POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

mercoledì, giugno 3

Istruzione, cultura, educazione: democrazia

E’ bene intenderci sul significato di questa parola. Esiste un equivoco fondamentale secondo il quale la democrazia si esaurisce nel diritto di voto. Certo, il voto è essenziale, ma la democrazia è anche altro. Lo dice l’articolo 1 della Costituzione, in una delle sue possibili interpretazioni. L’Italia è una repubblica democratica soltanto se i cittadini LAVORANO, e cioè mettono la propria fatica, perché sia una repubblica e una democrazia. Di strumenti ce ne sono tanti, basta leggere la Costituzione: la libertà di esprimere il proprio pensiero, la libertà di associazione, e poi, ancora, mezzi specifici come il referendum, la possibilità di presentare proposte di legge, di inviare petizioni alle Camere. La democrazia è la partecipazione attiva alla politica, che si realizza anche nella vita di tutti i giorni, non necessariamente all’interno dei partiti, attraverso la fedeltà dei propri comportamenti al principio della pari dignità di tutti.
Il fatto è che la nostra Costituzione è intervenuta su una collettività nella quale imperava – e io temo imperi tutt’oggi – una cultura secondo la quale la società deve essere organizzata attraverso la discriminazione, come se fosse una piramide nella quale i pochi che stanno in alto possono, mentre i tanti che stanno in basso devono. Una società basata sul privilegio, sulla sopraffazione, una società come quella disegnata da Ivan Karamazov nel Grande inquisitore, il capitolo dei Fratelli Karamazov di Dostoevskij che ha come presupposto una concezione pessimistica dell’uomo, pavido, vile e ribelle, incapace di scegliere tra il bene e il male, e per questo destinato a essere governato da qualcuno che sceglie per lui. E’ il modello sociale nel quale non esistono cittadini, ma sudditi, ovvero soltanto bambini che hanno sempre bisogno che la mamma dica loro cosa devono fare.
Un popolo che ha bisogno del miracolo, del sensazionale, di essere stupefatto ogni volta, che vive della costruzione di idoli e della loro caduta, che pensa di poter essere solo spettatore e mai protagonista, di non avere responsabilità e di potersi esprimere soltanto attraverso il lamento.
Certo non siamo tutti così, ma il modo di pensare comune mi sembra non si allontani da quello che ho descritto.
Se il problema è la cultura del Paese, come può essere risolto mettendo in prigione la gente? (secondo il giudice, la prigione diseduca, non bisogna arrivare al reato, bisogna prevenirlo).
Evidentemente, trattandosi di cultura, la strada non può essere che quella dell’educazione.

Da Lettera a un figlio su MANI PULITE

Di Gherardo Colombo - giudice

Ritiratosi in pensione, il giudice ha steso un programma nel quale interviene presso le scuole, trattando di giustizia, onestà, lealtà e della crescita personale dettata dall'apprendimento della Storia, anche recente, per esempio quella di MANI PULITE, che si era attivata contro la corruzione ormai da tempo dilagante. 
Inoltre, del prendere coscienza dei diritti e doveri del cittadino, e degli articoli, almeno i più importanti, della Costituzione Italiana.

Danila Oppio


Nessun commento:

Posta un commento