POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

venerdì, luglio 21

Recensione di LAURA VARGIU al romanzo ONEIRIKOS di Danila Oppio






La mia recensione al romanzo "Oneirikos" di Danila Oppio, L'ArgoLibro, 2017. Complimenti all'autrice!
“La vita sulla Terra ritornerà.”





Sullo sfondo di un mondo ormai devastato da una guerra atomica, un dialogo intenso, profondo e appassionato tra due entità che in un lontano passato erano state esseri umani e che, a seguito del disastro, avevano finito per disperdersi nel tempo e nello spazio prive di qualsiasi consistenza corporea.
“Adam non era un eremita, piuttosto qualcuno di ben diverso, dal quale desiderava ottenere una spiegazione, che accendesse almeno una lanterna, in quel buio totale in cui era sprofondata. […] Per tutto quel periodo, Eve viaggiò nell’etere come polvere cosmica. Non si capacitava del tempo che stava trascorrendo, non comprendeva in quale situazione si trovasse e chi lei fosse. Era consapevole di non possedere più un corpo, distrutto in seguito all’esplosione nucleare.”
I due protagonisti, Eve e Adam, interlocutori d’eccezione attraverso un fortuito collegamento telepatico, hanno nomi simbolici e, in un certo qual modo, impegnativi che sembrano auspicare la rinascita del pianeta. Il loro sarà un fitto scambio di idee, ricordi, emozioni, a dispetto di tanta apocalittica distruzione che li circonda.

Potrebbe apparire un romanzo “anomalo”, questo nuovo lavoro di Danila Oppio, nel senso che, a inizio lettura, il genere non risulta facilmente inquadrabile e c’è il rischio di restare un poco spiazzati. Man mano che si sviluppa il dialogo, tuttavia, si viene travolti (e coinvolti) dal flusso ininterrotto delle parole. Il lettore non si aspetti di trovare fra queste pagine una narrazione fatta di azione e repentini cambi di scena in cui Adam ed Eve si muovono; vi regna, semmai, una dimensione statica, quasi onirica, dove però ci s’imbatte in un susseguirsi incessante di pensieri e riflessioni che ripercorrono il percorso della vita passata di entrambi; ma non solo. È anche un testo che trasuda sconfinata cultura: arte, letteratura, filosofia, scienza, spiritualità… Ha scritto bene Salvo Figura, nella sua articolata prefazione, che l’autrice lo ha condotto“nell’Eden, poi in via Panisperna, nel deserto del Nevada, tra le macerie di Hiroshima, ma anche nell’Empireo, nei cieli di Dio e in quelli di Dante.” Altrettanto interessante la postfazione di Tommaso Mondelli, che pone l’accento sul “clima surreale” nel quale si svolge la vicenda e sulla fine del mondo purtroppo dietro l’angolo, vista la sconsideratezza da parte dell’uomo nella gestione delle risorse della Terra, ricchezze d’incommensurabile ma sempre incompreso valore.

Non è da tutti scrivere degli stessi argomenti e allo stesso modo, forse perché non tutti hanno la medesima sensibilità, umana e artistica, che emerge da questo scritto. Un libro che celebra l’amore per la vita e per la conoscenza nel suo significato più ampio, invitando alla speranza e alla ricerca di quel senso dell’esistenza, chissà perché, sempre così difficile da trovare. 

Un grato plauso a Danila per tutto questo. E un personalissimo grazie di cuore anche per tutto ciò che, come noi diciamo, casuale non è… Lei sa il perché.
Laura Vargiu


Nessun commento:

Posta un commento