POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione. Recensioni stilate da me e da altri autori. Editoriali vari.
Pubblico poesie, racconti e dialoghi di vari autori.
Vi si possono trovare gallerie d'arte, fotografie, e quant'altro l'estro del momento mi suggerisce di pubblicare.
Sulla banda destra della home page, potete leggere i miei quattro e-book poetici ed altre sillogi di alcuni autori. Così come le riviste online de L'Approdo e de La Barba di Diogene, tutto si può sfogliare, è sufficiente cliccare sulla copertina.
Buona lettura!

venerdì, luglio 21

PATRIZIA E EBLA CHAM PALACE A DAMASCO



PATRIZIA all’Ebla Cham Palace di Damasco
(o come guastare un viaggio organizzato)
 Del mio viaggio in Syria, conservo in particolare il ricordo di Patrizia, una ragazza con problematiche varie, di natura psicologica. E’ salita in aereo che già lamentava un forte mal di testa. Tutti eravamo preoccupati, pensando che sarebbe stato auspicabile se ne rimanesse a casa, per non dover affrontare un viaggio impegnativo. E’ voluta partire lo stesso. Durante tutto il periodo trascorso in quel Paese, ha monopolizzato il gruppo, togliendo serenità. 
Quando siamo scesi all’Ebla Cham Palace di Damasco, abbiamo occupato alcune camere al dodicesimo piano dell’hotel. Per la serata era organizzata una cena speciale al ristorante rotante, che si trovava al quattordicesimo piano dell’edificio. Nell'immagine sovrastante si nota sul fondo la colonna ottagonale dove era ubicato quel particolare ristorante.

Felice di quella nuova esperienza, mi sono accomodata al tavolo con altri partecipanti del viaggio, pronta a degustare una buona cenetta. Dalle finestre si poteva ammirare Damasco di notte, uno spettacolo incantevole. Sono riuscita a gustare gli antipasti poi, dal tavolo vicino, notai una certa agitazione. La compagna di stanza di Patrizia si è alzata, insieme al capogruppo, e si sono allontanati. Uno sguardo interrogativo si posava da un volto all'altro, nel tentativo di comprendere quanto fosse accaduto.
Un quarto d’ora dopo, quando avevo davanti a me una nuova pietanza, non ancora assaggiata, mi vennero a chiamare, e mi condussero nella camera di Patrizia, che nel frattempo si era messa a letto.




Che cosa volevano da me, se non di recarmi alla reception, per richiedere
 l’intervento di un medico, considerato che nessuno parlava arabo e neppure 
l’inglese. Scesi quindi al piano terra, parlai con il responsabile della reception 
e chiesi di chiamare un medico.  Il problema si dimostrò più complicato di quanto
pensassi. 
Era di venerdì, giorno di festa musulmana, e quindi nessun medico
 era disponibile, se non dopo la mezzanotte. Così attesi il suo arrivo, 
e lo accompagnai da Patrizia. Dovetti tradurre quanto il medico chiedeva 
alla ragazza, e a mia volta parlare con lei. Il medico mi guardò, si batté 
la tempia con il polpastrello dell’indice e aggiunse bisbigliando:
 “Questa donna non ha niente di preoccupante, è solo molto agitata. 
Le praticherò un’iniezione calmante e speriamo che dorma
, ليلة سعيدة (laylatan saeida). Buonanotte!
Ovviamente la mia cena era andata a pallino, così come lo spettacolo che
avrei potuto ammirare dal ristorante rotante. E questa è uno solo dei tanti
inconvenienti provocati da Patrizia.
Ho saputo che, rientratain Italia, è stata ricoverata in un ospedale per
accertamenti, tutti ormai convinti che avesse un tumore al cervello.
Lei andava dicendo che dagli esami clinici, si era evidenziata una macchia,
un’ombra sulla sua testa.  Conclusione: si trattava dell’herpes zoster, meglio conosciuto come “fuoco di Sant’Antonio”. Due anni dopo la incontrai, e scoppiava di salute.
Nota: Patrizia è un nome fittizio, ma il fatto assolutamente vero.
Danila Oppio

Nessun commento:

Posta un commento