POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione. Recensioni stilate da me e da altri autori. Editoriali vari.
Pubblico poesie, racconti e dialoghi di vari autori.
Vi si possono trovare gallerie d'arte, fotografie, e quant'altro l'estro del momento mi suggerisce di pubblicare.
Sulla banda destra della home page, potete leggere i miei quattro e-book poetici ed altre sillogi di alcuni autori. Così come le riviste online de L'Approdo e de La Barba di Diogene, tutto si può sfogliare, è sufficiente cliccare sulla copertina.
Buona lettura!

lunedì, novembre 9

Sono il padre di Aylan...

7 settembre 2015
Sono il padre, la madre, il fratello di Aylan e sono nato in Italia, America, Cina
di Raffaele Pisani    
Sono nato in Italia e sono il padre di Aylan, il piccolo profugo siriano scappato dal paese in guerra e restituito morto dal mare che lambisce la spiaggia di Bodrun, paradiso turistico della Turchia.
Sono nata in Inghilterra, e sono la madre di Aylan, il bambino con la maglietta rossa trovato a faccia in giù da un poliziotto sulla sabbia di Bodrun. Sembrava dormisse il mio bambino, ma il suo corpicino era immobile nel sonno della morte.
Sono nato in America, e in Cina, e in India, e in Francia, Germania, Spagna, Danimarca. Olanda e in tutte le altre nazioni della terra, e in tutte le altre galassie dell’universo, e sono il nonno, la nonna, lo zio, la zia, il fratello, la sorella, il compagno di scuola, il cugino e la cugina di Aylan, il bambino siriano che le onde pietose e piangenti hanno adagiato sulla spiaggia di Bodrun, ma nessuno di noi era lì a piangere l’innocenza del piccolo martire crocifisso e calpestato dall’indifferenza e dagli egoismi dei potenti. Sono nato in una nazione che tutti dicono sia civile. Ed ora vado a poggiare il mio corpo sul comodo letto della mia comoda casa e porto con me negli occhi, nel cuore e nella mente l’immagine del piccolo Aylan riportato dal mare, con la faccia in giù sulla sabbia appena lambita dall’acqua.
Sembrava dormisse il bimbo siriano con la maglietta rossa e le braccia abbandonate, quel bimbo che appartiene a tutti noi, a tutti noi che siamo responsabili e colpevoli della sua morte; a tutti noi che dovremmo avere il coraggio di vergognarci, a tutti noi che non siamo degni di guardarci negli occhi e non siamo degni di guardare negli occhi i nostri bambini così fortunati, ma spesso anche così soli per il nostro modo di essere genitori distratti ed egocentrici.
Sembrava dormisse il piccolo Aylan quando il buon poliziotto lo ha alzato dalla sabbia bagnata e lo ha stretto al suo petto di uomo pietoso, e gli ha donato quell’ultima carezza necessaria per un “visto” che lo ha portato in un luogo dove non esistono frontiere, né guerre, né ingiustizie!
Raffaele Pisani, napoletano a Catania
Da OGGI online

Ho scelto questa immagine, non quella del bimbo spiaggiato e ormai senza vita,che ha fatto il giro del web e di tanti mezzi di comunicazione. Ho scelto questo dipinto, perché voglio pensare che Aylan stia giocando, sereno e felice, in quel Paradiso cui ormai pochi credono. Non posso immaginarlo in altro posto o, peggio, morto per sempre. Aveva diritto ad una vita lunga e felice, e per cercarla, ha incontrato la morte. Ora sono certa che su quella spiaggia, o su un'altra spiaggia del mondo, lui stia costruendo castelli di sabbia, una casa dove vivere con la sua famiglia, in un Paese che non conosce violenza, guerra, sopraffazione. (ndr)



Nessun commento:

Posta un commento