POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione
Un diario dei miei pensieri non segreto, ma aperto a tutti.
E le poesie di amici e poeti illustri, che più mi hanno colpito.
In calce alla home page, così come sulla destra della stessa, potete leggere i miei quattro e-book, basta cliccare sulla copertina, e si apriranno le pagine. Buona lettura!

domenica, ottobre 9

Il bambino con l'accetta di Angela Fabbri

IL  BAMBINO  CON  L’ACCETTA


Mi rendo conto adesso che vorrei tutto fosse sempre pulito e limpido. Come quando ero molto piccola: Le cose brutte erano solo un sogno che passava via.
Tutto mi andava sempre spiegato per filo e per segno finchè solo acqua trasparente doveva restare.
Se anche una sola ombra l’avesse attraversata, avrei tagliato i ponti.
Questo si fa, da bambini.
Il fatto è che ho continuato a farlo anche da grande. Non mi sono accorta, quando mescolavo i colori per dipingere, che anche la vita è così: un insieme fuso e confuso di tante cose. La luce che la fa brillare è quella di tante verità.
E ognuna di esse taglia le altre e le sfaccetta, come un caleidoscopio.
Ma da bambini si taglia con l’accetta, si separa il buono dal cattivo secondo il nostro ingenuo e primitivo sentire.
La vita, così, è più semplice, fatta di GUERRA e di PACE.
Pare che l’essere umano abbia preso come direttiva quella più semplice.
<< TAGLIA (per un tempo infinito) e poi RICUCE >>
E anche i bambini presi in mezzo a questo Mondiale ‘Taglia e Cuci’ sono costretti ad accettare la direttiva. A non chiederne il perché. Non si chiede il perché si sopravvive.
E neanche il perché si vive. E con chi.
Gli ultimi due appartengono solo al fortunato bambino con l’accetta. Che può accettare o no.

Angela Fabbri
(Ferrara CNN notte fra 26 e 27 settembre 2016)



Nessun commento:

Posta un commento