POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

mercoledì, novembre 11

Gandhi a Londra

Quando Gandhi studiava diritto all’università di Londra aveva un professore, Peters, che non lo sopportava; Gandhi, però, non era il tipo da lasciarsi intimidire. Un giorno il professore stava mangiando nel refettorio e Gandhi gli si sedette accanto. Il professore disse: – Signor Gandhi, lei sa che un maiale e un uccello non possono mangiare insieme? – Ok Prof, sto volando via…rispose Gandhi, che andò a sedersi a un altro tavolo. Il professore, profondamente infastidito, decise di vendicarsi al prossimo esame, ma Gandhi rispose brillantemente a tutte le domande. Allora decise di fargli la domanda seguente: – Signor Gandhi, immagini di stare per strada e di notare una borsa; la apre e vi trova la saggezza e molto denaro. Quale delle due cose tiene per sé? – Certamente il denaro, Prof. – Ah, io invece al posto suo avrei scelto la saggezza. – Lei ha ragione Prof; in fondo, ciascuno sceglie quel che non ha! Il professore, furioso, scrisse sul libretto la parola IDIOTA e glielo restituì. Gandhi lesse il risultato della prova e tornò subito indietro. – Professore, Lei ha firmato l’esame ma si è dimenticato di mettere il voto!

Ringrazio Daniela Corso per avermi passato questo pezzo grande saggezza! Un insegnamento a chi si crede superiore ad altri, soprattutto a quelli dalla mente aperta.


2 commenti:

  1. E a chi altro è capitato mai, prima e dopo Gandhi, una tale sequenza fortunata di botta e risposta? Se c'è, alza la mano per favore.
    Angela Fabbri

    RispondiElimina
  2. Talmente incredibile, Angela, che ho perfino pensato fosse stata inventata da qualche spirito goliardico. Ma credo sia realmente avvenuta. Gandhi è Gandhi, e la sua filosofia di vita non accettava soprusi e imposizioni, tanto meno sgradevoli angherie da parte di uno che si credeva d'essere superiore a lui, solo perché era il suo professore! Infatti ho postato anche quella battuta su chi si monta la testa, perché mi pareva proprio collegata a quel professore che abusava del suo potere. Idiota Gandhi l'ha ritorto sullo stesso...andarono per suonare e furono suonati!
    Danila

    RispondiElimina