POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

domenica, giugno 23

Chi è l'editore dott. Lorenzo Masetta

FAR POESIA OGGI: A COLLOQUIO CON LORENZO MASETTA, POETA ED EDITORE
La grande editoria letteraria sviluppa programmi ispirati quasi esclusivamente a criteri commerciali, salvo determinate collane poetiche tenute vive soltanto per prestigio.
Gli autori nuovi, quelli sconosciuti, dall’inedito giungono all’edito solo attraverso itinerari labirintici oppure a proprie spese, pubblicando presso piccole case editrici.
Alcuni, a torto, definiscono, e non senza una punta d’ironia, “grafomani” coloro che consumano tante delle loro ore migliori per scrivere un verso, per modellare o limare un’immagine.
Certo, accostarsi oggi alla poesia è un atto di coraggio e di abnegazione, soprattutto di fronte all’indifferenza della società; ma è anche una legittima rivendicazione dei propri diritti a comunicare per mezzo della parola scritta.
Chi scrive ammette, sotto sotto, di farlo per passione o per passatempo, per sfogo o per compensazione di una vita insoddisfatta: ma tutti ritengono di avere “qualcosa da dire”, e così desiderano stampare i loro scritti.
Abbiamo interpellato il presidente-fondatore di una piccola casa editrice di Torino, specializzata in pubblicazioni di poesia. L’Associazione Culturale Talento – Lorenzo Editore.
Lorenzo Masetta, editore, giornalista, poeta egli pure, membro di giuria di alcuni premi letterali, è un uomo culturalmente impegnato: i suoi interessi sono rivolti soprattutto alla poesia di quei giovani che, sebbene abbiano un talento anche notevole, non riescono per varie ragioni ad entrare nei circoli letterari ufficiali.

Masetta, perché tanti vogliono pubblicare poesia? Qual è lo stimolo che li spinge verso la carta stampata?
<<Nella società attuale la solitudine e l’alienazione sono sempre più crescenti; l’uomo si confonde nella folla e finisce così per perdere la propria identità. Ma da questo mondo violento e brutale egli vuole uscire ed è la parola, la voglia di comunicare che scopre dentro la gabbia: una parola che si fa poesia. Poi, si sa, ognuno, convinto di avere qualcosa da dire, vuol farsi conoscere, vuol essere giudicato, vuole emergere e non vedo nulla di negativo in tutto questo. È sbagliato, invece, a mio avviso, pretendere di voler guadagnare denaro o altro con la poesia. Lo dicevano già i latini: “carmina non dant panem”>>.
Tu sei un editore di poesia. Come fate voi piccoli editori a sopravvivere?
<<La “Lorenzo Editore” tratta quasi esclusivamente libri di poesia, ma non mancano testi di narrativa e di saggistica. In un certo senso siamo favoriti proprio per questo: infatti, non sono molte le case editrici specializzate in questo settore. Ma, come tu sai, non essendoci mercato in proposito, dobbiamo lottare contro mille problemi. Del resto l’autore finirebbe per trovarsi solo, senza poter vendere una copia sola del libro. In Italia si scrive molto ma si legge ben poco e i mass media, d’altronde, non aiutano certo la divulgazione di poesia: i grandi editori pubblicano annualmente soltanto 2-3 libri di questo genere. Tutto il resto viene appunto dai piccoli editori, che fungono da indispensabile trampolino di lancio per gli autori. Noi pubblicizziamo le nuove leve grazie al nostro mensile “Talento” e all’Associazione Culturale Talento. Ma credimi, noi piccoli editori abbiamo grosse difficoltà a sopravvivere; ci riusciamo solo perché l’autore ci viene economicamente incontro nei costi di produzione, assicurandoci l’acquisto di un certo numero di copie. Un libro di poesia gli viene così a costare un terzo o un quarto del costo totale, calcolato su un’edizione media di 1000 copie circa>>.
Oggi si parla della crisi dell’editoria in genere. C’è davvero un calo nella vendita di libri?
<<La causa della crisi dell’editoria va ricercata soprattutto negli attuali mezzi di comunicazione, che hanno portato via spazio destinato, in precedenza, quasi esclusivamente alla carta stampata. Ecco, quindi, emergere anche la crisi dei giornali (molti chiudono) e delle riviste letterarie che, tra l’altro, mancano di fondi. Esiste crisi anche perché i grandi editori si affidano soltanto su quei 9-10 autori italiani che danno loro sicurezza di vendita, tralasciando i giovani, tra i quali ci sarebbero ottimi talenti capaci di apportare quel rinnovamento necessario a risvegliare la curiosità dei lettori. Ti dirò che un grande editore di Milano si rifiuta di prendere in esame la pubblicazione di un qualunque libro che non gli assicuri perlomeno 20.000 copie di vendita. Finiamo, pertanto, in un circolo vizioso, in cui il calo di vendita, eccezion fatta per alcuni titoli, diviene una realtà inevitabile>>.
Lorenzo Masetta è nato in provincia di Vicenza nel 1940, vive e risiede a Torino da moltissimi anni. Dottore in Psicologia. Giornalista pubblicista dal 1968, Commendatore della Repubblica Italiana; è stato funzionario presso un Istituto medico/assicurativo per 27 anni. Nel 1976 gli è stato assegnato il Premio “Presidenza del Consiglio dei Ministri” per meriti culturali. Dal 1990 è libero professionista, prima come direttore della rivista culturale “Controcampo”, poi “Talento”, trasformata nel 2005 in Associazione culturale Talento(ACTA) di cui è Presidente fondatore. Ha pubblicato alcuni libri di poesia, testi di narrativa e saggistica che si trovano in antologie, riviste e giornali ove è stato anche corrispondente. Ha vinto molti premi per la poesia, e per il giornalismo e come operatore editoriale. Tra i “premi” vanno segnalati il “Bardonecchia”, “Bauzanum”(Bolzano), “Streghetta”, “Mortara”, “Caorle”, “Dante Alighieri”, “Victor Hugo”. E’ membro di giuria di alcuni concorsi letterari, tra cui “G.Bardesono”(teatro), “Piossasco” (poesia) e organizzatore dell’importante Premio letterario “La Mole” . E’ stato il mio primo editore, pubblicandomi negli anni Settanta, i libri giovanili di poesie “Poi vivi nel nulla” e “Forse non più per molto”.


Nessun commento:

Posta un commento