POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione. Recensioni stilate da me e da altri autori. Editoriali vari.
Pubblico poesie, racconti e dialoghi di vari autori.
Vi si possono trovare gallerie d'arte, fotografie, e quant'altro l'estro del momento mi suggerisce di pubblicare.
Sulla banda destra della home page, potete leggere i miei quattro e-book poetici ed altre sillogi di alcuni autori. Così come le riviste online de L'Approdo e de La Barba di Diogene, tutto si può sfogliare, è sufficiente cliccare sulla copertina.
Buona lettura!

sabato, aprile 23

Il giorno della Terra di Lorenzo Poggi

Il giorno della Terra

E venne il giorno di Madre Terra.
Tossendo e sputando catrame,
le guance flosce da troppi prelievi,
gli occhi annebbiati da tanto smog,
la pelle sfruttata e riarsa da concimi e Ogm,
sollevò lo sguardo a stento e pianse
come mucca senza latte.

Pianse il furto dei boschi, l’acqua inquinata
i rattoppi del cielo, i ghiacci che si sciolgono,
gli animali spariti, i monti seviziati,
i deserti trapanati, le coste cementate,
i torrenti senza freni, i fiumi di fango.

E si chiese perché.
E si chiese per chi.
<Sconto la prepotenza del tutto e subito,
l’arroganza del denaro,
l’intelligenza di chi sa sfruttare,
la pochezza della mente umana
che gingillandosi con la motosega
fa a pezzi la sua sopravvivenza>.

Un moto di stizza le arrossò il viso.
<Mi state uccidendo
omuncoli fessi, ma non sapete
quanti ne posso uccidere
prima di morire>.

Per la rabbia dimenticò
che tutti, in ogni caso,
sarebbero morti insieme a lei.

(Lorenzo Poggi 22 aprile 2013)
Top of Form

Bottom of Form


Nessun commento:

Posta un commento