POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

venerdì, agosto 29

Galleria d'arte: EMILIAN NICULA

Emilian Nicula (Bistrita 1956– 2010) è stato un pittore romeno che ha operato quasi esclusivamente in Italia. Ha studiato arte sacra a Clui specializzandosi in icone e pittura murale per luoghi sacri.Ha iniziato la propria produzione artistica nel suo Paese natale alla fine degli anni '80 ma già nel 1990 era in Italia per realizzare un dipinto murale a Civitavecchia (chiesa di San Pio X). Nel 1995 ha lavorato a Busto Garolfo (chiesa di Santa Geltrude in frazione Olcella), nel 1996 a Lainate (chiesa di San Francesco) e dal 2003 ha iniziato ad operare a Legnano, dove ha eseguito pitture murali in diverse chiese cittadine (Santissimo Redentore; Santa Teresa di Gesù Bambino; Santi Magi; cappella dell'Ospizio di Sant'Erasmo). La sua maggiore opera dal punto di vista delle dimensioni (350 m2) è un dipinto per la chiesa del Corpus Domini a Milano, realizzato nel 2006. Oltre alla pittura murale (generalmente realizzata con la tecnica della tempera all'uovo su secco da lui prediletta), Nicula si è molto dedicato alle icone, una delle quali è stata donata a papa Benedetto XVI pochi mesi prima che l'artista morisse.

Quando lo vidi per la prima volta, nel nostro Santuario dedicato a S. Teresa del Bambino Gesù, rimasi un poco sconcertata, Avevano appena finito di montare l'impalcatura dove l'artista avrebbe realizzato la sua opera, quando vidi aggirarsi un tipo dallo sguardo torvo, vestito in modo dimesso, e lo scambiai per uno degli ospiti della Casa della Carità, annessa alla Parrocchia-Santuario. Immediatamente realizzai chi fosse quell'uomo, quando vidi che si stava arrampicando sul ponteggio, e da quel giorno ho seguito con grande interesse i lavori di quella grandiosa opera che si trova nel catino dell’abside posta sopra l'altare. Essa rappresenta tutti i nostri Santi Carmelitani, sovrastati dalla Beata Vergine Maria del Monte Carmelo, seduta sul trono con in braccio il Bambino Gesù.

L'artista dipinse in seguito, per il Santuario, un quadro raffigurante i Beati Martin, genitori di Santa Teresa del Bambino Gesù, e credo che questa sia stata la sua ultima opera. Nicula è morto improvvisamente, e con lui è scomparsa una figura indimenticabile, ed un valente artista. Emilian Nicula non sarà dimenticato, perché le sue opere restano a ricordo del suo amore per l'arte sacra.
Requiescat in paceEmilian este iertat si binecuvantatmiluit de Dumnezeuatat elcat si familia lui si neamul lui pana la al saptelea neaminclusiv cu viii si adormitiiSfanta Treime il tine in brate.



Danila Oppio



Nessun commento:

Posta un commento