POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

mercoledì, ottobre 23

Van Gogh e Van Hangh

Quando ci si imbatte in artisti di un certo calibro, non bisogna meravigliarsi se in loro alberga un briciolo di pazzia. E’ fondamentale una certa irrazionalità, affinché la creazione uscita dalle mani e dalla mente dell’autore abbia quella particolarità speciale, che la distingue da opere piatte, informi o insignificanti.
Van Gogh era affetto da sbalzi d’umore repentini, vere e proprie crisi anche auto lesive, momenti in cui si chiudeva nel suo mondo, nel quale era proibito l’accesso a chiunque, alternati ad altri in cui si confrontava con amici pittori o letterati, o si univa a legami d’amicizia, come con  Gauguin. Attraversava periodi di grande misticismo, ed altri di profonda depressione, panico, apatia, per poi riprendersi e ricominciare una vita “normale”.

Ho conosciuto un artista che, caratterialmente, gli è simile, col quale ho comunicato per quasi due anni, tra alti e bassi, tra suoi repentini sbalzi d’umore, durante i quali inveiva contro di me, a momenti di grande confidenza, ad altri di depressione e, in quei frangenti,  mi confidava di aver perso la volontà di comporre i suoi scritti. Ma mi sono affezionata a lui, così che ho sempre cercato di ascoltarlo, di seguirlo, di donargli il mio affetto sincero.
Di recente, questa persona, a conoscenza di interventi cui dovrò sottopormi tra non molto, mi ha scritto di voler starmi vicina, almeno con qualche telefonata, perché – sue parole – non desiderava abbandonarmi. Gliene sono stata grata. Qualche giorno dopo mi riscrive: “lo so, hai paura di perdermi, la stessa paura che ho io”. Con questa affermazione, chiunque penserebbe che il soggetto tiene alla nostra amicizia.
Gli scambi epistolari continuano sull’onda di racconti basati sulla quotidianità, compreso il ritorno alla scrittura, da parte sua. Non ho potuto che esultarne. Così mi sono tranquillizzata, sicura che fosse uscito da un tunnel che Van Hangh ha definito, simpaticamente, percorso da un trenino minerario, sul quale viaggiare nell’esistenza.
Poi cominciano ad arrivare e-mail dal contenuto non propriamente gentile, alle quali credo di aver risposto con pacatezza Eccole:

Tu non sei, come mi scrivi, in e-mail, protetta da un comodo anonimato (come dici che fanno certi tuoi lettori che scrivono a te invece di commentare sul blog) “Io sono quella, e sono anche l'esatto opposto, dipende dagli stati d'animo e dall'umore del momento”. Sul tuo blog tu rispondi a me sempre con 'sermoni'. Che se fossero quelli di un dolce sereno pacato prete di campagna ci sorriderei su, per la loro ingenuità.I tuoi sono sermoni saccenti, pronunciati da qualcuno che professa di possedere la verità. Usi parole ovvie, come se tu parlassi a un pubblico, e non a me, perché se quelle parole ovvie trite e ritrite sono rivolte a me vuol dire che mi ritieni proprio un tapino.
E poi vuoi pubblicarle sul tuo blog dopo le mie. Come a dire, guardate chi ho per le mani, non vi sembra una creatura esagerata questa qui, questo Van Hangh? Per fortuna ci sono io che poi accomodo tutto secondo verità.
 Guarda, Dani, che il blog è tuo, è secondo la tua coscienza che lo gestisci. E io alla tua coscienza ti lascio. I tuoi sermoni da preti che sanno quel tanto di latino sufficiente a imbonire la parrocchia, mi hanno stufato.
Va bene, Van Hangh, tu l'hai intesa così. Io non avevo nessuna intenzione di propinarti sermoni. Ma ogni tanto se tu non te la prendi con me, non sei contento. E se non scarichi i tuoi insulti su Dani, di tanto in tanto, non stai bene. Ieri sera mi pare che ci siamo scambiati e-mail normali. Poi ti gira di dirmene quattro e anche otto.
Dunque, io mi sono molto preoccupata per te, quando mi hai confidato, alcuni giorni fa, che eri a terra, che avevi addirittura pensato alla morte. (E mi torna in mente Van Gogh).  Che non volevi più scrivere. Ti ho sentito e sono stata male per te. Se quel che ti ho detto, li consideri sermoni, fa come credi. Ti ho trasmesso solo ciò che mi sentivo di dirti  in quel momento. Non ho mai pensato quel che mi stai dicendo, né in modo privato, né tantomeno pubblico. Ecco, solo adesso lo sto pensando, ovvero, ora si che ti comporti da persona esagerata. Se c'è una cosa che mi manda in bestia, è quando si modifica il mio pensiero, quando mi si mettono in testa pensieri mai avuti, E' la tua testa contorta, che ti fa dire cattiverie gratuite. E te la prendi anche coi preti, colpendo me.
Le persone che non commentano, o che lo fanno attraverso altre vie, non lo fanno privatamente, ma su Google plus o su FB. Perché in quella sede leggono la pagina del blog che trasmetto su quegli altri canali, e viene loro spontaneo commentare direttamente lì. Sta pur certo che, di quanto mi scrivi, non pubblicherò più nulla sul mio blog, così non ti verranno in mente pensieri strampalati su di me. (Ma questo post lo pubblico, a conclusione)Tu scrivi quel che senti, e ci tieni a difendere il tuo pensiero, ed io scrivo quel che il cuore mi detta, perché quello è il mio, e se sono stata educata cristianamente, ovvio che il mio pensiero - almeno in parte - rispecchi il pensiero di Cristo e non quello del demonio!

Ho riletto con calma la tua ultima e-mail. L'ho riletta analizzando ogni tua singola parola. 
SERMONI SACCENTI
PROFESSO DI SAPERE LA VERITA'
PAROLE OVVIE, TRITE E RITRITE
RITENERE TE UN TAPINO? (tutto il contrario)
GUARDATE CHI HO TRA LE MANI..NON VI SEMBRA UNA CREATURA ESAGERATA?
PER FORTUNA CI SONO IO CHE ACCOMODO TUTTO SECONDO VERITA'
I TUOI SERMONI DA PRETE MI HANNO STUFATO.
Ho estrapolato quanto mi hai scritto. E te ne ringrazio. Di me hai distorto proprio tutto, e me ne dispiace molto. Credo di averti dimostrato la mia totale amicizia, in mille e un modi. Credo di aver fatto il possibile per esserti vicino, almeno col cuore, se non fisicamente. E l'ho fatto volentieri, perché ti voglio bene. E per tutta risposta mi vomiti addosso queste belle paroline.
Se ogni tanto non ti fai prendere da questi momenti che non riesco neppure a definire, tanto sono ingiusti e cattivi, non sei tu. Ma anche questo fa parte di Van Hangh.
ciao
Dani

Fino a che, ieri, ricevo come una secchiata di acqua gelida, questa e-mail, imprevista ed imprevedibile:
Non ci riesco mica. Non riesco a dialogare con te. Ci ho provato per quasi due anni e non ce l'ho fatta.
Ho aspettato, con pazienza, dopo aver tentato e ritentato. Risultato: niente.
Analizzi le mie e-mail e me ne dai conto.
Compito facile. Sono ordinate e precise.
Ho provato tante volte a analizzare le tue e a parlartene. Ho tirato fuori delle cose dal tuo polverone, senza risultato. Le tue successive risposte alzavano solo altra polvere.
Oggi mi sono chiesta perché non ti metti tu a rileggere le tue e-mail, soprattutto quelle che ti è piaciuto pubblicare attaccate alle mie e te le studi e cerchi di capirci qualcosa tu? Sarebbe un atto di umiltà e servirebbe a scuotere la tua pigrizia mentale.Adesso sono stanca. 
Lasciami in pace.

Gli ho risposto così:

Come vuoi! Pretendi umiltà dagli altri, dall'altro del tuo piedistallo! Anch'io sono stanca di sentirmi criticare. Davvero da sfinimento. La mia pazienza ha un limite, ne ho avuta tantissima con te, che passi da momenti di tranquillità ad altri d’insofferenza acuta verso tutto e tutti. E spesso inventandoti motivi assolutamente assurdi.
Ho letto innumerevoli e-mail tue, di cui mi parli nel dettaglio di piccole cose accadute durante la tua giornata...ti ho seguito, ti ho capito..ma se appena ti racconto qualcosa, allora nulla è interessante, perché tutto giostra intorno alla tua persona e solo a quella. Ti bei di quel che fai e di quel che scrivi. Contenta per te, la tua autostima è altissima e buon pro ti faccia, anche se quando diventa eccessiva, si trasforma in superbia, e questa non è certo un pregio.(Mi riferisco anche alle e-mail pubblicate in questo blog, non solo a quelle private).
Ma sapevo che eri così, e ti ho accettato per quel che sei..cosa che tu non fai con nessuno, perché ad un certo punto...esci da quel trenino che viaggia nelle miniere, e sbandi. E raccogli tu, la polvere che semini durante il tuo cammino…polvere di carbone.
Metti a dura prova la pazienza di chi si relaziona con te, a durissima prova. Affari tuoi, se ami creare il vuoto intorno alla tua persona. Ti lascio in pace, ma quel che dovevo dirti, te l'ho detto in tutta sincerità. Buona vita, che sia piena di belle novità per te, te lo auguro di tutto cuore. Di me non sentirai più parlare. Ti ho messo a disposizione il mio blog, quasi l'ho creato per te. Ma solo quel che scrivi tu per te ha un senso, gli altri sono pattume, ai tuoi occhi: sia quel che fanno e che dicono. Bene, vivi nel tuo mondo incantato, nelle tue fantasie oniriche, spero che quelle ti facciano compagnia e ti riempiano la vita. 
Non sono mentalmente pigra, sono solo molto stanca, stanca perché devo ogni giorno occuparmi di tante cose, casa e persone (...) ma questo non mi ha impedito di relazionarmi con te e con altri che mi sono cari. Però non ho a mia disposizione tutto quel tempo che tu hai per i tuoi ragionamenti cervellotici, per elucubrare su cosa e sul come mi scrive una data persona. La accolgo com'è, la ascolto, non vado a crear paragoni: io sono migliore di lei, o inferiore a lei. Io scrivo meglio di lei, o sono la depositaria della verità assoluta. NO, io sono una persona semplice e lineare. Se a te non va come sono..bene, è stato bello averti conosciuto,ma non impongo la mia presenza a nessuno.
Questa è l'ultima e-mail che riceverai da me.

Stiamo parlando di una persona che per due anni non ha fatto altro che parlare di sé, di quanto lui sia bravo a scrivere, nessun scrittore scrive bene come lui. Stiamo trattando di una persona che parla solo di sé, della propria vita, e se cerchi di dire qualcosa che ti riguarda, neppure lo tiene in considerazione, come se le avessi inviato una pagina bianca. Di una persona che sta ad analizzare come ti comporti con la sintassi e la grammatica, ma non tiene in nessun conto quanto le comunichi.
Ecco, alla fine la colpa è mia, se non riesce a dialogare con me. Mai si è chiesto se forse sia lui a non saper dialogare con gli altri, poiché i suoi sono lunghi monologhi incentrati sul suo pensiero, la sua vita, le cose che fa.
Van Hangh dice di essere un cuoco speciale. Ma più che di tartine, di panna montata o di piccole varianti culinarie, non ho sentito raccontare. Però questo signore è un gran cuoco…mentre se gli racconto di quel che cucino – e alla mia tavola i miei ospiti hanno sempre molto apprezzato quanto imbandivo loro – è solo porcheria. Così per la scrittura. Così per tutto quanto mi riguarda. Ed io ho sempre incassato, tacendo.
A questa persona ho offerto un grande spazio su questo blog, e Van Hangh mi inviava personalmente i pezzi che voleva fossero pubblicati. In quel dato modo, con quelle date immagini. Ordinava, ed io ubbidivo. Tutti i pezzi pubblicati, quelli delle e-mail, per intenderci, sono passati sotto il suo vaglio, prima di essere postate sul blog. Se ci fosse stato qualcosa che non gli piaceva, certamente mi avrebbe imposto di tagliare, non pubblicare, modificare. Invece pareva andasse tutto a meraviglia. Ora dice l’esatto contrario.
E quel che ho fatto per lui, è stato come tutto fosse dovuto, per grazia ricevuta.
Ma no, io soffro di pigrizia mentale e sono priva di umiltà, Mannaggia li pescetti! Da che pulpito!
Quindi, d’ora in poi, non leggerete più nulla di quanto scrive Van Hangh!
Non darò spazio a persone squilibrate o squinternate.
Lascio la sua traccia, tutto quel che di lui ho pubblicato, sotto il suo vero nome, in modo tale che non abbia a dire che per lui non ho fatto nulla. Ho donato tutta la mia disponibilità, tempo prezioso tolto ad altro, e ho raccolto insulti ad iosa, e un bel calcio nel sedere.
Beh, certamente sono un’ingenua, forse sono stata troppo paziente e generosa, ma questo mi è servito da lezione. Su Versi in volo pubblicherò solo quel che piace a me, e non quel che mi si chiede di pubblicare.

Danila Oppio


Nessun commento:

Posta un commento