POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

venerdì, giugno 14

Ho litigato con un gatto...verde!

14 giugno 2013





Quando arrivai, in quella giungla inestricabile, mi chiesi dove avessi lasciato il machete poiché, per farsi strada, occorreva tagliare le sterpaglie e l’erba che era cresciuta così alta, da arrivarmi oltre le spalle. Dovevo raggiungere la pianta di rabarbaro, prima dell’arrivo delle macchine decespugliatori, che avrebbero raso al suolo anche quegli steli rossi, ottimi per confezionare una squisita marmellata.
Tornai indietro e mi procurai un coltellaccio affilato, per creare un varco in quell’intrico vegetativo che m’impediva la visuale per potermi orientare.
Finalmente raggiunsi la pianta di rabarbaro e, con lo stesso arnese, tagliai tutte le foglie con il loro stelo.  In seguito telefonai al giardiniere. Eh sì, non mi trovavo in una foresta tropicale, ma molto più banalmente, nel giardino della casa di campagna, che era stata chiusa per un anno intero, lasciata in balìa di ragnatele grandi come lenzuoli stesi al sole, e  di lumaconi neri che divoravano ogni vegetale commestibile, in quella giungla mai vista prima d’ora, tanto che mi sarei aspettata di intravedere la criniera di un leone e udire l’urlo di Tarzan.
Ora sono coperta di graffi ovunque, soprattutto sulle braccia, lasciati da rovi ed erbacce che non sono riuscita ad evitare. Mi pare di aver litigato con un gatto…verde!


Danila Oppio

1 commento:

  1. Davvero un'avventura dei nostri giorni e finalmente non in paesi esotici, ma nella campagna veneta e, non alla ricerca della Pietra Verde, ma per salvare quell'unica pianta di rabarbaro. Chissà chi ne ricorda ancora l'aroma? Negli anni '50 e '60 si trovavano ancora facilmente le caramelle al rabarbaro nelle confetterie. Roba da antiquari ormai e da archeologi alla Indiana Jones .
    Ciao. Angie

    RispondiElimina