POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

mercoledì, aprile 27

Megachile muraria, bombi, calabroni, coleotteri, farfalle, cicale e migali...

Stanotte ho letto quel che hai scritto sulla conchiglia, ho letto delle sue volute, dei suoi archi, dei suoi colori... Ho letto e ci ho creduto, è così semplice, lo è sempre stato, ma c'è un momento solo per lasciarsi sinceramente andare e dire: questa è la verità. Frutto delle tue parole.
Allora ho ricordato, fra le migliaia di cose che ho scritto in questa ormai lunga vita d'autore (56 anni), un brano della 'Visione', quando l'Angelo Ballerino ascolta la conchiglia trovata sulla sabbia...
Non offenderti se quelle parole non furono scritte appositamente per te, perché tu le hai resuscitate, hai ridato loro la vita e spero ne abbiano portata anche a te.
Angie 

Ma no che non mi offendo, tesoro d'Angie! Ricordo quel in tuo racconto, di quell'Angelo Ballerino che ascolta la conchiglia. Per questa loro bellezza, anche la semplice valva di una cozza, io ne ho il massimo rispetto. Sono opere d'arte costruite da un piccolo mollusco dalle grandi capacità.
A me piace osservare la natura. Non so se hai letto anche:
http://www.ilparadisononpuoattendere.blogspot.it/2016/04/lartista-celeste-micro-e-macro.html
L'artista celeste. Osservo perfino una piccola goccia di rugiada che riflette la luce del sole.
E qualche giorno fa, mentre fumavo una sigaretta seduta nel balcone di questa stanza, ho osservato un bombo che faceva la spola tra una parete del balcone e un volo in aria.
C'era un buchino, sul cemento armato, e lui, poco alla volta, l'ha chiuso con una specie di malta che lavorava con le zampine. Dentro ha lasciato le sue uova. Ormai tutto il balcone ha i buchini chiusi da questo lavorio dei calabroni o bombi, non so bene come definirli. Lui ha lavorato ed io lo guardavo, e non si è spaventato dalla mia presenza. Ora, se provassi a rompere quel "tappo" fatto dall'imenottero, dovrei usare uno strumento adatto, in quanto è molto duro.
Ecco, io osservo. 
Dani

Ma l'ho sempre fatto anch'io! Tutte e due abbiamo osservato da sempre. Insieme. Senza credere che fosse possibile che un'altra persona, mai vista di persona, potesse lasciarsi andare alle stesse piccole cose.
E' stata una meraviglia vedere nella notte prima dell'estate, due coleotteri che scopavano nel vento appiccicati insieme a un mio strofinaccio steso.
O trovare una farfalla bianca, in cucina, con la proboscide dentro un avanzo di marmellata  'che succhiava avendo scordato il mondo attorno a sé' (ecco, ad es, questo è uno stile 'alla Tommaso Mondelli' )
E come posso scordare la me suicida che mentre muore ancora osserva e ascolta la vita "Scendo col fiume, scendo con le cose..."

Tornando al bombo, so che assomiglia molto alla Carabro Vespa, grosso peloso scuro scuro, solo che è innocuo. Ma, come distinguerlo?
E sai che, demenza senile aiutata dall'acido acetilsalicilico (anche se in versione pediatrica), sai che non so più se il bombo è un'ape o una vespa o una cosa tutta sua?
Angie


Vedi a volte mi confondo, ma un po' tutti cadono nel comune errore di confondere il calabrone con il bombo. Quindi ho fatto una ricerca




Bombus è un genere di insetti imenotteri della famiglia Apidae, comunemente noto come bombi. E’ l’unico genere delal tribù Bombini. Come le api, raccolgono il nettare ed il polline per nutrire i loro piccoli. Sono tra gli insetti impollinatori più importanti ed utili per l'uomo.
Questo è il bombo.


Calabrone
Il calabrone è il più grosso Vespide europeo. Con il termine calabrone vengono spesso erroneamente identificati anche l'ape legnaiuola e il bombo terrestre. Il calabrone è la più grande delle vespe europee e nordamericane.
E questo il calabrone

come si può vedere, il bombo assomiglia ad un'ape, e il calabrone ad una vespa gigante.
Quello che ho visto io non è né l'uno né l'altro, Si chiama megachile muraria





come vedi, potrebbe essere scambiata per una specie di ape grande. 
e tornando alle nostre osservazioni nella micro natura, una notte ero in campeggio a Punta Ala, sotto una tenda. E la tenda aveva una zanzariera alla quale si era aggrappata una cicala. L'ho osservata per ore. Piano piano il suo dorso si è rotto, e ne è uscita un'altra cicala, che ha impiegato un tempo lunghissimo per stendere le ali, che erano tutte rattrappite. Mai avrei creduto che le cicale facessero la muta.


 4 ore di attesa, ma lo spettacolo è stato incredibile. Così anche la Migale di Matteo, un grosso ragno brasiliano grande come la mia mano, ha fatto la muta 3 volte, in 15 anni di vita, e poi è morta lo scorso anno.
Beh che ne dici? Possiamo scrivere un articolo su queste nostre osservazioni da piccoli entomologi? Ciao a presto
Dani

Description: https://ssl.gstatic.com/ui/v1/icons/mail/images/cleardot.gifCerto, ma guarda che abbiamo già pubblicato qualcosa che si chiama 'BOMBI'.
Angie

Si è vero, un post titolato BOMBI e che trattava del bombo che hai dovuto sopprimere perché ti importunava mentre facevi il bidè. Ma qui parliamo anche di altri insetti. Avevi scritto anche delle formiche, ricordi? Quelle che facevano la fila per raggiungere il tuo lavandino in cucina!

Devo spegnere tesoro mio, mamma va a dormire.
A domani e sappi che ti voglio un Paradiso di bene!
Ah, ecco la migale di mio figlio...
Qui la vedrai filmata e fotografata nelle sue mani, un breve articolo che la riguarda, a questo link:

Dani 


Nessun commento:

Posta un commento