POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione. Recensioni stilate da me e da altri autori. Editoriali vari.
Pubblico poesie, racconti e dialoghi di vari autori.
Vi si possono trovare gallerie d'arte, fotografie, e quant'altro l'estro del momento mi suggerisce di pubblicare.
Sulla banda destra della home page, potete leggere i miei quattro e-book poetici ed altre sillogi di alcuni autori. Così come le riviste online de L'Approdo e de La Barba di Diogene, tutto si può sfogliare, è sufficiente cliccare sulla copertina.
Buona lettura!

mercoledì, ottobre 26

Plaisir d'amour (plus que ma vie) di Coucou, Sèlavy!



Fantastica versione di Coucou! Un'interpretazione di tutto rispetto e, mentre ascoltate, leggete questa sua sofferta poesia:

FRATELLO



Fratello d’estreme unzioni quotidie
Vorresti ancor tu, come me
Rifugiarti nello stile, fare lo stilita
Dall’alto di una colonna
Bestemmiarti in quanto madonna
Orfano e vedova, mai padre
Seppellito in abbracci che ricalcano cristologiche crocifissioni?
Come madri carezzevoli noi vi abbiamo accolto in un mormorare di onde flessuose e rilanciato indietro, adunchi, gli spilli che appuntaste sui nostri cuori
Oppure no
Essere feriti è ferire
E quale che fosse il confine un corpo valeva l’altro, per davvero
A questo mondo, intanto
Hanno smesso le bastonature –non ve n’è più bisogno!- dacché nessuno vuole sporcarsi le mani, e vano è divenuto ogni odio, d’insofferenza piano, taciuto, segretamente profuso e consensualmente diffuso fino ad annichilire l’Uomo
Io ricordo soltanto che


Dormivamo appesi per i piedi, e poi battevamo la testa per quell’allungamento provocato dalla forza di gravità
Mentre qualcuno giudicava gli armadi che soli ci ospitavano, noi non chiedevamo che di marcire nel ventre ‘nvostro e marciare di ferma e furiosa fede
Oh ci internassero, sì, una volta per tutte
E fosse solo per restare, senza via d’uscita … Invece di ronzare, ronzare, ronzare
Perché sono troppe vite che ci gettiamo dalla finestra per rientrar subito dopo in casa – una porticina sul retro, niente portone principale - accompagnati in ciascun passo scandito, cantato, da maggiordomi ingannevolmente luciferini

Nessun commento:

Posta un commento