POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

giovedì, agosto 7

Inquilini non solventi


L’amica Angela Fabbri ha scritto di Salpa,un abitatore dei mari e del quale ho pubblicato in precedenza su questo blog. Ma Salpa è anche un personaggio del romanzo Sheyra, scritto dalla Fabbri.  http://versiinvolo.blogspot.it/search?q=salpa
Vorrei, più prosaicamente, trattare di Talpa, che vive sottoterra.
Sono tornata al mio paese d’origine, e nella casa dei miei genitori. Seppur disabitata da esseri umani, era colma di vita. Le rondini, come ogni anno, hanno nidificato sotto il tetto, ed era tutto un garrire da mane a sera. Un giorno, come per incanto, vedo il prato antistante l’ingresso di casa, ricoperto da montagnole di terra soffice, simili a piccoli vulcani. Mamma si è subito lamentata: “Accidenti, le talpe!”. 
Le rispondo che l’orto non c’è più e che quindi possono vivere indisturbate, poiché non distruggeranno nessun raccolto. Una mattina, seduta al tavolo posto in giardino, vedo la terra smossa di nuovo, accanto a me. Guardo e, a distanza di mezzo minuto, leggere e silenziose “badilate” scavate nel sottosuolo, aumentano il volume del piccolo vulcano. Resto incantata ad osservare la precisione con cui lavora il piccolo minatore, durato fino allo sbucare del sole dietro i monti, che ha posto termine alla fatica della piccola talpa. A quel punto i mucchietti ben allineati avevano raggiunto il numero di sei.


Le talpe sono cieche ed il sole arreca loro danno. Poiché vivono in lunghe gallerie scavate sotto terra, svolgono la loro attività nelle primissime ora del mattino.
Ma non solo rondini e talpe, avevano occupato la casa! Quando aprii la porta d'ingresso, al mio arrivo, mi accorsi di un nido di vespe ben costruito proprio sopra lo stipite. Tutto l’amore che provo per le creature non mi ha impedito di eliminarle per timore che, disturbate dall’andirivieni dei nipoti, finissero per pungerli, ben sapendo che il veleno che iniettano le vespe è piuttosto doloroso. Un altro nido, scovato poco distante su di un paletto della cancellata l’ho lasciato, poiché situato in luogo tranquillo.
Chi altro ha occupato abusivamente la casa? Un numero incalcolabile di ragnatele, quasi piccoli lenzuoli stesi, pendevano da ogni angolo, tanto da offrire l’impressione di trovarmi in un piccolo castello affollato da fantasmi.  Cari ragnetti, mi è tanto spiaciuto per voi, ma ho dovuto distruggere le vostre elaborate tessiture a colpi di scopa!
Dopo aver allontanato gli inquilini non paganti e piuttosto noiosi, e permesso l’alloggio a quelli più discreti, ho potuto nuovamente gustare il piacere di rivivere un’abitazione che, per ragioni logistiche, è stata chiusa per quasi due anni.


Danila Oppio

Nessun commento:

Posta un commento