POETANDO

In questo blog raccolgo tutti gli scritti, poetici e in prosa, disegni e dipinti di mia ideazione. Recensioni stilate da me e da altri autori. Editoriali vari.
Pubblico poesie, racconti e dialoghi di vari autori.
Vi si possono trovare gallerie d'arte, fotografie, e quant'altro l'estro del momento mi suggerisce di pubblicare.
Sulla banda destra della home page, potete leggere i miei quattro e-book poetici ed altre sillogi di alcuni autori. Così come le riviste online de L'Approdo e de La Barba di Diogene, tutto si può sfogliare, è sufficiente cliccare sulla copertina.
Buona lettura!

sabato, ottobre 22

Per questo il peso viene taciuto...di Alessia D'Errigo



Per questo il peso viene taciuto
mia bella scrivana dagli occhi smerigli.
La sopravvivenza è un liuto soffiato dal grano
viene macerato dai cecchini dell'inganno.
Ed è vero, sebbene ne rifiuti la specie
che essa è parte di un giardino segreto,
di un albero rimasto immobile, impasto
del pane quotidiano.
Mi chiedo chi sia l'artefice
di una radice così torbida, mi chiedo se gli angeli
soffrano come noi, appollaiati nel mezzocielo
senza avere più corpo né ostia di Dio,
analfabeti scomposti di colpe.
Ingenuità, fatti mia!
Che al tuo posto viene il peso,
la carena del disincanto, con bocche e lingue
ne trafuga la soavità, la delusione che fece
me, e te, come un solo essere divino, posto
nella similitudine beata di un canto. Vieni.
Prendi atto di questa sbornia, ch'io non possa più
vedermi, nella croce del padre, nel velo della madre
come un abietto confessore di colpe e peccati.
Oh, mia scrivana bella!
Tu ne dividi il cuore come un sasso,
un comprensorio che chiede voce
di tanto e tutto il bene,
nella tana, nella sua piccola tana
scavata da cibo e speranze,
letargo dei giorni, piccola mia
Amata. Amata. Amata.


Alessia D'Errigo

Nessun commento:

Posta un commento