POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

venerdì, aprile 15

La sedia vuota - di Salvo Figura


La sedia vuota



E cosa penserà il mio cane
Con gli occhi d’acqua, lamentosi e tristi
Mentre sospira a te che m’hai lasciato?
Chi chiamerò per dirgli
“Non sei solo
c’è lei con me, dai corri per le scale,
t’aspetta  appena entra”,
il fischio modulato d’un cuore ancora vero?
E cosa penserà il mio cane la sera?
La sera che lo lascio a custodirmi casa
E trovo i suoi collant distrutti
per la rabbia d’esser, dice lui,
tradito?
E cosa penserà il mio cane
ciambella di riccioli ed orecchie e naso e occhi,
sulla tua sedia vuota
adesso che non torni?
Ricorderà i tuoi baci
per cui s’ingelosiva
O il tempo, ha detto Dio,
per lui non è creato?
Che cosa penserà il mio cane
Che non ha Dio, né inferno
né limbo o purgatorio,
ma solo il paradiso 
se tu mi sei vicina?
Sospirerà stanco, deluso ormai. 
Trafitto!
Dall’ultimo minuto della speranza vana
di riascoltare il fischio, rossetto, baci, amore.
E poi ritornerà, 
ciambella ormai delusa,

su quella sedia vuota,
a sospirare a Dio

che l’ha lasciato in vita.

Salvo Figura

Nessun commento:

Posta un commento