettivo. Si colpiva a caso, naturalmente, ma si colpiva. Loro rintanati nei fortini non potevano registrare perdite: non avevano ragioni per uscire e andare a fare conquiste territoriali.
I nostri, invece, dovevano occupare del terreno per vincere e quindi esporsi alla rappresaglia francese. Soltanto per morire, senza conquistare.
Io ero lì. Udivo il sibilo di partenza e lo schianto all'arrivo dei proiettili sulle nostre postazioni e con la stessa incoscienza di chi assiste a dei fuochi artificiali, senza vederne l'effetto colorato, assistevo allo spettacolo. Coloro che cadevano e venivano seppelliti non rappresentavano altro che la risposta a una necessità storica. Vedevo quei ragazzi andare senza un senso preciso in tutte le direzioni e ogni tanto qualcuno cadeva senza più rialzarsi. Il senso di paura era assente; mi venne poi il sospetto che fossero stati drogati in precedenza con il rancio, che lo fossimo tutti… Anch’io mangiavo lo stesso cibo. Potrebbe essere questa la condizione che crea gli eroi? No, è l'artificio della menzogna! Quando dovevo muovermi dal mio osservatorio, lo facevo con la spensierata naturalezza della perfetta incoscienza. Un plagio collettivo. Una modificazione degli istinti che può renderti docile o aggressivo, ardimentoso o vigliacco, eroe o codardo: l'uomo manipolato dalla chimica!”

Tommaso Mondelli


Nessun commento:

Posta un commento