POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione. Recensioni stilate da me e da altri autori. Editoriali vari.
Pubblico poesie, racconti e dialoghi di vari autori.
Vi si possono trovare gallerie d'arte, fotografie, e quant'altro l'estro del momento mi suggerisce di pubblicare.
Sulla banda destra della home page, potete leggere i miei quattro e-book poetici ed altre sillogi di alcuni autori. Così come le riviste online de L'Approdo e de La Barba di Diogene, tutto si può sfogliare, è sufficiente cliccare sulla copertina.
Buona lettura!

lunedì, agosto 29

La calligrafia

Nell'articolo precedente abbiamo trattato della scrittura, dagli inizi fino alla stampa.
Ora invece desidero parlare di calligrafia, ovvero la bella scrittura.
Ricordo i tempi di scuola, quando la maestra ci insegnava i vari stili di scrittura manuale: il posato, il rotondo, il gotico, il corsivo. Ma commetteva, come tutti, un errore di fondo: ci diceva: fate il compito in classe in bella calligrafia. Che senso aveva, se calligrafia significa già "bella scrittura"? Avrebbe potuto dire; stendete il vostro compito in bella scrittura, o in bella grafia.

A conferma di questa mia tesi, la stessa Accademia della Crusca dice:
































Ricordo che mi insegnavano come scrivere bene, usando penna e calamaio, e pennini particolari, adatti ad ogni tipo di stile.













Quest'ultima prova di scrittura, in alcuni stili, cita un aforisma che dovrebbe essere inciso a caratteri cubitali nella nostra mente. 
Oggigiorno la bella grafia non si usa più, tutti scrivono secondo il loro stile, a volte illeggibile come certe ricette mediche (per fortuna attualmente i medici usano il pc e stampano!). 
Gli insegnanti tendono a dare priorità ai contenuti piuttosto che alla scrittura, ma poi si lamentano di non riuscire a leggere i compiti assegnati agli studenti, perché scritti con le zampe di gallina. 
Danila Oppio

Nessun commento:

Posta un commento