POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

sabato, settembre 24

Recensione ANIMA E FOLLIA di Ivana Leone





Autrice: Ivana Leone
Titolo: Anima e folliaEditore: L’ArgoLibro
Anno di pubblicazione: 2016
Numero pagine: 52
Copertina: cartoncino brossurato, copertina a colori
Formato: 14,5x21
Prezzo di copertina euro 10,00
Spese di spedizione euro 3,63 (raccomandata postale)
Codice ISBN 978-88-98558-70-4
Per info e ordini: largolibro@gmail.com 
Per contattare l’autrice:  ivanaleone87@hotmail.it  

Nel 1509 il filosofo e teologo olandese Erasmo da Rotterdam scriveva la sua opera più conosciuta, l’ “Elogio della Follia”. Oggi, nel 2016, prende vita “Anima e follia” di Ivana Leone, un libro di poesie e considerazioni che, come afferma la stessa autrice, si rifà strettamente a quell’opera.
Follia: termine “scomodo”, oggi inteso esclusivamente in un’accezione negativa; invece, a saper “guardare oltre”, ci si può rendere conto che nella follia c’è anche la capacità di scostare i veli dell’apparenza. In questo senso, chi potrebbe essere considerato “il folle per eccellenza”? L’artista, ovviamente, perché è l’artista che sa e può scendere nel significato profondo di un evento (piccolo o grande che sia), di un gesto, di un’azione, di una visione, ma anche di un colore, di un suono, di un tocco.
Anima e follia: un binomio, un accostamento che induce gli animi sensibili alla riflessione interiore, sfrondata dalle superficialità di una vita quotidiana sempre più frettolosa e votata al consumo.
Leggendo quest’opera, invece, possiamo renderci conto una volta di più di come l’arte - quando si tratta di arte vera, naturalmente - possa accompagnarci in un sorprendente percorso fatto di particolari illuminanti, di sguardi allargati, di collegamenti apparentemente invisibili che, quando notati, ci fanno davvero comprendere ciò che va compreso.
Le pagine di “Anima e follia” vanno lette e rilette lentamente, affinché le sensazioni di cui sono colme possano passare nella mente e nel cuore di chi si accosta ad esse. Ivana Leone ci invita a questo luminoso viaggio, alla scoperta dell’anima universale che appartiene a tutti noi. E questa profonda verità è sempre l’artista a ricordarcela.
(presentazione dell'Editore)


Breve recensione di Danila Oppio alla silloge ANIMA E FOLLIA di Ivana Leone

Mi torna alquanto difficile trattare della silloge poetica di Ivana Leone, senza dover ripetere ciò che l’editore Francesco Sicilia ha scritto nella prefazione del testo. Lo stesso discorso vale riguardo all’introduzione dell’autrice. Entrambi così esaustivi, da togliere ogni possibile alternativa. Ma ci provo lo stesso.
La follia…cosa si intende realmente con questa definizione? Il mio pensiero va agli artisti, agli scienziati e anche ai Santi…se non avessero avuto una scintilla di follia, non avrebbero inseguito i loro sogni, ma si sarebbero arenati nel pantano degli schemi imposti dai luoghi comuni, sprofondando nella mediocrità dell’esistenza.
Che dire degli scritti di Ivana? Sono permeati dai fremiti della sua anima sensibile, afflitta da delusioni ma anche tesa al desiderio di raggiungere quella luce che illumina il cammino (Il mio lungo cammino) e dall’affetto profondo verso  sua sorella, per la quale i poetici versi emanano amore a tutto tondo.

A mia sorella
Perché quando taci hai una luce diversa,
la tua anima si perde
ed è bello guardarti, così assorta…
Perché quando taci tutto intorno muta
E tutto tace come le foglie d’autunno
Appena cadute sul terriccio umido e stanco…
Perché quando taci tutto intorno si ferma
E il cinguettio degli uccelli è solo un ricordo lontano.

Un’anima bella, quella della poetessa Leone, un’anima non certo folle, ma se vogliamo definire follia il rincorrersi dei versi su un foglio di carta, allora la sua è certamente una sana, splendida pazzia!

Ad maiora, Ivana

Danila Oppio

Nessun commento:

Posta un commento