POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione. Recensioni stilate da me e da altri autori. Editoriali vari.
Pubblico poesie, racconti e dialoghi di vari autori.
Vi si possono trovare gallerie d'arte, fotografie, e quant'altro l'estro del momento mi suggerisce di pubblicare.
Sulla banda destra della home page, potete leggere i miei quattro e-book poetici ed altre sillogi di alcuni autori. Così come le riviste online de L'Approdo e de La Barba di Diogene, tutto si può sfogliare, è sufficiente cliccare sulla copertina.
Buona lettura!

martedì, settembre 3

Sorridiamo...

Ringrazio Kety Bryant per questa storiella davvero ironica!

UNA DONNA RIENTRA A CASA E TROVA IL MARITO A LETTO CON UNA BELLA E GIOVANE RAGAZZA:
-Porco schifoso! Com'è potuto farmi questo? Una donna fedele, la madre dei tuoi figli! Ti lascio immediatamente e chiederò il divorzio!!!
IL MARITO:
-Eh,un momento, lascia almeno che ti spieghi una cosa.
LA MOGLIE:
-Va bene, tanto queste saranno le tue ultime parole che ascolto!
L'UOMO INIZIA IL RACCONTO:
"Uscito da lavoro, stavo entrando in macchina per tornare a casa quando ho visto questa ragazza che mi ha chiesto un passaggio, sembrava smarrita e impaurita e indifesa: mi ha fatto compassione, così l'ho fatta salire in auto. Ho notato che era molto magra, malvestita e assai sporca.
Mi ha detto che non mangiava da tre giorni, così, preso dalla compassione, l'ho portata casa e le ho scaldato gli involtini di carne che avevo cucinato per te ieri sera, quelli che tu non hai voluto mangiare per paura di mettere su peso. Beh, li ha divorati in un istante!!
Visto che era sporca, l'ho invitata ad andare a farsi una doccia e mentre era in bagno ho visto che i suoi vestiti erano lerci e pieni di buchi: li ho buttati via. Dal momento che non aveva più niente con cui vestirsi le ho regalato i tuoi jeans di Armani, quelli che ti ho regalato qualche anno fa, quelli che tu non metti più perché ti sono diventati stretti. Le ho dato l'intimo che ti avevo regalato per il tuo compleanno, che tu non usi perché dici che ho cattivo gusto. Le ho dato anche quella camicetta sexy che ti ha regalato mia sorella a Natale, ma che tu non usi per farle un dispetto, e le ho dato quegli stivali che avevi comprato in quella costosa boutique che però non metti mai perché in ufficio una ne aveva un paio uguali. "
A QUESTO PUNTO L'UOMO TIRA LUNGO RESPIRO E CONTINUA:
"Mi era così grata per l'aiuto e per la comprensione, che quando l'ho accompagnata la porta mi ha guardato in lacrime e mi ha chiesto:
-Non c'è qualcos'altro che tua moglie non usa più???
·

3 commenti:

  1. Ringrazio anch'io Kety Bryant: è davvero bellissima... la ragazza. E anche la storia, naturalmente. Soprattutto la storia di lui.
    Angela Fabbri

    RispondiElimina
  2. L'immagine l'ho messa io! Non Kety. La storia è un monito a quelle mogli mai contente, capricciose e irriconoscenti. Per forza che poi i mariti ne cercano altre, più accomodanti!
    Danila

    RispondiElimina
  3. Non mi riferivo alla ragazza della foto, ma alla ragazza raccontata dal marito, che, come tutti gli uomini degni di questo nome, tira fuori il meglio dal suo sacco quando ne è uscita la castagna.
    Angela Fabbri

    RispondiElimina