POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione. Recensioni stilate da me e da altri autori. Editoriali vari.
Pubblico poesie, racconti e dialoghi di vari autori.
Vi si possono trovare gallerie d'arte, fotografie, e quant'altro l'estro del momento mi suggerisce di pubblicare.
Sulla banda destra della home page, potete leggere i miei quattro e-book poetici ed altre sillogi di alcuni autori. Così come le riviste online de L'Approdo e de La Barba di Diogene, tutto si può sfogliare, è sufficiente cliccare sulla copertina.
Buona lettura!

sabato, luglio 8

SYRIA COM'ERA di Danila Oppio

Ho ritrovato i ricordi del viaggio in Siria, del 2006. Sono trascorsi 11 anni, e oggi tutto è cambiato, in male, purtroppo!


















































Riporto quanto dice a proposito della sicurezza: E' un Paese estremamente sicuro sotto ogni punto di vista Non c'è delinquenza, né droga.  Non esistono nel loro vocabolario le parole: stress, colite o gastrite nervosa. E' un popolo tranquillo e molto ospitale; ad ogni angolo di strada, da ogni passante, si sente dire solo:"Wellcome in Syria". In effetti è stato così, ma se volessimo fare del turismo in quel Paese, devastato da guerre intestine e non, non troveremo sorrisi e parole di benvenuto. Forse qualche proiettile vagante o una bomba sul nostro capo.
Ed ora, qualche scatto mio, di quel che era la Syria di un tempo.
Oggi una panoramica generale.







Panorama di Aleppo visto dal Chahba Sham Palace a cinque stelle
 Giardino dell'Hotel, visto dall'alto
 Uscendo dall'hotel di Aleppo




Un giro al suq di Aleppo reparto spezie

Palmyra Cham Palace cinque stelle

 Ingresso Damascus Cham Palace cinque stelle


























Hall Damascus Cham Palace



























La via di Damasco dove alloggiavo nell'hotel.




























Il suq di Damasco




























Stravolta dal caldo e dal troppo girare, sosta presso un negozio di artigianato locale, dove mi è stato offerto uno shay-bi-nana, ovvero un tè alla menta, e ho approfittato per scattare qualche foto, anche a me stessa riflessa in un artistico specchio. 
Prossimamente un servizio fotografico relativo alle bellezze monumentali e naturali della Syria. 

Danila Oppio


Nessun commento:

Posta un commento