POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

venerdì, agosto 9

Papa Bergoglio e don Mario Peretti


Don Mario Peretti è stato coadiutore a Milano, presso la Basilica di San Marco, ha battezzato due dei miei figli e ho collaborato con lui in veste di catechista dell'iniziazione cristiana. Da molti anni, don Mario vive in Argentina, e ci racconta qualcosa del nostro Papa Francesco.


DALL'ARGENTINA
«Non ama la povertà: ama Cristo e non ha bisogno di nulla»
di Emanuele Braga
28/03/2013 - «Il suo non è uno stile, ma un modo di vivere la fede». Don Mario Peretti, missionario a Buenos Aires, racconta perché Bergoglio è inclassificabile. Il rapporto con i preti, con i movimenti. E quelle parole, ogni volta: «Prega per me. Lo dico sul serio»

·      
Nel 2008, in metropolitana.
Lo ha raccontato spesso agli amici, in questi giorni. Ma lo ripete volentieri, perché è un episodio che fa capire molto del nuovo Papa. «Lo avevano invitato a presentare L’attrattiva Gesù, di don Giussani. Aveva detto di sì, come sempre. "Ma non passatemi a prendere in macchina: vengo a piedi". Quando è arrivato, mi fa: "Strada facendo ho incontrato un uomo che mi ha chiesto di confessarlo. Mi sono messo dietro un’edicola, e l’ho fatto. Vedi? Se venivi a prendermi, non succedeva…"». Di fatti così, in questi anni, don Mario Peretti, sacerdote milanese trapiantato in Argentina dal 1993, ne ha visti parecchi. Jorge Mario Bergoglio è stato il suo Arcivescovo. Lo conosce bene. Dal primo incontro in cui «saputo che ero di Cl, si diede subito da fare perché potessi insegnare da qualche parte. Mi diceva: “Giovanni Paolo II punta molto sui movimenti. E ha ragione. Perché sono vivi. E servono in prima linea, sulla frontiera della Chiesa”».

Cosa hai capito di lui in questi anni?
È un uomo di Dio. Ama Cristo e la Chiesa e agisce a partire da questo, non da posizioni sociologiche o politiche. I giornali che hanno tentato di classificarlo come “progressista” o “conservatore” non ce l’hanno mai fatta. Impossibile.

I primi gesti che gli hai visto fare da Papa te li aspettavi?
Sì. È quello che faceva qui, non è una scelta in funzione del ruolo o della necessità di dare una svolta alla Chiesa. L’umiltà del conto pagato di persona o la rinuncia alla croce d’oro e tutto quello che stiamo vedendo a Roma, lo abbiamo visto di continuo a Buenos Aires. È proprio lui. Non sono solo tratti del carattere, dello stile di vita. Hanno a che fare con il suo modo di vivere la fede. Prendi quella richiesta ai fedeli, subito: «Pregate per me». Be’, non c’era una volta che qualcuno andasse a trovarlo e che il dialogo non si chiudesse con la stessa domanda: «Prega per me. Ma lo dico sul serio, perché ne ho proprio bisogno». Ma anche il richiamo alla misericordia è una costante sua. Così come quello alla povertà fa capire molto bene che cosa gli sta a cuore.

Perché?
Non è che Bergoglio ama la povertà: ama Cristo e non ha bisogno di nulla. È una posizione di fede, non di pauperismo. E infatti la vive semplicemente, senza ostentazioni, senza farne una bandiera ideologica. Per dire, non l’ho mai sentito fare polemiche contro la “Chiesa ricca”. Per lui è una questione di pienezza di vita. Nell’Arcivescovado aveva uno studiolo grande come quello di un parroco, con due sedie per gli ospiti e una per lui. All’uscita delle grandi celebrazioni, ormai lo sa tutto il mondo, lo potevi incontrare in metropolitana. Lui ha 76 anni. A 75 aveva dato le dimissioni, come di prammatica. Benedetto XVI le ha respinte. Ma qui si dice che Bergoglio avesse già accennato all’idea che, finito il suo compito di Vescovo, sarebbe andato a vivere in una casa di riposo per preti anziani…

Che rapporto aveva con i «suoi» preti?
Disponibilità totale. E appena possibile, senza intermediari. Lo chiamavi, e se non poteva rispondere si faceva vivo lui subito dopo. Non amava molto le questioni burocratiche: una volta mi ha detto «meglio fare le cose e chiedere perdono dopo, piuttosto che chiedere il permesso prima alla burocrazia e perdere tempo…». Qui i preti non sono molti. Ce n’è uno solo per parrocchia. Ma lui nelle Villas miserias, le favelas di qui, ha costituito delle parrocchie mettendo tre o quattro preti insieme, per sostenersi. Ha puntato sulla presenza nel mondo più disagiato, più povero. Lì sono nate storie come quella di padre Pepe, che ha dovuto andare via per due anni perché minacciato dai narcos: Bergoglio lo ha difeso di persona. Molta vita e niente ideologia, insomma. Qui a Buenos Aires tra i sacerdoti non c’è polemica tra progressisti e conservatori. I preti, in generale, sono innamorati di Cristo e missionari della fede. Punto.

Lo descrivono come uno che ascolta tutti, ma decide in solitudine. È così, almeno per come lo conosci tu?
Non è accentratore. Chiede. Domanda. Si confronta. Ma forse con una preferenza per i semplici. Ascolta molto i parroci, più che gli intellettuali e i superteologi. Pensa che si debba riconquistare la simpatia alla Chiesa mostrando una semplicità e una paternità, più che facendo grandi discorsi.

Come è stato il suo rapporto con Cl, lì?
Anche qui, disponibilità totale. Ogni volta che gli abbiamo chiesto qualcosa, ci ha aiutato. È intervenuto ad almeno quattro presentazioni dei libri di don Giussani, ha scritto la prefazione dell’edizione argentina di Perché la Chiesa. Una volta mi è capitato di telefonargli per dire che c’era un sacerdote disposto a venire qui in missione: la mattina dopo c’era già la sua lettera pronta per il Vescovo della Diocesi di quel prete.

Su quali temi spingerà di più?
La fede in Gesù. E una semplicità di vita che punti solo a quello, senza tanti corollari. A me, per esempio, ha colpito molto il richiamo continuo al suo ruolo di Vescovo di Roma: vuol dire molte cose, ma anche che vuole guidare la Chiesa vivendo in un punto preciso, partendo da una presenza concreta, non “gestendo i problemi”. E poi quell’altro richiamo, fisso: «La Chiesa è il pastore e il popolo, insieme». Dobbiamo costruirla insieme.
Da Tracce



In questa foto il cardinale Bergoglio affiancato da don Mario Peretti (alla sua sinistra, coi capelli bianchi)



Nessun commento:

Posta un commento