POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

lunedì, giugno 16

Van Angh e il Porcospino cinese

Dovete sapere che la mia amica    Gertrud Margrete Van Angelau
(in arte VAN ANGH) si è redenta .Perché avrebbe dovuto essere la sola a redimersi? In questa situazione era necessario che mi redimessi anch'io...altrimenti le cose non si sarebbero facilmente appianate tra noi, non è vero? Ricordate?



VAN ANGH  e il PORCOSPINO  CINESE



Tutto partì da un’altra sua creazione, eseguita nel tentativo di riprodurre a memoria il dolce PORCOSPINO, da lei mangiato da bambina sulla Riviera Romagnola.
L’esperimento non riuscì nell’aspetto e Van Angh, esperto anche di fondali corallini, lo chiamò dolce LUMACA  DI  MARE:

                                                           (Foto Ruy di Pechino)



Ora, Van Angh, in questo molto più simile a Gauguin che a Van Gogh, è sempre stata parecchio esterofila.
Dalle sue recenti frequentazioni cinesi ha tratto l’idea di una nuova opera d’arte che la rappresenta piuttosto bene:

Ispida vista di faccia,




                                                         (Foto Tatiana di Mosca)


 dolce di profilo,


                                                          (Foto Tatiana di Mosca)



invitante di schiena (con la pancia piena di uova) .



                                                          (Foto Sesil di Canton)


E Van Angh così ne parlò:

Questo, che ho chiamato  PORCOSPINO  CINESE  dai suoi occhi a mandorla,
non è un dolce. È un azzardo di cucina.
E infine, la mia più bella opera non scritta.

Dopotutto, se i miei libri non sono stati conosciuti così come avrei voluto, assumo l'altra mia veste, quella del cuoco. In quest'arte, le cose che si fanno, sono non solo sotto gli occhi come la pittura e la scultura o nel cervello di chi ci riflette su come la scrittura o nell'emozione del sentire, come nella musica.
In quest'arte c'è anche il profumo e il gusto, e, se questi sono sbagliati, sbagliata è anche tutta l'opera del cuoco.
Quando, ormai 50 anni fa, seguivo mia madre e imparavo a cucinare, una volta le dissi:
" Mamma, ma come farò mai a sapere quando sarà ora di girare queste polpette che stanno friggendo? "
" Non ti preoccupare, te lo diranno loro "
Era vero. A un certo punto, da silenziose che erano, le polpette cominciarono a cantare.

(15 e 16 giugno 2014)




Ma anch’io, Danila la Blogger, ho avuto per le mani dei porcospini, che adoro. L’anno scorso ne ho trovato uno in giardino, cucciolo, e l’ho filmato e fotografato. Non so poi che fine abbia fatto, perché penso avesse ancora bisogno del latte materno, ma la mamma non so proprio dove si fosse cacciata. Cosa ne dite? Non è dolcissimo?

Ps: il testo è scritto dall'amica Van Angh e non da me! Giusto per chiarire, io non sono così brava!



4 commenti:

  1. Non è vero. Il testo è una coproduzione. Come si conviene fra due amiche che si sono redente insieme.
    Van Angh (GMVA)

    RispondiElimina
  2. Se lo dici tu! L'idea è tua, il Porcospino cinese l'hai creato tu, il testo pure...ma la cosa più bella è quella di esserci lasciate alle spalle il passato, ed aver riallacciato il nostro rapporto! E quello l'abbiamo fatto insieme! Perché ci vuole la reciproca volontà!
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E questa di lasciarci alle spalle il passato è stata davvero une bella fatica, mia amata Danila Blogger.
      Adesso possiamo volgere lo sguardo al futuro, che è l'unica cosa che ci resta e ha un gran bisogno di essere desiderato e costruito insieme. Anche litigando.
      Grete Van A.

      Elimina
  3. Hai ragione, Grete Van A.! Ma spero che tutto questo succeda, mi riferisco al presente e al futuro, senza dover litigare...fa male all'anima, al cuore e all'amicizia!
    Spero di poter pubblicare ancora qualcosa di tuo, collaborando in perfetta armonia.

    RispondiElimina