POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

giovedì, giugno 26

GAZZA LADRA! LADRA?




CERTO CHE SI'! A me ha rubato il cuore!

LA GAZZA (Pica pica)

Da qualche mese, una coppia di gazze hanno nidificato tra i rami di un pino marittimo di fronte e casa mia.
Un giorno sento uno strepitio continuo, come di uccelli disperati per l’arrivo di un predatore. Mi accorgo, invece, che nel vialetto di casa, saltella un  piccolo di gazza, già piumato, ma ancora incapace di prendere il volo. I genitori cercavano in tutti i modi di richiamarlo e di allontanarlo da eventuali pericoli (gatti compresi). Non avevo mai visto una gazza da vicino.
La gazza ladra “Pica pica” (vedi foto) è un corvide simpaticissimo dal piumaggio bianco/nero cangiante con riflessi azzurro-verde, becco pronunciato e forte, dalla coda lunga e robusta, sempre tenuta elegantemente in su, quando saltella sul terreno. Le sue dimensioni sono poco più grandi di un piccione e più piccole di una cornacchia. Questo uccello è particolarmente intelligente ed è attratto da cose che luccicano. Insieme ai primati, è tra i rari animali in grado di riconoscersi allo specchio.
La sua fama di “ladra" è assolutamente infondata e ha a che fare soprattutto in riferimento all’omonima celebre opera di Gioacchino Rossini.
Il verso della gazza viene definito “gracchiare”, ma non è per nulla simile a quello dei corvi che starnazzano nel parco giochi vicino a casa. E’ un verso molto più piacevole, e di mattina e sera, mi è di grande compagnia. E quando si innalza in volo, mi par di vedere un angelo!
Da ammirare queste splendide foto scaricate dal web.

Danila Oppio  













Nessun commento:

Posta un commento