POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

giovedì, ottobre 31

Ululato


Ulula l’affamata lupa
Lungo i muri roventi
E sotto gli umidi anfratti
Uggiola il cucciolo
Udendo i suoi lamenti

In questo tempo uggioso
Volano ubriachi i falchi
Irrisione ulteriore
Nell’ultimo tramonto

Ugualmente una prece
Sale uniforme ad altre
Universale pianto
D’una civiltà urtante

Urgente occorre aiuto
In quest’usurato tempo
Travolto da uragani
Di guerre tanto inutili

E’ l’anima dell’umanità
Ustionata da crimini
cruenti brutali sanguinari
Come devastanti uragani

L’usura della Terra
Urla il suo tormento
Che nulla può uguagliare
Resta dunque mera utopia
Ogni desiderio di pace

Racchiuso dentro un’urna
Sepolta nella melma
nauseabonda e putrida
Di questo mondo infame.

Danila Oppio
Inedita
declamando in U





       

2 commenti:

  1. Questi versi amarissimi rispecchiano perfettamente l'atmosfera del nostro tempo...
    Si tratta davvero di un mondo infame.
    Suona bene questa allitterazione in "u": ciao, Danila, e complimenti!

    RispondiElimina
  2. Grazie Laura, questi versi li ho composti stamattina...mi era venuta alla mente quella prima strofa..poi ho dato seguito alle altre! Le madri che piangono per i loro figli che non hanno da mangiare, dove c'è grande povertà, oppure non trovano lavoro, in questa moderna civiltà! Ciao e ancora grazie!

    RispondiElimina